SERIE C SILVER. Un’esuberante Diamond, non lascia scampo al Cus Bari (106-70)

SERIE C SILVER. Un’esuberante Diamond, non lascia scampo al Cus Bari (106-70)

Foggia, 5 gennaio 2019. Comincia nel migliore dei modi il 2019 per la Diamond Foggia che raccoglie il secondo successo stagionale superando il Cus Bari (106-70). Con questa vittoria (prima stagionale al PalaRusso), la compagine foggiana aggancia in classifica proprio i “cugini” baresi e li supera anche per  effetto del miglior quoziente canestri conseguito nei due match disputati. Il delicato “scontro” salvezza non era per niente facile e di motivi ce n’erano diversi. Principalmente  la ripresa del torneo dopo tre settimane di stop forzato per le vacanze natalizie e, non ultimo, il grave lutto che alla vigilia della gara ha colpito la Presidentessa del club. Due handicap che potevano incidere negativamente sulla prestazione della squadra. Invece, sul campo le cose sono andate decisamente per il verso giusto. I ragazzi di coach Giovanni Rubino hanno sfoderato una prova superba esibendo carattere e volontà. A tratti hanno messo in evidenza anche belle giocate che hanno strappato applausi al pubblico presente. Alla fine i due punti sono ampiamente meritati.  I diamondini, col nastrino nero appuntato alla canotta nero arancione in segno di lutto, non hanno lesinato energie per cogliere il primo successo interno stagionale e poterlo dedicare, con affetto, a Rosanna, Dario e Bryan. Sicuramente il Cus Bari non è una delle big del torneo ma il +36 finale merita una giusta valutazione. La squadra, almeno in questa occasione, si è sbloccata mentalmente ed è tutto girato per il verso giusto. A confermare ciò, i numeri. Ben sei i giocatori in doppia cifra e, stavolta, il “solito” Kraljic non è stato il “solo” a perforare la retina avversa con una certa continuità. I ragazzi, tutti, dal primo all’ultimo, vanno elogiati ed è così che dovranno continuare per poter portare in porto l’obiettivo minimo della salvezza. A parte l’equilibrio dei primi 10’, la Diamond ha poi preso il sopravvento e il “largo”. Nel primo quarto i due quintetti si sono alternati nella conduzione del match. Petronelli e Abrescia vanno a segno entrambi per due volte e Lupo si dimostra buon tiratore dalla media distanza. I padroni di casa stentano a carburare. Zagni infila la prima “bomba”, poi solo uno ai liberi e si concede l’unico vantaggio “corposo” agli ospiti che cominciano a sognare in grande (al 5’, 4-10). A svegliare i ragazzi di coach Miriello ci pensa Kraljic che infila 4 triple consecutive e una giocata da due. A dargli manforte ci pensa Dinoia con due tiri precisi dal centro area. Petronella, Lupo e Rutigliano riescono a mantenere il Cus ancora in piedi ma i primi 10’ se li aggiudicano i padroni di casa (22-19). Nella seconda frazione la Diamond inserisce il turbo e comincia il suo show. Vigilante, Dinoia e Zagni dominano ai rimbalzi. Digiorgio dirige egregiamente le fasi del gioco. Mecci e Padalino prevalgono nell’uno contro uno e …, sul solito Kraljc, nulla da aggiungere: impressionante. La Diamond spinge e al 5’ piazza il primo importante break (11-0, 7 del “solito”) che Miriello interrompe col ricorso al timeout (al 7’, 43-26). Si riprende e il Cus restituisce parzialmente (0-7) ed attenua il divario prima del rientro negli spogliatoi (49-37). Alla ritorno sul parquet il capolavoro della Diamond. La difesa è imperiosa. Capitan Zagni e Dinoia non perdono colpi e  Padalino (15 p. nel parziale) diventa devastante rubando palloni in quantità industriale ed andando a canestro con determinazione. Quando non riescono a fermarlo con le buone lo fanno ricorrendo al fallo sistematico. Ma anche dalla lunetta PadAntonio è millimetricamente preciso. Sale in cattedra anche Vigilante si alterna col compagni di squadra nel realizzare punti importanti. Contributo in termini di punti arricchito dalle eccellenti giocate di Mecci e Digiorgio. Il Cus è nel “pallone” e il solo Abrescia non può frenare l’impeto dirompente della determinata Diamond ormai con i due punti in cassaforte (79-49). Che non si ferma neppure nei 10’ conclusivi. La sconfitta dell’andata brucia e c’è da ribaltare il 20-0. Kraljic, sempre lui, “suona“ l’ultimo squillo da tre, imitato per due volte da un superbo Vigilante. Padalino, Mecci, Digiorgio, Dinoia e Zagni, incitati dal pubblico continuano a dar spettacolo e a impolpare il carniere personale. Al 6’ il tabellone segna 100 per i dauni e 61 per i baresi. Il + 39 ormai non lascia scampo a variazioni sostanziali e i ragazzi diretti da coach Rubino amministrano con saggezza i pochi minuti finali del match. Al suono dell’ultima sirena è finalmente festa e i ragazzi corrono ad abbracciare Bryan, il loro Presidente. A lui, a Dario, a Rosanna e alla Signora Adriana volata in cielo, dedicano l’ottima prestazione e la prima vittoria del 2019. Grazie ragazzi per aver onorato al meglio la gara e aver regalato la possibilità di poter sorridere, sia pur per un attimo, in una giornata molto triste per il club.

Diamond Foggia – Cus Bari  106 -70  (22-19; 49-37; 79-49)

Diamond Foggia: A. Digiorgio 6, L. Vigilante 17, A. Kraljic 29, A. Padalino 19, A. Dinoia 14, S. Tricarico, B. Papa, C. Zagni 10, V. Mecci 11. Coach: G. Rubino.

Cus Bari:  P. Abrescia 16, A. Muscatelli 6, G. Petronella 16, N. Lupo 14, A. Rutigliano 7, D. De Astis, A. De Astis, A. Ravelli 9, A. Battista, G. Giovine 2. Coach: R. Miriello.

Arbitri: Francesco Anselmi di Ruvo di Puglia e Ambrogio Laterza di Mola di Bari.

Parziali: (22-19; 27-18; 30-12; 27-21)

i ^ , “”:

Angel Manfredonia 88 : 68 Pallacanestro Molfetta
Virtus Molfetta 122 : 37 Murgia Santeramo
Peugeot Tartarelli Monopoli 69 : 77 Invicta Brindisi
Diamond Foggia 106 : 70 Cus Bari
Anspi S.Rita Taranto 71 : 70 Adria Bari

Dinamo Basket Brindisi 68 : 111 Nuova Cestistica Barletta

, “”, ^

№ Team Points
1 Virtus Molfetta 22
2 Anspi S.Rita Taranto 20
3 Pallacanestro Molfetta 18
4 Angel Manfredonia 18
5 Nuova Cestistica Barletta 14 (*)
6 Dinamo Basket Brindisi 12 (*)
7 Adria Bari 10
8 Peugeot Tartarelli Monopoli 10
9 Invicta Brindisi 10
10 Diamond Foggia 4
11 Cus Bari 4
12 Murgia Santeramo 0
(*) una gara in meno

A cura Area Comunicazione Asd Diamond Basket Foggia

ASD DIAMOND BASKET FOGGIA

Biografia Autore