Foggia Calcio, scarso filtro e super Mazzeo perché…

Foggia Calcio, scarso filtro e super Mazzeo perché…

Foggia Calcio, scarso filtro e super Mazzeo perché…

Il blog Tatticamente sul Foggia Calcio a cura del tecnico Alessandro Sciarappa. Al centro dell’analisi la difficoltà sugli esterni e in mediana

Una sosta per apportare delle sostanziali modifiche, sia tecniche sia tattiche. Il Foggia Calcio visto a La Spezia ritrova uomini importanti come Rizzo e Iemmello ma la novità più importante sta nel cambio del sistema di gioco. www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Il tecnico Grassadonia “accantona” il credo legato alla difesa a tre, insieme ad un centrocampo più folto, per passare ad un 4-3-1-2 forse più vicino ai suoi principi. Il lato positivo è che il Foggia non ha subito gol ed ha portato a casa un punto da un campo di per se difficile. Di contro, però, sembra che non sia ancora stata trovata la giusta quadra.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Un esempio su tutti. Se è vero che uno dei capi d’accusa dell’inizio della passata stagione è stato quello di rinunciare ad un esterno basso di ruolo (quello che nel calcio di una volta si definiva terzino), con i risultati negativi che ne sono conseguiti, ci si pone la domanda su come mai oggi, nel passaggio ad un nuovo sistema di gioco, ci si debba ritrovare con due esterni bassi, a destra e a sinistra, non di ruolo.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

La chiave della partita Spezia – Foggia risiede in larga parte proprio in questo aspetto, con Bidaoui che ha fatto il bello ed il cattivo tempo, mettendo Gerbo in grossa difficoltà e Kragl, che ha visto il proprio baricentro abbassarsi ulteriormente, anch’egli in difficoltà. Ma analizziamo gli episodi salienti per il mio blog “Tatticamente” su Foggiasport24.com.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

LO ‘SCIAGURATO’ BIDAOUI – Bidaoui sta per entrare in area di rigore e si trova difronte due marcatori del Foggia Calcio, nella fattispecie Gerbo e Busellato. I due non si posizionano in maniera corretta dal momento che si ritrovano ambedue in linea. Bidaoui rientra sul destro e li fa fuori entrambi avvicinandosi al centro dell’area. A quel punto Agnelli, il primo dei rossoneri, tarda ad uscire per coprirgli lo specchio della porta.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

L’esterno dello Spezia ha la possibilità di calciare quasi indisturbato a rete ma sbaglia completamente la postura del corpo, fuori equilibrio, calciando alto. Bidaoui al momento del tiro, avrebbe avuto anche la possibilità di cercare un compagno in area, con due calciatori dello Spezia appostati sul secondo palo e quasi liberi da contatto di marcatura.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

OKEREKE-KESCATTO – Come citato già nel cappello del blog, molte sono state le difficoltà che gli esterni bassi del Foggia hanno incontrato nel corso della gara. Dopo aver visto la catena di destra (con Gerbo e Busellato), passiamo al lato opposto, con il tecnico Pasquale Marino che è bravo a sfruttare il concetto di ampiezza, mandando Okereke sempre più largo e, in questa occasione, Kragl si lascia attaccare alle spalle ed è subito evidente la differenza di passo tra i due.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Ranieri non temporeggia ed abbozza una scivolata senza troppa convinzione. L’esterno di casa lo supera con facilità e sia appresta ad andare verso la porta. Martinelli è bravo nel ripiegamento e a quel punto lo stesso Okereke, che ha anche la pressione di Kragl, si vede costretto a calciare anche se in maniera completamente scoordinata. Palla di molto a lato.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

SCARSO FILTRO A CENTROCAMPO – Vignali, con una semplice accelerazione, fa fuori tre uomini del Foggia posti male a contrasto. La difesa si ritrova in una situazione di uno contro uno con il calciatore di casa che ha lo scarico facile sull’esterno, anche perché Gerbo e Martinelli si sono accentrati a difesa della porta.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

La sfera arriva a Bidaoui che controlla e, complice lo scivolone di Gerbo, avrebbe anche maggiore libertà per la conclusione. Martinelli tenta un disperato ripiegamento che Bidaoui evita con una bella finta, per poi sprecare tutto con un tiro strozzato che finisce fuori.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

SUPER MAZZEO – Kragl riceve lo scarico da un compagno e sforna uno dei suoi cross tagliati e tesi. Mazzeo, ancor prima della partenza del traversone, è già appostato dinanzi al proprio marcatore diretto, arrivando a prendergli il tempo. Quando si dice che l’intelligenza di un calciatore si vede dai piccoli dettagli. La sfera giunge nell’area piccola.www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Quel dettaglio che prima aveva portato Mazzeo ad una lettura positiva dell’azione, in quell’istante è rappresentato dai centimetri che lo hanno portato a non realizzare l’ipotetico vantaggio. Ma, di fondo, vedere l’attaccante del Foggia finalmente con una spalla, come nella seconda parte della passata stagione (Nicastro docet), lo rende decisamente più efficace e più vicino ai suoi standard di rendimento.

ATTENZIONE –  www.Foggiasport24.comFacebook metti MI PIACE QUI

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".