12 C
Foggia
11 Maggio 2021
Foggia Calcio

Da Matera: A breve incontro tra il biancoazzurri e il procuratore di Coletti

Il futuro sarà svelato a breve. Ma per il momento non c’è nessuna certezza, tantomeno ufficialità. A Foggia, forse si sono illusi subito di poter rivedere Tommaso Coletti in maglia rossonera. Ma la realtà è un’altra, e sarà conosciuta nelle prossime ore. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di TuttoMatera.com, fra domani e dopo domani, ci sarà il tanto atteso incontro fra Mariano Fernandez e il procuratore del giocatore. Un incontro per poter discutere e chiarire alcune cose legate al contratto di Coletti. L’apertura sembra esserci stata, subito dopo la proposta del Matera che è arrivata nel pomeriggio di giovedì. Una buona proposta, arrivata dopo quelle di Cremonese e Foggia, e tante altre società. Priorità al Matera, perché, Coletti ha indossato la maglia biancoazzurra nell’ultima stagione e perché la volontà di restare nei sassi è ancora tanta. Saranno ore importantissime su questo versante. Il giocatore è in vacanza e il suo procuratore a breve incontrerà il club biancoazzurro per capire se ci sono realmente le condizioni per continuare il rapporto con il Matera. Tanta chiarezza è stata fatta nelle ultime ore. Coletti non ha firmato con nessuna squadra e tantomeno ha preso accordi. Attende di capire quale potrà essere il suo futuro e lo farà dopo il summit che il suo procuratore avrà avuto con la società biancoazzurra. Il Matera lo vuole confermare e il giocatore vuole restare. I presupposti ci sono tutti e sono anche ottimi. Nelle prossime ore toccherà alle due parti trovare l’accordo definitivo per cercare di fare restare Tommaso Coletti in maglia biancoazzurra per la seconda stagione consecutiva.

Fonte: Tuttomatera.com

Potrebbero interessarti:

Taranto, Prosperi: “Foggia? In questo momento è lontana in classifica”

La Redazione

Casertana, rifinitura sotto i riflettori alla vigilia del match contro il Foggia Calcio

La Redazione

Il backstage di Foggia – Inter 3-2… Battute, lacrime e il “vaff…”

Domenico Carella