15.9 C
Foggia
24 Ottobre 2021
DJ Valter Scaglione Blog

Foggia Calcio, indietro di due mesi ma é stata persa una battaglia, non la guerra

DI VALTER SCAGLIONE – Foggia – Monopoli é stato un nodo cruciale dell’intero campionato dei rossoneri e lo é perché oggi c’è la grossa probabilità che Agnelli e compagni si possano staccare nettamente dalle posizioni di vertice. La partita è stata quella che ê stata ma il messaggio finale che ne é venuto fuori é uno solo: IL FOGGIA DELLE PRIME TRE PARTITE E’ TORNATO.

Infatti il Foggia, con la prima sconfitta casalinga della stagione, fa molti passi indietro ed in soli 7 minuti si ritrova in una potentissima macchina del tempo che lo riporta lì dove mai nessun tifoso, occasionale o non, avrebbe voluto fosse tornato. E’ vero, é stato sfortunato e sulla sua strada o meglio tra i pali della porta avversaria ha incontrato un supereroe chiamato Pisseri ma questo non giustifica nessuno, Mr Roberto De Zerbi compreso. Le partite che nascono così come quella di ieri meritano rispetto, umiltà e tanta pazienza ed i nervi saldi il Foggia li ha avuti solo fino al 35° del primo tempo allorché quando un generosissimo Sarno sbaglia ad infilare la “chiave” della gara nell’angolo opposto a quello “giusto”.

Poi passano soli 5′ minuti e perdiamo Floriano per infortunio, come ad inizio campionato. E poi giochiamo in 10 uomini per due minuti perché l’esterno rossonero sinistro facendosi male é caduto fuori dal campo ed il gioco é ripreso subito, senza aver dato il tempo necessario a Viola di fare il riscaldamento. Cosa succede prima della sostituzione? Quello che non doveva assolutamente succedere ovvero prendiamo goal. E poi ancora entra finalmente Viola e si posiziona al centro dell’attacco e Iemmello si rimette nella corsia sinistra, lì dove nelle prime 3 gare non aveva ancora dato il suo meglio.

Sembra un film già visto e rivisto e che non porterà a nulla. Faccio i miei complimenti a Pietro Iemmello che ancora una volta ha dimostrato d’essere molto attaccato alla maglia che indossa. Ieri mi ha commosso profondamente quando l’arbitro ha concesso il 2° penalty per il Foggia e lui si é appropriato da subito del Pallone facendo comprendere a tutto il pubblico che il Re c’è ed ha forte il senso di responsabilità dentro di sé. I rigori si sbagliano o vengono parati. E ieri sono stati parati da un grandissimo portiere Classe 91. Pisseri.

La cosa peggiore che poi poteva capitare ed é capitata nei minuti finali é stato perdere anche Capitan Agnelli, proprio come ad inizio Campionato. Ora aspettiamo con ansia notizie dall’infermeria perché Catania é vicina e mancano soli 6 giorni ad un’altra tesissima battaglia. Sarà una vigilia complicata e saranno giorni in cui la calma che ci é mancata in quei indimenticabili 7 minuti di ieri dal 35° al 42° del primo tempo dovrà necessariamente governare lo spogliatoio dei forti giocatori del Foggia. Ricordate Ragazzi: Ieri avete perso una battaglia ma la guerra ancora no e quindi voltate pagina e proseguite pure con la “lettura” del Campionato che volete fare.

Potrebbero interessarti:

Baldassarre: Vittoria scacciacrisi? Vedremo. Salvi superlativo

La Redazione

Foggia Calcio ad Ascoli, a casa dell’ex Gigliotti e di un Rosseti che cercherà di fare… Favilli

Gianpaolo Limardi

Di Piazza torero e l’areoplanino del Milan…

La Redazione