“Il calcio sui… maccheroni” – La cucina torrese

“Il calcio sui… maccheroni” – La cucina torrese

“Il calcio sui… maccheroni” – La cucina torrese

A pochi giorni dalla partita con il Brindisi, torna l’appuntamento con la rubrica culinaria di Foggiasport24.com. La ricetta di oggi è  “A Semmulella”, tipica di Torre del Greco (Turris) prossimo avversario del Foggia in Coppa Italia mercoledì 16 Ottobre allo stadio “Zaccheria” alle ore 18:00. Buon appetito e Forza Foggia!

Ingredienti:

  • 600 g  di semola di grano duro
  • 150 g di lievito madre
  • 120 g circa di acqua
  • 1 cucchiaino di malto
  • 14 g di sale

Procedimento – In una ciotola capiente, versare la semola di grano duro, il lievito madre e il cucchiaino di malto, ed iniziare ad impastare.

L’impasto risulterà duro e molto probabilmente sfarinoso, sarà questo il momento di aggiungere lentamente l’acqua, continuando sempre a lavorare il composto, fino a farla assorbire tutta e poi aggiungere il sale continuando ad impastare.

A questo punto, cospargere il piano da lavoro con della semola e stendere leggermente il panetto con le dita della mani, suddividere mentalmente il panetto spianato in tre parti e piegare il lembo superiore verso il centro così come quello inferiore che si andrà adagiare sull’estremità del lembo superiore.

Allungare un po’ il panetto così piegato e ripetere l’operazione sulla lunghezza del panetto già ripiegato, completando così l’operazione che in gergo culinario viene semplicemente definita “piega a tre”.

Fatto questo far riposare il panetto coperto da un canovaccio, per circa 40 minuti, avendo cura di poggiare il lato di chiusura delle pieghe, in modo da non far riaprire il panetto durante la lievitazione.

Trascorsi i 4o minuti, ripetere l’operazione delle pieghe a tre, arrotondare il panetto con i palmi delle mani, e lasciar riposare coperto da pellicola per altre 4-5 ora circa.

Fatto ciò, suddividere l’impasto in diverse palline da circa 200 g ciascuna. stendere delicatamente ogni pallina di impasto e chiuderla come una busta da lettera, girare di 9o gradi la forma, arrotolarla s se stessa e chiuderla pagnotta pizzicandola per sigillarla. Procedere così per tutte le palline di impasto.

Adagiare i filoncini di semola, su una teglia rivestita di carta forno e poi coprirli con pellicola trasparente aspettando 2 ore per la lievitazione.

Riscaldare il forno a 220 gradi, incidere le semolelle sulla loro lunghezza, con un coltello affilato e poi infornare, avendo cura di inserire un pentolino pieno d’acqua in forno per creare vapore per circa 10 minuti.

Trascorsi i primi 10 minuti, abbassare la temperatura a 200 gradi e far cuocere altri 15 minuti. Togliere il pentolino dal forno e far completare la cottura per i restanti 10 minuti a 180 gradi, gli ultimi 5 minuti lasciare il forno leggermente aperto.

Terminata la cottura, sfornare le semolelle e servirle bollenti, accompagnate dalle famose alici e l’olio d’oliva, in modo da portare in tavola il profumo, il sapore e la bontà del pane di Torre del Greco.

Fonte ricetta: vesuviolive.it. Foto: “Di Testa e di Gola”

Visita: Foggiasport24.com
CLICCA QUI
per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook
CLICCA QUI per scaricare gratis la nostra app Android

Biografia Autore