14 C
Foggia
11 Maggio 2021
Blog Mi Ronza in mente

“Sarebbe da folli rompere tutto”

Nelle parole di Marcello Quinto riportate nel titolo c’è tutto il mio pensiero sulla stagione del Foggia. Che è stata esaltante, ricca di soddisfazioni e di partite da ricordare. Ma anche di scivoloni, su tutti la sconfitta in casa del Savoia, che hanno pesato sulla mancata conquista dei playoff.
Però, al netto del rammarico per una post season sfuggita, il giudizio sul campionato non può che essere positivo. Tenendo conto anche che il Foggia aveva meno talento e panchina meno profonda a disposizione rispetto alle big del girone. Lunga serie positiva – 13 risultati positivi consecutivi, 2 sole sconfitte nel girone d’andata -, miglior attacco del girone e dell’intera Lega Pro, quinta miglior difesa del raggruppamento meridionale, giocatori cresciuti (Iemmello, Agostinone) e/o ritrovati (Sarno), allenatore che ha dimostrato di poter fare eccome questo mestiere: insomma tante cose belle per le quali guardare a questo campionato con ampi sorrisi.

Iemmello4-415x260

Errori ce ne sono stati, va da sé. Dovuti, secondo me, al fatto che ad inizio stagione – quando gli 0-0 con Melfi e soprattutto Aversa potevano essere due vittorie – il gruppo doveva conoscersi, capire cosa poter fare e come poterlo fare; poi alla non esperienza di squadra nel gestire ed affrontare il momento caldo del campionato.
Ecco perché sarebbe un peccato rompere tutto. Ecco perché va fatto lo sforzo di mantenere il più possibile intatto questo gruppo, ecco perché va convinto De Zerbi – che se dipendesse da lui avrebbe già iniziato il ritiro precampionato – a rimanere. Sono straconvinto che sulle basi di quest’anno si possa davvero costruire un palazzo solido per puntare in alto. Tutto ciò non sarà facile, lo so: servono garanzie economiche prima ancora che tecniche, come ha ammesso lo stesso presidente Verile. E allora monitoriamo con grande attenzione le mosse della società. Perché il peccato vero non è essere arrivati settimi, ma sarebbe non proseguire sulla strada tracciata.

Dario Ronzulli

Potrebbero interessarti:

Foggia calcio, attento alla… paura e alla Salernitana del mediano che “Ringhia” e di un “menino da Vila”

Gianpaolo Limardi

Baldassarre: “Sesto posto blindato ma ad Avellino, grande delusione”

Domenico Carella

Italia ’90: Medford e la Costa Rica incantano il mondo

La Redazione