SERIE C SILVER. Niente da fare per la Diamond contro l’Adria Bari (86-66)

SERIE C SILVER. Niente da fare per la Diamond contro l’Adria Bari (86-66)

Foggia, 26 gennaio 2019. Ancora una battuta d’arresto della Diamond Foggia costretta ad arrendersi all’Adria Bari (86-66). Come al solito i ragazzi di coach Rubino non si sono risparmiati, lottando con tutte le forze ma, l’esperienza degli avversari, alla fine ha prevalso. E i due punti sono andati alla compagine barese che così agguanta la zona playoff, Mentre la Diamond rimane in zona playout e dovrà cercare di mantenere la miglior posizione che garantirà il vantaggio dell’eventuale gara-3 in casa. Tornando alla gara, nella prima frazione l’Adria è riuscita a prevalere, sin dal salto a due, sotto i tabelloni. Ne hanno approfittato gli esperti Perrelli (14) e Maietta (6) per dare una immediata scossa alla gara, “aiutati” dall’inaspettata precisione dalla lunga distanza di Bernardi (6). La Diamond ha cercato di opporre resistenza con il solito Kraljic (13) ma non ha trovato ulteriori alternative in fase offensiva. L’apporto minimo di Digiorgio (2) non ha consentito di mantenere un divario meno pesante alla fine dei primi 10’ (26-15). Nel secondo periodo è cambiata la modalità di gioco dei padroni di casa ma non lo score. L’Adria si è affidata all’ottima vena dei suoi tiratori e con ben 7 (sette) triple (Bernardi 4, Maietta 2, Fiume 1) e una giocata da 2 di Maietta, si è aggiudicata anche il secondo parziale. La Diamond ha dato qualche segnale positivo, riuscendo a velocizzare il suo gioco ed andando, finalmente, a canestro con Dinoia (4), Mecci, Digiorgio e Zagni (2 a testa), oltre a Kraljic, che alla fine del match risulterà ancora il top score con 30 punti e un 10/10 dalla lunetta. Si è andati quindi al riposo lungo con l’Adria che ha incrementato il proprio bottino (+18, 49-31). Alla ripresa delle ostilità la Diamond ha avuto un’ottima reazione. Digiorgio e Kraljic hanno risposto alle “bombe” di Altamura, Bernardi e Perrelli. Mentre Mecci, Dinoia ed ancora Digiorgio sono riusciti a prendere confidenza col canestro. Il terzo parziale se l’è aggiudicato la compagine ospite (16-20) che ha così riacceso il match (65-51) e fatto suonare un campanello di allarme tra i padroni di casa. Così l’Adria ha ripreso concentrazione e ripreso a macinare gioco e punti. Maietta ha fatto la parte del leone e, ad eccezione della tripla di Altamura, Bernardi, Sicolo, Fiume e Ricapito hanno siglato i punti decisivi ai fini del risultato finale. La Diamond, invece, nei decisivi 10’ è venuta meno proprio dai tiri dai 6,75 e non sono bastati i punti di Mecci, Kraljic, Dinoia e Padalino per tener testa agli avversari. Lo score finale (86-66) è dalla parte della compagine barese. Per la Diamond, un’altra trasferta amara, in attesa di ricevere sabato prossimo, al PalaRusso, la Dinamo Brindisi, per cercare di regalarsi una prestigiosa vittoria.
Adria Bari – Diamond Foggia 86 – 66 (26-15; 49-31; 65-51)
Adria Bari: M. Altamura 8, A. Bernardi 23, M. Sicolo 4, G. Maietta 27, E. Fiume 5, G. Lorusso, G. Ricapito 2, D. Perrelli 17, B. Buonfrate. Coach: A. Gaeta.
Diamond Foggia: A. Digiorgio 9, A. Kraljic 30, A. Padalino 2, A. Dinoia 9, A. Di Bitonto, S. Tricarico, S. Panzuto, A. Muscio, C. Zagni 4, V. Mecci 12. Coach: G. Rubino.
Arbitri: Bernardino Dimonte di Bernalda e Gennaro Capobianco di Pulsano.
Parziali: 26/15, 23/16, 16/20, 21/15.
° , “”:

Pallacanestro Molfetta 79 : 58 Invicta Brindisi
Murgia Santeramo 68 : 98 Anspi S.Rita Taranto
Nuova Cestistica Barletta 57 : 84 Virtus Molfetta
Adria Bari 86 : 66 Diamond Foggia
Cus Bari 67 : 83 Angel Manfredonia
Dinamo Basket Brindisi 85 : 98 Peugeot Tartarelli Monopoli

, “” ° :

№ Team Points
1 Virtus Molfetta 26
2 Anspi S.Rita Taranto 26
3 Pallacanestro Molfetta 24
4 Angel Manfredonia 24
5 Nuova Cestistica Barletta 18
6 Dinamo Basket Brindisi 14
7 Adria Bari 14
8 Peugeot Tartarelli Monopoli 12
9 Invicta Brindisi 12
10 Diamond Foggia 6
11 Cus Bari 4
12 Murgia Santeramo 0

Nella foto di Paolo Giuva, capitan Carlo Zagni (10 rimbalzi)
Area Comunicazione Asd Diamond Basket Foggia

Biografia Autore