14.6 C
Foggia
27 Ottobre 2021
Il mondo di Giulia Blog

Michele Di Spaldro e la sua esperienza con il Foggia Incedit.

” Tutto ciò che inizia, inevitabilmente, è destinato a finire. Il campionato è finito ,e, con esso, anche il mio incarico di direttore sportivo del Foggia Incedit, ricoperto per ben due anni e coronato da grandi soddisfazioni.” Queste, le toccanti e commosse parole pronunciate dall’ormai ex DS della compagine foggiana, Michele Di Spaldro. Il quale, accanto al suo vissuto ,e, conseguente ricordo di un biennio straordinario, ha piu’volte enfatizzata l’importanza di due memorabili accaduti per la società sportiva: nella scorsa stagione, il ripescaggio dalla seconda alla terza categoria, per meriti sportivi; in quella appena terminata, il coronamento di un traguardo, con il primato in classifica, e, la conseguente promozione in prima categoria. ” Il Foggia Incedit, mi ha dato sempre soddisfazioni grandissime, che porterò per sempre nel cuore…Dalla manifestazione di solidarietà pro TELETHON, accanto al Vice Presidente Nico Palatella, agli eventi ed iniziative promossi a favore di ragazzi ” speciali “, con il dirigente Mario Lo Muzio…E di tutto ciò, ne vado fiero…Vedere ragazzi meravigliosi, cimentarsi con il gioco del calcio e migliorarsi giorno per giorno, affiancati e supportati dalle famiglie, è qualcosa di stupendo ed inenarrabile. Ed infatti, colgo l’occasione per informarvi che, nonostante il termine del mio sopracitato incarico, il mio impegno nel sociale, accanto ai ragazzi ed ai bambini diversamente ABILI, o, a tutto ciò che riguarderà l’organizzazione di eventi di solidarietà, vedranno, in prima persona, il contributo del sottoscritto. Al quale, intanto, non resta che augurare, al mister Enrico La Salandra ed alla squadra tutta, vittorie e successi nei campionati federali.”

Potrebbero interessarti:

Il BLOG DEL MISTER – “Foggia Calcio, errori da matita blu, ma anche il Venezia nel finale perde lucidità”

Domenico Carella

L’emozione di un abbraccio

La Redazione

Foggia Calcio a Fondi per la storia. Ad attenderlo il duo Calderini-Baiocco, “uno crea, l’altro…conserva”

Gianpaolo Limardi