11 C
Foggia
4 Dicembre 2021
Serie B

Reggina, parlano Aronica e Tedesco: “Chissà con chi vorrà giocare il Messina ai playout..”

Bella vittoria per la Reggina, contro un Catanzaro già in vacanza e che ha anche esonerato mister Sanderra proprio dopo la sconfitta del Granillo. Gli amaranto, invece, tornano a sperare di potersi tirar fuori da quell’ultimo posto che vorrebbe dire Serie D. Così ha parlato nel postpartita Salvatore Aronica: “Era doveroso vincere per alimentare le speranze di raggiungere i playout. Adesso c’è un’altra partita, dipenderà da noi ma anche dai nostri concorrenti. Sulla carta, per gli addetti ai lavori, il Savoia dovrebbe battere il Messina e la Reggina retrocedere, ma nel calcio di oggi molto si decide anche nei tribunali. Questa per la Reggina sarà una settimana importante, in cui ci potrebbe essere restituito ciò che ci è stato ingiustamente tolto, quindi poi potremmo andare a Martina a conquistarci i playout. Noi pensiamo solo ad andare a Martina e vincere, poi sappiamo come va nel calcio: magari il Messina va a Torre Annunziata a giocarsi la partita o meno, in base all’avversario che vuole affrontare. Il Messina adesso ha la possibilità di scegliersi l’avversario, adesso chiamo Corona e vediamo che mi dice. Nessuno vorrebbe incontrare la Reggina per organico, motivazioni e blasone, ma questa situazione è colpa nostra. Oggi possiamo solo sperare nel campo e nella giustizia sportiva, perchè ci sono altri 6 punti di penalizzazione ingiusti che ci stanno penalizzando più del dovuto“.

Mister Tedesco, invece, più che sul Messina e su come i peloritani affronteranno il Savoia, si concentra sulla vittoria di ieri: “Sono contento per la prestazione dei ragazzi, hanno confermato quanto di buono hanno fatto a Foggia, dove solo il risultato è andato male. Abbiamo ancora speranze di raggiungere i playout, c’è una settimana importante, dobbiamo vincere a Martina e poi vediamo. Ci crediamo, come sempre. Sto provando a compattare il gruppo per l’obiettivo dei playout: i ragazzi sono mentalmente più convinti, il clima è positivo e questo è importante. Viola? Lo conosco da quando eravamo compagni di squadra, so bene quali sono le sue qualità. A Martina avremo bisogno di lui, come anche di Insigne, Di Michele e del rientro di Masini. Abbiamo tante soluzioni, l’importante è mantenere la speranza. Il Messina? Normale che abbia battuto la Salernitana, che arrivava dopo una settimana di festa. Il Messina non è sicuro del posto che ha, chissà con chi vogliono giocare loro. Il Presidente ci ha ridato una speranza che una settimana fa non c’era, ora lotterà per avere restituiti gli altri due punti, è convinto che riuscirà ad ottenerli, perchè sono ingiusti. Dobbiamo andare a fare una battaglia a Martina Franca e vincere ancora. Il Presidente ci ha detto che sicuramente il verdetto sul ricorso arriverà prima dell’ultima giornata: speriamo che i due punti arrivino prima di sabato, così poi dipenderà solo da noi e giocheremo con maggiori motivazioni“.

Bella giornata per Alessio Viola, che ha trovato il gol dopo una stagione tutt’altro che esaltante: “Quest’anno sono entrato sette volte sul 2-0 per gli altri e nel girone d’andata ho giocato solo due partite da titolare. E’ stata una stagine brutta e difficile, è la prima volta che faccio appena sei gol ma adesso che sto giocando mi viene tutto più facile. In più mi trovo molto bene con Insigne, ci compensiamo. Confido che il presidente Foti riesca a riottenere almeno altri due punti. In un modo o nell’altro sono convinto che ci giocheremo i playout. Non siamo riusciti a reagire dopo la penalizzazione: non è una giustificazione ma a livello psicologico ha pesato molto. Siamo tutti ragazzi, soprattutto nel girone d’andata eravamo troppo inesperti. Aronica, Cirillo e Belardi avranno sbagliato qualcosa, ma ci hanno dato una grande mano e non fossero arrivati non saremmo ancora qui a giocarcela. Io amo questa società e vederla ultima in classifica è amaro: non è questa la Reggina che voglio. Mi dispiace per la città. Sono convinto che il club ripartirà, per forza con una nuova società, anche se sono molto legato a Foti e spero rimanga ancora il Presidente, perchè può ancora dare tanto. Per i playout credo nella lealtà sportiva. Anche se, sono sincero, credo che il Messina preferirà fare i playout col Savoia: per loro un derby sarebbe una mazzata. Noi proveremo a fare il risultato a Martina. Poi se ci verranno restituiti questi altri due punti, oppure se il Messina si giocherà la partita, ci giocheremo i playout“.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Barletta, ore contate per la società?

La Redazione

Savoia: se resta Bucaro, va via il presidente onorario

La Redazione

Cosenza, arriva Serpieri a titolo definitivo

La Redazione