Patino a Foggiasport24: “Tifosi, no a paragoni con Pugliese. Se il Foggia va in C porto Felleca in gondola”

Patino a Foggiasport24: “Tifosi, no a paragoni con Pugliese. Se il Foggia va in C porto Felleca in gondola”

Patino a Foggiasport24: “Tifosi, no a paragoni con Pugliese. Se il Foggia va in C porto Felleca in gondola”

«Tifosi, vi prego, non fate paragoni con Don Oronzo Pugliese». Ciccio Patino, primo capitano del Foggia Calcio in Serie A, chiama la redazione di Foggiasport24.com per dire la sua.
«Con il mio telefono moderno ho la possibilità di seguire tutti i giorni le vicende del Foggia. Ultimamente ho visto cose che, però, mi hanno lasciato perplesso. Dopo sette risultati consecutivi sono stati fatti paragoni tra questa squadra ed il Foggia di Oronzo Pugliese. Per quanto rispetti, stimi e sia grande sostenitore dell’attuale formazione rossonera, permettetemi di dissentire da questi giudizi. E lo dico da ex allievo di Don Oronzo. Lui ha vinto un campionato di Serie B nel 1963-1964 con 24 (e ribadisco 24) risultati utili consecutivi. E’ stato insignito del “seminatore d’oro” ed eletto dalla stampa nazionale “Mago del Sud”, in contrapposizione a Helenio Herrera, famoso per essere il “mago del Nord”. E’ stato tacciato di difensivismo, ma con lui giocavano Micheli, Lazzotti, Maioli, Oltramari, Patino e Nocera. Ben sei uomini di attacco. Insomma, la strada per questo Foggia è ancora lunga. Io mi auguro che possa percorrerla e quantomeno salire subito in Serie C».

Patino è un fiume in piena, con parole che sgorgano dall’amore che non ha mai nascosto per il Foggia. Quello stesso amore che la scorsa estate lo ha portato ad acquistare un abbonamento di curva per il campionato di Serie D del Foggia e a regalarlo a un tifoso foggiano. Lui che vive a 800 km di distanza, nella lontana Lido di Venezia. «Adesso lo faccio io un paragone, che diventa un suggerimento. Anche alla mia squadra capitò di perdere una partita importante. Era un Foggia-Lecce di fine campionato. Uno scontro diretto perso a poche giornate dalla chiusura della stagione. Un passo falso che quasi ci costò la promozione in Serie B, poi conquistata per nostra gioia. A fine partita eravamo distrutti e il più arrabbiato era proprio Pugliese. Il massaggiatore dell’epoca ci raccontò che prima di fare ingresso nello spogliatoio prese a testate una porta per scaricare la rabbia, procurandosi anche una ferita. Tirò un respiro e si stampò un sorriso a 32 denti sul volto. Entrò e ci disse con calma: “Tranquilli ragazzi. Se avessimo vinto oggi il campionato non avrebbe avuto più interesse. O no? Oggi andiamo tutti a cena al Cicolella (ristorante di Foggia) e sono invitate anche le vostre signore”. Ecco, questa è stata la forza di Pugliese e la sua capacità di aiutare il gruppo nei momenti difficili».

Poi un consiglio per il tecnico. «L’ho sentito lamentarsi, giustamente, dei campi di patate sui quali sono andati a giocare nelle ultime giornate. Io eviterei di farlo, perché gli altri potrebbero rovinarli volontariamente i terreni di gioco prima di affrontare il Foggia. Non dimentichi l’esempio di Pugliese che mise la sansa sul campo dello Zaccheria quando battemmo l’Inter. Fu uno scherzetto per Helenio Herrera. La sansa prendeva la gola e non faceva respirare chi era abituato, come noi. Figuriamoci l’Inter. Non fece bagnare il terreno (in terra battuta) per un mese, rendendolo durissimo, mentre l’Inter era abituata alla soffice erbetta». E aggiunge: «Se si va a giocare su questi campi, mister, porti la squadra ad allenarsi su un campetto di periferia, così inizieranno ad abituarsi alle difficoltà».

Poi una parola per il presidente Felleca. «L’ho sentito quando ho regalato l’abbonamento a un tifoso e per l’emozione ho dimenticato una cosa importante. Se porta il Foggia in Serie D lo invito a Lido di Venezia e affitterò per lui l’ultima gondola del Doge per fargli fare un giro in Canal Grande per poi essere ricevuto in piazza San Marco dal Sindaco».

L’ultima parola è per i tifosi: «Forza ragazzi, state vicino alla squadra e può arrivare la promozione in Serie C che meritate per la passione che avete dimostrato non solo a Foggia ma in tutta Italia».

Visita: Foggiasport24.com
CLICCA QUI
per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook
CLICCA QUI per SEGUIRE il nostro profilo Twitter
CLICCA QUI per essere un FOLLOWER del nostro profilo Instagram
CLICCA QUI per seguire la pagina di Domenico Carella- Comunicatore

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".