23 C
Foggia
11 Maggio 2021
Foggia Calcio

Spettacolare cinquina a Matera il Foggia torna in corsa play off

Rossoneri subito in vantaggio con Gigliotti, poi l’uno-due lucano in avvio di ripresa. Ma i satanelli si scatenano e vincono (5-2) con Sarno, Iemmello, Maza e Sicurella

Il Foggia sbanca Matera e ritorna in corsa per i play off. I rossoneri non tradiscono le attese ed espugnano il «Franco Salerno» con un pirotecnico 2-5, in una girandola di reti ed emozioni. Il miglior modo per ricordare Franco Mancini, numero uno di Zemanlandia nativo proprio di Matera. Il calendario, infatti, ha voluto che il suo «derby» si giocasse pochi giorni dopo il terzo anniversario della sua scomparsa (30 marzo).

La partita
L’inizio gara è tutto rossonero. Il Foggia fa incetta di corner e si guadagna il vantaggio: angolo velenoso di Sarno, Bifulco non trattiene e Gigliotti tocca di testa oltre la linea. E insiste. Al 15’ Maza dal limite impegna il portiere alla parata a terra. Lo spagnolo ci prova anche su punizione ma Bifulco vola all’incrocio e salva. Il primo vero pericolo per il Foggia arriva poco prima della mezz’ora con il tiro dal limite di Madonia respinto con i pugni da Micale. Al 39’ il solito Maza per poco non infila il pallone tra palo e portiere che è attento e respinge. In chiusura di tempo Madonia tentenna tutto solo dinanzi al portiere e si fa recuperare da Bencivenga al momento del tiro. L’intervallo, però, giova ai padroni di casa che riequilibrano la gara dopo solo 5’ di gioco. Letizia fa tutto da solo, si accentra e fulmina Micale con un destro nel sette. Altri tre minuti e arriva il raddoppio con un altro tiro dal limite di Carretta. Il Foggia incassa e reagisce con rabbia al 62’ con Sarno che calcia alle stelle dal limite dell’area piccola. Lo scugnizzo si riscatta poco dopo, approfittando di uno svarione di Ferretti per siglare il gol del pareggio. Il Matera accusa il colpo e il Foggia ne approfitta per riportarsi in vantaggio con un assolo di Iemmello, abile a saltare anche il portiere prima di depositare la sfera in rete. Nel finale trovano gloria anche Maza e Sicurella. La zona rossa della classifica ora dista solo tre lunghezze e dopo la sosta di Pasqua allo Zaccheria arriva la temibile Casertana.

fonte: domenico carella – corriere del mezzogiorno

Potrebbero interessarti:

Salernitana – Nuova Cosenza 1 – 1: cronaca e tabellino

La Redazione

Lo Campo: “Serie B in 3 anni ma vogliamo 5.000 spettatori domenicali”

Domenico Carella

Corini, tecnico del Brescia: “La partita è stata un inno al calcio. Non credo che l’arbitro sia stato determinante”

Gianpaolo Limardi