Brilla Diamanti: Foggia Calcio ko a Livorno. Ultimo posto in classifica per i rossoneri

Brilla Diamanti: Foggia Calcio ko a Livorno. Ultimo posto in classifica per i rossoneri

Brilla Diamanti: Foggia Calcio ko a Livorno. Ultimo posto in classifica per i rossoneri

Due gol, un assist e una traversa. Diamanti affonda il Foggia Calcio e lo aggancia all’ultimo posto. Contestata squadra e tecnico

Il Foggia Calcio è ultimo in Serie B. Ha l’attenuante della penalizzazione, che potrebbe essere ridotta nel prossimo futuro, ma da questo pomeriggio è sul fondo della classifica. Questo è il caro prezzo pagato per la sconfitta 3-1 nello scontro diretto con il Livorno. I toscani sono stati più furbi, soprattutto nella gestione delle palle sporche, nei contrasti (spesso vinti) e nel sapersi prendere falli preziosi. Ed hanno goduto di un Diamanti in forma eccezionale, autore di una doppietta, di un assist ed uomo più pericoloso dell’undici di Breda. Da applausi una traversa colpita da oltre il centrocampo. Per il Foggia lo stop in terra toscana è il secondo nelle ultime sette partite, nell’arco delle quali ha conquistato cinque punti. www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

PRIMO TEMPO – Qualche novità nel Foggia Calcio, con Grassadonia che opta per il 4-3-3 (o se preferite 4-3-2-1) con Iemmello unica punta, Cicerelli e Galano sugli esterni. In panchina Mazzeo. Nel Livorno debutta in Serie B il giovanissimo Canessa, prodotto del vivaio. Pronti via e gli amaranto sono in vantaggio: palla a Diamanti che entra in area sbucando tra Kragl e Ranieri, per poi trafiggere Bizzarri con un rasoterra tutt’altro che irresistibile. La risposta del Foggia è tutta in una conclusione al 13′ di Cicerelli, troppo centrale per creare alcun problema al portiere avversario. Ma Diamanti è incontenibile e al 16′ decide di fare tutto da solo: sbuca tra tre avversari a centrocampo e scaglia un sinistro da oltre 50 metri sul quale Bizzarri si salva con l’aiuto della traversa. Al 23′ un intervento duro su Camporese costringe il difensore a uscire dal campo dolorante al ginocchio destro. www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Al suo posto il tecnico Grassadonia inserisce Loiacono, lasciando intatta la disposizione a 4 della difesa. Alla mezz’ora Dainelli sbaglia la misura di un retropassaggio è innesca Cicerelli, poco cattivo sull’uscita del portiere Mazzoni che si salva districandosi anche sulla pressione di Iemmello. Al 32′ il Foggia pareggia. E’ proprio il neo subentrato Loiacono a incornare di testa un cross dal fondo di Iemmello, tral pe proteste dei livornesi che ravvisano la palla oltre la linea di fondo in occasione dell’assist. Il Foggia Calcio vive di lampi. Al 42′ un traversone da destra di Kragl non trova la deviazione sotto porta di Cicerelli, in leggero ritardo all’appuntamento con il gol. Nell’ultimo dei quattro minuti di recupero della prima frazione il Foggia rischia su un traversone rasoterra di Fazzi sul quale Bizzarri mette una pezza provvidenziale prima di tap in vincente di Raicevic e Canessa. www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

SECONDO TEMPO – Il quarto d’ora di intervallo fa bene soprattutto al Livorno, che parte forte e in soli tre minuti è di nuovo in vantaggio. Prima Bizzarri deve allungarsi alla sua sinistra per togliere dall’angolino e deviare in angolo il tocco maligno di Raicevic, bravo a deviare in rete un cross da sinistra. Poi si deve arrendere sugli sviluppi dell’angolo seguente, quando Diamanti inventa una traiettoria maligna che s’infila in porta. Al 52′ Ranieri prova a suonare la carica con un’azione solitaria palla al piede: entra in area da sinistra e calcia a fil di palo. C’è anche una punizione di Kragl a dare un sussulto rossonero alla partita, ma il portiere devia in angolo. www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Breda inserisce Murilo in attacco in luogo di Raicevic e l’attaccante arriva subito al tiro con una percussione a sinistra con Martinelli saltato come un birillo e conclusione quasi dal fondo respinta con i pugni da Bizzarri. Al 63′ Di Gennaro sfiora l’autorete su un filtrante di Galano. Grassadonia mette in campo l’artiglieria pesante ed inserisce Mazzeo al posto di Gerbo (ammonito nel corso del primo tempo). Si copre Breda che manda in campo Bruno, un centrocampista, in luogo del ‘deb’ Canessa. Una scelta vincente. Al 74′ un contropiede del Livorno manda in profondità Diamanti, palla indietro per l’accorrente Bruno che infila l’angolino basso. Nel recupero Bizzarri deve mettere la mano per salvare dal possibile poker ad opera di Murilo.Al termine del match il pubblico rossonero, accorso in oltre ottocento elementi, ha contestato sonoramente il tecnico e la squadra. www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

ATTENZIONE –  www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".