Foggia Calcio, occhio alla trappola del Crotone di Stroppa. Dubbio modulo, l’ago della bilancia è  Greco

Foggia Calcio, occhio alla trappola del Crotone di Stroppa. Dubbio modulo, l’ago della bilancia è Greco

Foggia Calcio, occhio alla trappola del Crotone di Stroppa. Dubbio modulo, l’ago della bilancia è Greco

Il Foggia Calcio atteso dallo scontro diretto con il Crotone dell’ex Stroppa. I tifosi sognano l’en plein in una settimana decisiva per la permanenza

Battere il ferro quando è caldo. Perdonerete la banalità, ma sono sicuro che comprenderete anche l’efficacia della frase. La settimana più importante dell’anno, che si chiuderà questa sera alle 21 con lo scontro diretto con il Crotone, è per due terzi andata per il verso giusto.

Sabato il Foggia Calcio ha battuto il Carpi nello scontro diretto (0-2); mercoledì dalla Corte Federale d’Appello sono arrivati due punti a ridurre la penalizzazione da otto a sei punti. Con la classifica che torna ad abbozzare un sorriso (non a sorridere) la squadra di Padalino ha la possibilità, per almeno 24 ore (in attesa si giochi tutto il programma della giornata), di uscire dalla zona retrocessione. Una vittoria basterebbe a sopravanzare il Cosenza, più in alto di due sole lunghezze.

Facile. Sulla carta. Questo Crotone è l’ultima squadra, non della classifica. E’ l’ultima squadra di cui fidarsi. E’ adagiata sul fondo della classifica e vive un momento non esaltante. Solo tre vittorie in campionato (una con il Foggia), l’ultima contro il Padova il 20 ottobre. Quattro punti conquistati nelle ultime undici gare. Solo tre punti conquistati in trasferta in tutto il campionato. Con undici partite perse è la squadra che ha più sconfitte nella stagione. Segna meno di un gol a partita, solo 5 dei quali in trasferta.

Basta per capire che è una trappola? Basta per capire che c’è tutto da perdere? Basta per capire che sottovalutare un avversario che per buona parte del suo organico l’anno scorso ha giocato la Serie A sarebbe l’unico errore possibile. Facile. Facile capire che c’è solo un possibile errore. Non metterci la testa in questa partita. Battere il ferro quando è caldo. Scontato. Banale. Corretto.

METEO – Giornata fredda e piovosa a Foggia. La temperatura si attesterà poco sopra i 3°C e per tutta la giornata sono attese abbondanti precipitazioni sul centro del Tavoliere. Il campo sarà molto pesante e a peggiorare la sensazione di freddo il vento soffierà fino a 48 Km/h da Maestrale. Potrebbe disturbare il gioco.

FOGGIA – Il tecnico Pasquale Padalino ritrova il tedesco Oliver Kragl che dovrebbe agire sulla corsia di sinistra. Ranieri tornerebbe al ruolo di centrale difensivo in luogo di Boldor. Ballottaggio a centrocampo con Deli e Greco che scalpitano per una maglia da titolare ma qualora dovesse essere riconfermato il 3-4-3 difficilmente i due si vedrebbero in campo per non sbilanciare eccessivamente la squadra. Soprattutto con l’innesto di Greco, invece, il modulo potrebbe trasformarsi in un 3-5-2, anche a partita in corso.

FORMAZIONE

Noppert
Ranieri
Martinelli
Tonucci
Kragl
Agnelli
Gerbo
Zambelli
Iemmello
Mazzeo
Galano

CROTONE – Il tecnico Giovanni Stroppa, ex della gara, pensa al nuovo acquisto Spolli come titolare nel terzetto difensivo. Out Benali, indisponibile. Possibile conferma del 3-5-2 con la posizione di Firenze come discriminante per il passaggio al 3-4-1-2. L’estroso centrocampista può accentrarsi a sostegno della coppia Nalini-Simy.

FORMAZIONE

Cordaz
Spolli
Vaisanen
Sampirisi
Molina
Zanellato
Baberis
Rohden
Firenze
Nalini
Simy

DIRETTA – Foggiasport24.com seguirà per voi la diretta della gara con cronaca, pagelle e interviste post partita.

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".