Un Foggia volenteroso e sfortunato non va oltre il pareggio contro il Pescara

Un Foggia volenteroso e sfortunato non va oltre il pareggio contro il Pescara

Al termine di una gara giocata con voglia e buone trame, il Foggia chiude in parità con il Pescara in un match deciso dalle reti di Deli a fine primo tempo e di Mancuso (su un rigore apparso dubbio) nella ripresa. Un palo per Iemmello fermato anche da un miracolo di Fiorillo sull’1-0

PRIMO TEMPO – Padalino ripropone il 4-3-3 di Palermo con Loiacono al posto dell’indisponibile Ngawa e Deli in luogo dello squalificato Gerbo. Confermato il tridente con Galano, Iemmello e Kragl. Pillon, tecnico del Pescara, rispetta le indicazioni della vigilia e sostituisce Gravillon e Del Grosso con Campagnaro e Ciofani (con Balzano dirottato sull’out sinistro). In avanti la coppia Monachello e Mancuso supportata da Marras. Dopo un predominio iniziale del Pescara (con 5 angoli nei primi 7’ e un quasi autogol di Martinelli in tuffo di testa su traversone tagliato di Melegoni), la partita si fa più equilibrata e il Foggia si fa vedere in avanti al 16’ con Iemmello imbeccato da Deli che si fa anticipare in uscita da Fiorillo. Tre minuti dopo ci prova Deli con un destro a giro (sarà la prova del gol) che termina di poco a lato. Lampo Pescara al 20’ con Monachello che dalla linea di fondo prova la magia con la palla che attraversa la linea di porta senza che nessuno la possa toccare. Al 24’ l’azione più raffinata dei rossoneri con un’imbucata di Deli per Busellato che crossa rasoterra per il destro perentorio di Loiacono finito di poco fuori. Pericoloso anche il Delfino poco più tardi con Marras che non inquadra la porta di un sempre attento Leali su traversone di Ciofani appena respinto dalla difesa rossonera. Si rivede il Foggia con Busellato la cui conclusione quasi a botta sicura (su respinta corta di Fiorillo) viene stoppata alla disperata da un difensore ospite. Tra il 40’ e il 43’ si fa vedere due volte Monachello: sulla prima recupera una palla persa delittuosamente da Martinelli e conclude dai venticinque metri (trascurando peraltro Mancuso liberissimo alla sua sinistra); sulla seconda si accentra e tenta la botta di sinistro dal limite con la sfera che termina alla destra di Leali. Sui titoli di coda di un bel primo tempo ecco il gol del Foggia: la punizione dalla trequarti di Kragl viene respinta sui piedi di Billong che si libera elegantemente di un avversario e rigioca la palla che termina nei pressi del lato corto dell’area a Deli: il fantasista rossonero salta Scognamiglio, converge e lascia partire un destro all’angolino basso impossibile da parare per Fiorillo. Esplode lo Zaccheria e i satanelli vanno al riposo in vantaggio.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con gli stessi undici del primo tempo. Subito il primo angolo per il Foggia con Martinelli che in torsione gira di testa la battuta di Galano. Al 49’ grande giocata di Iemmello che colpisce il palo con un destro al fulmicotone dopo una pregevole azione in ripartenza. Sul capovolgimento di fronte sinistro a girare di Memushaj che lambisce il montante destro di Leali. Al 54’ destro da lontanissimo di Brugman, traiettoria controllata da Leali. Due minuti dopo conclusione insidiosa di Busellato che Fiorillo allunga in angolo. Al 62’ strepitoso duetto Iemmello-Galano con l’ex Bari che scucchiaia per il bomber la cui conclusione viene respinta miracolosamente da Fiorillo in uscita. Al 65’ da una palla di Marras per Mancuso nasce l’azione del rigore (molto dubbio!) per un fallo di Billong proprio su Mancuso, che realizza il penalty salendo a 13 gol. Al 71’ sinistro strozzato da Kragl su centro di Busellato. A questo punto la partita si apre con rapidi capovolgimenti di fronte: al 79’ contropiede ospite con Mancuso che appoggia a Monachello, debole il suo sinistro, fermato con facilità da Leali. All’80’ doppio cambio per Padalino con Mazzeo e Agnelli per gli stanchi Deli e Greco. Da segnalare all’89’ anche l’entrata di Matarese per Galano. Non succede più nulla sino al termine e dopo 5’ di recupero il sig. Volpi (contestato per l’assegnazione del rigore) fischia la fine di una gara briosa ma che non ha portato i tre punti sperati dal Foggia.

FOGGIA CALCIO – PESCARA 1-1
MARCATORI – 44′ Deli (F), 22’ Mancuso (r) (P)

FOGGIA (4-3-3) – Leali; Loiacono, Billong, Martinelli, Ranieri; Busellato, Greco (80’ Agnelli), Deli (80’ Mazzeo); Galano (89’ Matarese), Iemmello, Kragl. A disp.: Noppert, Sarri, Cicerelli, Marcucci, Boldor, Ingrosso. All. Pasquale Padalino
PESCARA (4-3-1-2) – Fiorillo; Ciofani, Campagnaro, Scognamiglio, Balzano; Memushaj, Brugman, Melegoni (68’ Crecco); Marras (81’ Bruno); Mancuso, Monachello (85’ Del Sole). A disp.: Kastrati, Capone, Bellini, Pinto, Bettella, Perrotta, Antonucci, Kanoute, Sottil. All. Giuseppe Pillon

ARBITRO – Manuel Volpi della Sezione di Arezzo
ASSISTENTI – Damiano Margani di Latina e Michele Lombardi di Brescia
QUARTO UOMO – Luca Massimi di Termoli (Campobasso)
AMMONITI – 39’ Mancuso (P), 65’ Billong (F), 65’ Ranieri (F), 84’ Busellato (F)
ESPULSI –
ANGOLI – 2 / 8
RECUPERO – na / 5’
NOTE –

Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".