7.4 C
Foggia
8 Dicembre 2021
Serie B

Benevento, il mea culpa di Pane: “A Lecce ho perso la testa, la gara ha segnato la mia stagione”

Gesti giusti da punire, che rischiano di mettere a repentaglio una carriera finora ben giocata: un pugno dritto in faccia a un avversario non è un gesto esemplare. E lo sa bene il portiere del Benevento, Pasquale Pane, che dopo il cazzotto in faccia all’attaccante del Lecce Embalo ha dovuto scontare due turni di squalifica decisi dal giudice sportivo, ma una punizione ben più severa decisa dalla società: l’esclusione dall’11 titolare. Ma adesso, il classe ’90, attraverso le colonne di Ottopagine.it, fà un mea culpa, tentando di dare una spiegazione a quel pessimo gesto:

“Ho perso la testa per la prima volta nella mia carriera. Non mi era mai successa una cosa simile e l’ho pagata a caro prezzo. Non ce l’avevo assolutamente con Embalo, ci mancherebbe. E’ stato un gesto dovuto alla frustrazione. La stagione stava andando via e il campionato stava prendendo la strada di Salerno. Ho saltato le sfide con Reggina e Matera, poi la società ha deciso di cambiare guida tecnica e la nuova gestione ha fatto scelte diverse. Mentirei a dire che non avrei voluto giocare contro il Como. Non mi aspettavo di giocare, questo sì, ma sono molto amareggiato di non aver potuto prender parte a quella sfida”.

E proprio sull’episodio del “Via del Mare”: “Ha pesato tantissimo sul mio impiego. In quel momento stavo giocando, avevo trovato una certa continuità. E’ stato un momento che ha segnato la mia stagione”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Messina, si punta un terzino

La Redazione

Cambio d’orario per Benevento-Lupa Roma

La Redazione

LA CURIOSITA’. Lecce, i tifosi scelgono la maglia

La Redazione