16.6 C
Foggia
5 Marzo 2021
Scherma

Diramate le convocazioni per la squadra azzurra, ci sono i pugliesi Cicchetti e Iandolo

CAMPIONATI DEL MEDITERRANEO TUNISI2020. ROMA – Sono state diramate le convocazioni per i Campionati del Mediterraneo 2020. La manifestazione giovanile promossa dalla Confederazione del Mediterraneo e che coinvolge tutti i Paesi che si affacciano sul bacino del “Mare Nostrum”, si svolgerà a Tunisi da venerdì 24 a domenica 26 gennaio.

La delegazione azzurra che salirà sulle pedane tunisine si compone di diciotto atleti e fra di essi figurano due pugliesi: Davide Cicchetti del Circolo Schermistico Dauno nella sciabola e Francesco Pio Iandolo, tesserato per il Club Scherma Salerno ma pugliese per nascita e formazione schermistica, nel fioretto.

Il programma delle gare prevede per venerdì 24 gennaio lo svolgimento delle gare di tutte e sei le specialità per la categoria Cadetti. Sabato invece in pedana si affronteranno gli Under20 mentre domenica 26 gennaio si concluderà con le gare a squadre miste per armi.

Lo staff tecnico è composto da Marco Autuori per il fioretto, Gaspare Faugiana per la sciabola ed Alfredo Rota per la spada. A guidare la delegazione azzurra sarà il consigliere federale Vincenzo De Bartolomeo, mentre il dottor Matteo Angelelli fornirà l’assistenza medica. L’esperto Luigi Petyx sarà il tecnico delle armi, mentre l’arbitro italiano a servizio della direzione di torneo sarà Gaia Procopio.

CAMPIONATI DEL MEDITERRANEO 2020 – Tunisi, 24-26 gennaio 2020

PROGRAMMA GARE

Venerdi 24 gennaio

Gare Cadetti

Sabato 25 gennaio

Gare Giovani

Domenica 26 gennaio

Gare a squadre

Per conto di:

Ufficio Stampa

Federazione Italiana Scherma


Contatti PUGLIA: Siro Palladino
media@federscherma.it

Potrebbero interessarti:

Nardella convocato per i Mondiali di Torun. Il presidente Scarso ringrazia il comitato Foggia 2019

La Redazione

Iandolo alla Coppa del Mondo Coop Nord Est di Udine

La Redazione

Roberto Lippolis nuovo Presidente del Comitato Regionale Federscherma Puglia: “Ora più che mai è necessaria unità di intenti”

La Redazione