20 C
Foggia
19 Ottobre 2021
Dilettanti

Respinti i ricorsi di Taranto e Adelfia. Garganus prima nella graduatoria ripescaggi

Monte Sant’Angelo. Il Comitato regionale pugliese con il comunicato ufficiale n. 62 ha rigettato i ricorsi presentati dalle società New Taranto e Fc Real Adelfia avversi alle decisioni del giudice sportivo per la semifinale playoff. Pertanto il Garganus, senza scendere in campo per la finale playoff, conquista il Primo posto nella graduatoria ripescaggi per un posto nella Serie C1 regionale 2015/2016.
La Corte Sportiva di Appello Territoriale, presieduta dall’Avv. Angelo LO VECCHIO MUSTI con la partecipazione dell’Avv. Christian Ciro Rutigliano e del Rag. Giacomo LATTANZI (Componenti), e del Sig. Domenico CATALDO (Rappresentante AIA), nella riunione del 22 Maggio 2015, ha adottato i seguenti provvedimenti:
PLAY OFF SERIE C2
GARA: A.S.D. NEW TARANTO CALCIO A 5 – F.C.D. REAL ADELFIA del 8/3/2015
(Reclamo della A.S.D. NEW TARANTO CALCIO A 5 in opposizione ai provvedimenti disciplinari adottati dal Giudice Sportivo a carico della società per il risultato della gara e ammenda € 500,00 di cui alla delibera riportata sul Comunicato Ufficiale n. 60 in data 15/5/2015 della Delegazione Regionale Calcio a Cinque).
(Reclamo della F.C.D. REAL ADELFIA in opposizione ai provvedimenti disciplinari adottati dal Giudice Sportivo a carico della società per il risultato della gara, penalizzazione di un punto in classifica e ammenda € 150,00 di cui alla delibera riportata sul Comunicato Ufficiale n. 60 in data 15/5/2015 della Delegazione Regionale Calcio a Cinque).
– Esaminati gli atti ufficiali;
– letti i reclami a margine citati;
– uditi i rappresentanti delle ricorrenti;
– effettuati i necessari accertamenti;
-sentiti i due arbitri della gara in epigrafe citata, che hanno reso supplemento di rapporto;
-rilevato che i reclami rispettivamente proposti dalla “ASD New Taranto C5” e dalla “F.C.D. Real Adelfia”, vanno riuniti attesa la loro evidente connessione oggettiva;
-ritiene la Corte adita che sulla base del supplemento dei due arbitri, reso con dovizia di particolari, entrambi i reclami vadano respinti per i seguenti motivi.
Innanzi tutto quello secondo cui dopo il comportamento reiteratamente violento del calciatore Valentini Domenico (del New Taranto) si verificava (a detta degli arbitri) “……..un parapiglia in campo e sugli spalti …..” tali da richiedere l’intervento di numerosi agenti di Pubblica Sicurezza i quali, non riuscendo a sedare le intemperanze succitate, invitavano gli arbitri a sospendere la gara, non più ripresa perché alle ore 17,23, i succitati incidenti non erano stati ancora sedati.
A tale indubbia responsabilità esclusiva della ASD New Taranto, quale società ospitante e quale società di appartenenza dei sostenitori, autori delle intemperanze su menzionate (è infatti la stessa reclamante New Taranto a dichiarare nel suo reclamo che, a proposito dei disordini scoppiati sugli spalti “…..(non vi erano tifosi del Real Adelfia al seguito della squadra…..”sic!); va ad aggiungersi la responsabilità diretta ed esclusiva della F.C.D. Real Adelfia per aver manifestato e dichiarato, a chiare lettere, di non essere disposta a far proseguire dai propri calciatori la gara su citata.
Motivi questi (permanenza dei disordini non sedati dalla forza pubblica e manifestata volontà della Real Adelfia di non proseguire la gara) che, congiuntamente e contestualmente verificatisi e valutati, hanno indotto, il primo dei due arbitri ad emettere il triplice fischio finale di chiusura.
Dichiarano infatti i due arbitri con il loro supplemento innanzi citato che, mentre valutavano la persistenza delle intemperanze dei sostenitori della New Taranto, non ancora sedate, “……il dirigente della Real Adelfia, sig. Tallone Lorenzo, che si trovava davanti alla porta degli spogliatoi della sua squadra, che distava da noi ½ metri, richiamava la nostra attenzione dicendo testualmente: -“Arbitro stiamo preparando una dichiarazione con la quale spieghiamo perché ce ne andiamo”. Preso atto di tale dichiarazione ed avendo verificato che, contestualmente non vi erano i presupposti per provare a terminare la gara, dato che la Polizia non ci forniva le assicurazioni necessarie, fischiavo la fine della gara per entrambi i succitati motivi…..”.
Completano gli arbitri il loro supplemento di rapporto precisando che vi è stato anche un colloquio telefonico intercorso fra il primo arbitro ed un dirigente della Polizia di Stato (a cui veniva confermata la decisione già adottata della chiusura definitiva della gara); colloquio telefonico avvenuto nello spogliatoio degli arbitri alla presenza dell’organo tecnico della Lega sig. Michele Sirago, del sig. Tallone Lorenzo dirigente della Real Adelfia, del calciatore n.18, che fungeva da allenatore e che stava redigendo la dichiarazione succitata poi sottoscritta dal Tallone e consegnataci, e di un agente di P.S.
E’ quindi evidente, che sulla base di quanto innanzi accertato ed acquisito, entrambi i reclami proposti dalla “ASD New Taranto C5” e dalla “F.C.D. Real Adelfia” vadano interamente rigettati e vadano quindi confermati perché condivisi tutti i provvedimenti adottati da primo giudice
P.T.M.
DELIBERA
previa riunione dei due reclami proposti dalla ASD New Taranto e F.C.D. Real Adelfia, di rigettare entrambi i ricorsi e disporre l’incameramento delle relative tasse.

fonte: asdgarganus

Potrebbero interessarti:

Serie D e Titoli di categoria… i risultati di oggi

La Redazione

TERZA CATEGORIA. Coppa Capitanata: Ordona – Sport Lucera 1 – 1

La Redazione

PROMOZIONE. Lo Sporting Ordona a San Marco per ritornare al successo

La Redazione