14 C
Foggia
31 Ottobre 2020
Foggia Calcio

Il Foggia Calcio perde 2-1 a Catanzaro e resta ancora in 10 uomini

Non basta tanta buona volontà. Il Foggia Calcio perde 2-1 a Catanzaro nella prima trasferta della sua stagione. Va sotto per un gol di Evacuo, recupera con un rigore di Curcio e sembra poter gestire il pari. Poi subisce il gol di Carlini nella ripresa e subito dopo rimane in dieci per l’espulsione (evitabile) di Anelli.

NOVITA’ – Marchionni cambia il modulo e sceglie il 3-4-1-2, con Gentile arretrato nel ruolo di perno difensivo al posto dello squalificato Gavazzi; Curcio alle spalle di Dell’Agnello e D’Andrea in un’inedita coppia di attacco. Lo spartito del match sembra delinearsi chiaro nel primo tempo. Il Foggia Calcio cerca di rompere il gioco pressando alto per poi provare a puntare la rete; il Catanzaro gioca rapido, dopo ogni pallone recuperato, verso le punte, con il fisico di Evacuo e la velocità di Di Piazza

PRIMO TEMPO – Al 4′ Contessa mette al centro per Di Piazza ma il colpo di testa dell’ex rossonero esce a lato. La scena si ripete due minuti dopo, ma il destro in girata di Di Piazza è debole e viene afferrato dal portiere. Sempre l’attaccante del Catanzaro al 13′ divora il gol del vantaggio. Un lancio lungo trova la difesa del Foggia altissima: Germinio scivola e apre un’autostrada per Di Piazza, che si lancia verso la rete ma dopo essersi allargato per evitare Fumagalli calcia altissimo. Al 16′ Contessa ci prova con l’esterno sinistro ma la sfera termina alta. Tante azioni che diventano l’antipasto del gol, che arriva al 17′  con il bomber Felice Evacuo, alla sua prima con la maglia del Catanzaro. Riceve palla su una verticalizzazione, entra in area tagliando fuori Anelli (sorprendendolo alle spalle) e calcia in porta superando Fumagalli. Al 19′ Baldassin prova l’azione personale, affonda e rientra sul destro per poi impegnare Fumagalli alla parata. Un minuto dopo Contessa mette al centro un pallone che Evacuo, in tuffo, spedisce di pochi centimetri sopra l’incrocio, a portiere battuto. Al 30′ il Foggia ha un guizzo buono, il primo, e con Curcio agguanta il pareggio. Il numero dieci rossonero entra in area e viene toccato dal portiere in uscita. Dal dischetto lo stesso Curcio non sbaglia. Al 41′, un cross all’apparenza innocuo di Contessa (sul quale Evacuo non interviene) attraversa tutta l’area e arriva sui piedi di Di Piazza (sul quale la marcatura di Germinio è blanda), ma il tiro a colpo sicuro si stampa incredibilmente sulla base del palo.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa Calabro cambia gli uomini in attacco. Escono Verna e Di Piazza, entrano al loro posto Carlini e Curiale. Ma è il Foggia a tenere meglio il campo nei primi minuti. Al 50′ Curcio ci prova su punizione dalla trequarti ma la sfera è alta. Al 63′ Curcio gira a rete una sponda rasoterra di Dell’Agnello, ma la sfera è debole e centrale ed il portiere del Catanzaro para. Al 72′  il match cambia. Fumagalli diventa assoluto protagonista: prima dice di no a Di Massimo (subentrato ad Evacuo), mettendo la mano sulla conclusione del calciatore giallorosso, poi interviene di piedi sulla conclusione di Casoli. Sono però le avvisaglie del gol che arriva al 73′ su cross di Fazio è Carlini a gira al volo in porta beffando  Fumagalli. Piove sul bagnato quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Anelli rifila un calcetto al portiere e rimedia il rosso diretto. All’80’ Di Massimo si porta a spasso la difesa del Foggia per poi incrociare un rasoterra di sinistro che sfiora il palo. Nel recupero una punizione di Gentile, potente e precisa, viene salvata coi pugni dal portiere. Prima del triplice fischio il foggia ha la palla del pari ma Di Masi calcia sull’esterno della rete da buona posizione.

CATANZARO (3-4-1-2) – Branduani; Riccardi, Fazio, Pinna; Garufo (65′ Casoli), Corapi, Baldissin (76′ Altobelli), Contessa; Verna (46′ Carlini); Di Piazza (46′ Curiale), Evacuo (61′ Di Masismo). A disp.: Iannì, Di Gennaro, Riggio, Evan’s, Risolo, Pipicella. All. Antonio Calabro

FOGGIA (3-4-1-2) – Fumagalli; Anelli, Gentile, Germinio; Kalombo (74′ Di Masi), Garofalo (65′ Vitale), Raggio Garibaldi (85′ Tascini), Ndiaye; Curcio (74′ Rocca); Dell’Agnello, D’Andrea. A disp.: Di Stasio, Iannone, Agostinone, Morrone, Lucarelli, Aramini, Pompa, Balde. All. Marco Marchionni.

ARBITRO – Gianpiero Miele di Nola (Cataldo di Bergamo / Valletta di Napoli)

MARCATORI – 18′ Evacuo (C), 34′ Curcio (F), 73′ Carlini (C),

AMMONITI – Curcio (F), Fumagalli (F), D’Andrea (F), Corapi (C), Ndiaye (F), Kalombo (F), Di Massimo (C), Pinna (C)

ESPULSI – 77′ Anelli (F)

ANGOLI – 5-4

RECUPERO – 1’p.t./5’s.t.

Potrebbero interessarti:

Foggia Calcio, Agnelli: “Quello che è successo è una cosa che va oltre il calcio”

La Redazione

Violenza sul Foggia Calcio, il comunicato del CONI Foggia: “isolare la violenza”

Domenico Carella

2° puntata di GOAL! #LaReteCheVaInRete – “Diversamente Nember”

La Redazione