23 C
Foggia
11 Maggio 2021
Foggia Calcio

Coppa Italia, Foggia Calcio avanti ai rigori. Battuto l’Akragas, ora la semifinale

La squadra di De Zerbi sbanca Agrigento in rimonta: Iemmello le regala il pari sul finire e dopo i supplementari affrontati in 10 per il rosso a a Coletti arriva la vittoria per 5-4

FOGGIA — Il Foggia conquista l’accesso alle semifinali di Coppa Italia Lega Pro. I rossoneri superano 4-5 (1-1 al novantesimo) ai rigori l’Akragas e si regalano il passaggio del turno. Un traguardo che mancava dalla stagione 2008-2009, quando i rossoneri di Novelli sfiorarono la finale nel doppio confronto contro il Sorrento. La gara, condizionata dal gol lampo degli agrigentini, ha visto il Foggia costantemente al comando del gioco, caparbio nel cercare il pareggio e riacciuffarlo a pochi secondi dal fischi finale. Nei tempi supplementari hanno pesato i cartellini rossi sventolati a Coletti e Riverola. Ma, nonostante la doppia inferiorità, i rossoneri hanno tenuto testa all’avversario, guadagnando i calci di rigore. Decisivo il tiro dal dischetto del giovane Lauriola, ultimo acquisto del club che ha destato una buona impressione per tecnica e personalità.

PRIMO TEMPO – Il Foggia attacca sin dal primo minuto ma l’Akragas è lesto a ripartire sfruttando gli errori dell’avversario. E proprio su un rocambolesco contropiede al 4’ i padroni di casa passano: verticalizzazione di Leonetti per Aveni che resiste al contrasto di Lanzaro e tocca con la punta del piede la sfera, beffando Micale con un pallonetto. Incassato lo svantaggio il Foggia non si scompone e continua a macinare gioco, senza tuttavia riuscire ad arrivare al tiro. Tuttavia anche i siciliani non pungono. Al 28’ sull’ennesimo contropiede innescato da Leonetti, Candiano calcia debolmente tutto solo davanti al portiere, sprecando l’occasione per il raddoppio. La pressione del Foggia porta effetti dopo la mezzora. Prima Iemmello gira alto un cross di Maza, poi è Quinto (al rientro dopo 5 mesi di infortunio) a sfiorare la traversa con un destro dai venti metri. Poco prima dell’intervallo l’Akragas si salva per ben tre volte, prima su conclusione ravvicinata di Floriano, poi sul seguente tiro dalla distanza di Lodesani, alto sulla traversa e infine di nuovo su un destro potente di Floriano, respinto da Maurantonio.

SECONDO TEMPO – Al rientro in campo il primo brivido lo provocano i padroni di casa con un incornata di Muscat, respinta sulla linea da Micale. Il portiere foggiano i ripete al 72’, deviando in tuffo un colpo di testa preciso di Leonetti. Poi nel finale l’assalto rossonero trova la sua realizzazione. Fa tutto Iemmello: prima spedisce fuori di testa un cross dalla sinistra di Floriano, poi segna in scivolata un radente del giovane Lauriola, ultimo arrivato in casa rossonera e subentrato nel corso della ripresa. La gioia per il pareggio viene subito spenta dal rosso inflitto a Coletti (doppia ammonizione) che costringe il Foggia in dieci uomini per i restanti tempi supplementari.

SUPPLEMENTARI – Nonostante l’inferiorità numerica è ancora l’undici rossonero a gestire la partita anche nell’extra time. E va anche vicino al gol in più occasioni. Le più importanti sono il tiro a giro di Lodesani, salvato in angolo da Maurantonio e una punizione di Maza respinta goffamente (e fortunosamente) dal portiere. Ad inizio del secondo tempo supplementare, nel momento di maggior spinta, Riverola rimedia il secondo giallo e lascia la sua squadra in nove uomini. Ai rigori sono decisivi gli errori di Aloi e Dyulgerov per i siciliani. Il Foggia ne sbaglia solo uno con Floriano, mentre realizza quelli calciati da Vacca, Iemmello, Maza e Lauriola.

fonte: corriere del mezzogiorno

Potrebbero interessarti:

TMW – L’ex Foggia Calcio Bryan Roy: “Spero che i Satanelli…”

La Redazione

Padalino: “Mi aspetto tanto da chi ha giocato meno. Forte? Si, può giocare”

Domenico Carella

Il prossimo avversario. Notizie da Salerno…

La Redazione