11.7 C
Foggia
27 Novembre 2021
Foggia Calcio

Foggia calcio, Grassadonia: “Questa vittoria ci deve dare fiducia e consapevolezza”

[dropcap color=”#” bgcolor=”#” sradius=”0″]N[/dropcap]el post partita Grassadonia è intervenuto in sala stampa e ha così commentato l’incontro: “Faccio i complimenti ai ragazzi, occorreva cercare la vittoria. Siamo andati sotto, abbiamo avuto la forza di ribaltarla, abbiamo fatto venti minuti di alto livello, poi ci hanno pareggiato e il secondo tempo è stato di sofferenza.

Abbiamo saputo soffrire, abbiamo avuto carattere e tenacia. L’Ascoli se la è venuta a giocare, è allenato molto bene, faceva la partita, ci ripartivano quando perdevamo palla. Siamo stati bravi a riprendere il vantaggio. Questa è una partita che ci deve dare consapevolezza. Mi spiace avere la peggior difesa perché so quanto quanto lavoriamo, occorre essere più attenti. Se non si fa quanto preparato in settimana, se non si mantengono le posizioni si prende gol. Oggi gli avversari erano messi molto bene in campo, non hanno mollato come non abbiamo mollato noi.

Vittoria che ci dà fiducia. Il nostro gioco è codificato e quando salta un giocatore la squadra ne risente. Nei venti minuti del primo tempo abbiamo fatto quello che dovevamo fare per tutta la partita. Oggi però c’erano in campo giocatori come Galano che non si era praticamente allenato e altri che erano a rischio. Molti erano stanchi. Complimenti a chi ha giocato e a chi è subentrato. Con l’entrata di Cicerelli volevo dare un segnale alla squadra. La sosta ci servirà a scaricare le tossine e a far riposare la squadra”.

Il mister ha poi continuato parlando ancora di difesa: “La squadra fa difensivamente cose diverse rispetto all’anno scorso e ci vuole lavoro. Mi pare che sia difficile che i nostri avversari ci calcino in porta con palle pulite. Occorre però crescere sulle palle inattive e tenere la squadra corta. Dobbiamo però sempre ricordare che ci sono pure gli avversari”.

Qualcosa anche sui singoli: “Gerbo pensava di non giocare, ho deciso solo alle 11.30 di stamattina, mi sono portato dietro anche il dubbio Galano che non stava bene. Oggi Tonucci si è fatto trovare pronto, Cicerelli ha fatto la sua parte così come Rizzo. La posizione di Deli la cambiamo anche in funzione degli avversari, oggi aveva Addae  che è fisico e prestante e nella prima parte lo abbiamo messo in difficoltà.

Loiacono aveva mal di testa, qualche linea di febbre e e abbiamo preferito toglierlo al fine primo tempo. Deli alla fine era affaticato per questo ci siamo tenuti l’ultimo cambio. Iemmello si sta curando, speriamo ritorni con noi alla fine della prossima settimana. Poi però avrà bisogno di tempo per lavorare con noi, dovrà guadagnare ritmo. Iemmello è un giocatore forte che arriverà in una squadra forte che lavora bene. Non vedo un problema Mazzeo: io chiedo agli attaccanti molto lavoro in difesa. Gli attaccanti vivono per il gol, ma dobbiamo essere bravi noi a supportarlo. Ha avuto la palla che poi il portiere ha respinto e Gerbo ha messo dentro, ma dobbiamo essere noi bravi in tante situazioni”.

Una vittoria ancora con gol subiti… “Metterei la firma per vincere sempre 3-2 ma in determinate situazioni dobbiamo migliorare, considerando sempre che ci sono pure gli avversari. Dobbiamo lavorare. Sfrutteremo gli allenamenti per migliorare in queste partite. La partita che ci ha dato convinzione è stata Pescara, da lì è arrivata l’autostima e la consapevolezza. La vittoria però deve farci restare con i piedi per terra. Vale tanto ma dobbiamo continuare a lavorare”.

Chiosa finale sul pubblico: “Il pubblico è stato spettacolare, oggi eravamo stanchi ed è il nostro uomo in più. Se non ce la fai ti dà una spinta e allora corri quasi per inerzia. La mia è comunque una squadra che non mollerà mai e da questo punto di vista non deluderemo mai i nostri tifosi”.

Potrebbero interessarti:

Foggia Calcio, Milinkovic: “La forza di questa squadra è che tutti sono pronti”

La Redazione

IL GAZZETTINO – Venezia, ds Rinaudo: “Per il Foggia Calcio sarà l’ultima chiamata”

La Redazione

Cosenza-Foggia dirige Dario Melidoni di Frattamaggiore

La Redazione