13.9 C
Foggia
18 Ottobre 2021
Foggia Calcio

IL PROSSIMO AVVERSARIO. Notizie da Reggio Calabria…

Giosa: “Auguro alla Reggina di riprendersi”

Esperienza e personalità al servizio del Como. Antonio Giosa è alla seconda stagione in riva al Lago e si sta confermando come uno dei difensori dal rendimento più elevato nella categoria. Il classe ’84 ha vestito maglie importanti in carriera quali quelle di Reggina, Vicenza e Avellino, giocando anche nella massima serie e in cadetteria. Il “Ministro della difesa” comasca si è raccontato in esclusiva a TuttoLegaPro.com.

Ieri è arrivato uno scivolone interno un po’ a sorpresa con la Cremonese: un’occasione sprecata?

“Gli episodi ci hanno castigati. Sicuramente dispiace aver perduto l’opportunità di portarci ancora più in alto. E’ arrivata la prima sconfitta interna stagionale. Le cause? Giochiamo ogni tre giorni fra campionato e coppa e probabilmente eravamo un po’ stanchi. Inoltre di fronte abbiamo trovato una Cremonese davvero forte, non meritano l’attuale posizione di classifica”.

In un campionato così duro come si fa a restare in alto?

“Bisogna giocare con intensità e qualità”.

A cosa ambite per quest’anno?

“L’obiettivo è sicuramente quello di migliorare i risultati dell’anno scorso”.

Nella scorsa stagione usciste col Sudtirol ai Playoff…

“Arrivammo ottavi, perciò quest’anno per centrare i Playoff e restare in alto bisogna fare meglio. Sarebbe bello arrivare agli spareggi promozione”.

Come si trova a Como?

“Molto bene. Sono contento di essere in un gruppo così sano e solido. Questa è una piazza blasonata e decisamente affiatata di calcio, vogliamo ricreare grande entusiasmo intorno alla squadra”.

Fra le sue ex squadre spicca la Reggina: gli amaranto rischiano la Serie D…

“La Reggina la seguo sempre con grande affetto. Ho giocato in Serie A con loro, vivendo a Reggio il periodo più importante della mia carriera”.

Riusciranno a salvarsi?

“Alberti l’ho avuto in Primavera e può aiutare il presidente Foti a risalire la china. Glielo auguro di cuore”.

L’attaccante più difficile da marcare nel Girone A?

“Dico Felice Evacuo del Novara. Fa la differenza e da anni va sempre in doppia cifra”.

Pure a Como non scherzate con gente come Ganz, De Sousa, Le Noci, Defendi e Scapuzzi…

“Dici bene: gioco con punte molto importanti che non cambierei con nessun’altra della categoria”.

Chi vince il campionato?

“Il Novara è la squadra più forte del girone, all’inizio hanno faticato perchè credevano nel ripescaggio e probabilmente non si erano mentalizzati nella categoria. Lo 0-4 subìto al Piola? Abbiamo perso in maniera così netta più per demeriti nostri che per bravura degli avversari…”.

fonte: tuttolegapro

Al Sant’Agata si rivede Cerantola

Sul campo di allenamento della Prima Squadra, c’è un volto noto agli sportivi reggini, quello di Aldo Cerantola.

Potrebbe essere lui ad essere investito della carica di responsabile dell’area tecnica della Reggina.

Cerantola, dopo aver guidato la Reggina dalla panchina, fu assunto come osservatore e successivamente come responsabile del settore giovanile e come direttore sportivo, negliu ultimi anni di serie A.

Il “cordone” con la Reggina non si è mai spezzato, tanto che sino a qualche mese fa girava i campi della Lega Pro e non solo, per avere qualche relazione su giovani prospetti.

Adesso resta da capire se la società lo incaricherà di nuovo e che tipo di mansioni avrà.

fonte: tuttoreggina

Amaranto in Nazionale. Un centrocampista reggino conclude lo stage dell’Under 16 di Lega Pro

E’ rimasto in campo per 90 minuti Eugenio Lorefice, centrocampista della Berretti della Reggina, impegnato nella gara in famiglia che ha concluso lo stage di Coverciano dell’Under 16 di Lega Pro.

Per la cronaca, la squadra del centrocampista amaranto ha vinto per 4-1.

fonte: tuttoreggina

Le missioni di Alberti: dalla difesa all’attacco, quanto lavoro per il neo tecnico

Roberto Alberti ha preso in mano una bella gatta da pelare. Lui l’ha definitiva sfida e la sensazione è che il tecnico deve ancora capire che si tratta di una scommessa ben più ostica di quanto lui stesso possa immaginare.

Bisogna rilanciare la squadra a livello morale, darle nuova credibilità, dentro e fuori. Di certo, a livello tecnico-tattico, le sfide per Alberti sono numerosissime. Proviamo a vederle passo passo, sempre in attesa degli inevitabili colpi di mercato ai quali dovrà far fronte il club:

– BLINDARE LA DIFESA:

Alberti deve iniziare a trovare la quadratura nella retroguardia. Cozza, prima della bufera che poi lo ha portato a dimettersi, aveva trovato un certo equilibrio dal punto di vista degli uomini utilizzati, con la coppia centrale Di Lorenzo-Camilleri certamente la più affidabile. Inevitabile cercare di prendere meno gol e provare a restare concentrati in ogni frangente del match.

– FARE TORNARE AD ALTI LIVELLI INSIGNE:

Probabilmente lo sgugnizzo ha bisogno di non adagiarsi sul grigiore generale. Alberti deve trovargli la giusta posizione, non lontano e non troppo vicino alla porta. Il suo mestiere principale è quello di assistere i compagni.

– TROVARE PERICOLOSITA’ ULTIMI 15 METRI:

Alberti deve rivedere la fase offensiva. Non si tratta solo dela semplice freddezza sotto porta, ma anche e sopratutto della costruzione dell’azione. Non più soluzioni a casaccio, ma idee frutto di gioco. Poi magari Masini la metterà pur dentro qualche volta…

– RICOINVOLGERE I “BIG”:

Hanno deluso sopratutto coloro pronti a spiccare il volo. I vari Kovacsik, Armellino, Dall’Oglio o anche lo stesso Rizzo, per non parlare di Viola, al di là di tutte le problematiche extracampo, vanno spronati e rimotivati per la causa Reggina: toccherà ad Alberti farlo.

fonte: tuttoreggina

Domani conferenza stampa mister Alberti

Conferenza stampa domani di mister Roberto Alberti. L’appuntamento per i colleghi giornalisti è per le ore 14 nella sala stampa del Centro sportivo Sant’Agata.

fonte: regginacalcio

Comunicato Stampa

La Reggina Calcio comunica che, a seguito della riunione di oggi sul ricorso presentato dalla società avverso l’inibizione dell’amministratore unico dott. Giuseppe Ranieri e la penalizzazione di quattro punti, la Corte d’Appello Federale a Sezioni Unite ha sospeso l’esecutività della sanzione inflitta al dott. Ranieri e ha richiesto la produzione, entro il 10 gennaio prossimo, di ulteriore documentazione relativa al deferimento in oggetto, riservando all’esito ogni decisione.

fonte: regginacalcio

5 reti nel test contro la “Berretti”

Allenamento pomeridiano per la Reggina di Alberti che ha giocato una partitella contro la “Berretti”. Il test infrasettimanale si è concluso col risultato di 5 – 0: ad andare a segno Dall’Oglio, Louzada, Masini e Viola, che ha realizzato una doppietta. La seduta di domani si svolgerà a porte chiuse.

fonte: regginacalcio

Reggina – Foggia: gli orari della biglietteria

La Reggina comunica ai tifosi che, in vista della gara di sabato con il Foggia (ore 15), la biglietteria del centro sportivo Sant’Agata osserverà i seguenti orari: venerdì dalle ore 15.30 alle ore 19.00 e sabato dalle ore 9.00 alle ore 14.45.

fonte: regginacalcio

Un nuovo responsabile dell’area tecnica

Giorni di grandi cambiamenti in casa Reggina: oltre all’avvento in panchina di Roberto Alberti ci sarebbe in arrivo un nuovo responsabile dell’area tecnica del club amaranto, ovvero l’ex calciatore amaranto Aldo Cerantola.

fonte: tuttolegapro

Pedullà: “Cozza trova sempre degli alibi, ma con Reggina e Catanzaro ha fallito”

Sull’addio di Francesco Cozza alla Reggina e gli alibi esplicitati dall’ex tecnico amaranto sull’esperienza negativa in Calabria si è espresso anche l’esperto di mercato di Sportitalia Alfredo Pedullà:

“In Italia diventa sempre più raro riuscire a dire “ho sbagliato”. A maggior ragione nel calcio, quando le cose vanno malissimo e bisognerebbe metterci la faccia. Invece, Cicco Cozza ha da poco concluso la sua esperienza (fallimentare) con la Reggina e dice che la colpa è soltanto degli altri. Certo, avrà degli alibi, la situazione societaria ha avuto un peso importante, la penalizzazione e il mercato senza grossi lampi anche. Ma Cozza fa l’allenatore e dovrebbe ricordare che viene giudicato per il lavoro sul campo. E per un profitto che, domenica dopo domenica, non c’è stato. Inutile sparare veleno dopo, non ha senso. Il buon Ciccio ambiva alla panchina della Reggina, se avesse avuto il minimo dubbio avrebbe fatto meglio a rinunciare, non era una prescrizione medica. Anche per non allungare la lista delle incompiute, da Catanzaro a Pisa troppe frenate per poterlo considerare un rampante della panchina. Anzi, il bilancio è in rosso. Auguriamo sinceramente a Cozza di cancellare i recenti fallimenti, ma di non raccogliere soltanto alibi. Quando lo mandarono via da Catanzaro disse più o meno le stesse cose: possibile che ogni tanto non sia anche e soprattutto colpa sua?”.

fonte: tuttolegapro

Alberti pensa al Foggia: si lavora sulla difesa a quattro

I primi passi della nuova Reggina di Roberto Alberti.

Doppia seduta per gli amaranto, agli ordini del neo tecnico. Dopo il lavoro atletico della mattina, tattita al pomeriggio.

Le prime indicazioni dai campi del Sant’Agata, dicono che il tecnico vorrebbe puntare sulla difesa a quattro, con interpreti tuti ancora da valutare e scegliere.

Oggi, seduta programmata per le ore 15: non c’è tempo da perdere, il Foggia si avvicina

fonte: tuttoreggina

Tutti i numeri della crisi

QUINTA SCONFITTA DI FILA – Reggina in caduta libera. A Torre Annunziata arriva la quinta sconfitta di fila.

NONA GARA SENZA SUCCESSI – Nona partita di fila senza vittorie per la Reggina: l’ultima quella con il Cosenza.

SEDICI GARE, DIECI SCONFITTE – Reggina ultima in classifica. Decima sconfitta in sedici gare, più della metà.

ULTIMO GOL SEGNATO – L’ultimo gol segnato dalla Reggina risale al 18′ della sfida casalinga contro l’Aversa Normanna, siglato da Louzada. Sono 522 minuti di astinenza dalla marcatura per i calabresi.

PORTA SEMPRE BATTUTA – Nona gara di fila conclusa con almeno una rete al passivo. L’ultima volta senza reti subite in occasione di Reggina-Cosenza 3-0. Sono in totale due le gare in cui gli amaranto hanno mantenuto inviolata la propria porta.

SETTIMA SCONFITTA FUORI CASA – Reggina alla settima sconfitta fuori casa su otto gare giocate.

SENZA GOL FUORI CASA DA SETTEMBRE – Reggina che vanta il peggiore attacco esterno, con appena tre reti segnate. L’ultimo in Juve Stabia-Reggina 2-1 del 28 settembre da Armellino.

PEGGIORE DIFESA “DA VIAGGIO” – Reggina che ha subito fuori casa 16 reti, più di tutte le altre squadre del girone.

SECONDA PEGGIORE DIFESA DEL GIRONE C – Reggina che con 24 reti subite, vanta la seconda peggiore difesa del girone: solo l’Aversa Normanna con 25 marcature al passivo ha fatto peggio.

PEGGIOR ATTACCO DEL TORNEO – Solo 10 reti segnate dala Reggina, il numero più basso delle 20 squadre del raggruppamento meridionale della terza serie.

FINITA L’ESPERIENZA DELLO STAFF TORTELLI – Si chiude dopo sole tre gare, la gestione tecnica targata Tortelli. Tre sconfitte in tre gare, sei reti subite e zero gol realizzati, il magrissimo bilancio.

GOL SUBITI: QUIINDICI RETI NEL SECONDO TEMPO – La Reggina ha subito a Torre Annunziata, la quindicesima rete del campionato nel secondo tempo.

CONTO AMMONIZIONI – Ottavo giallo stagionale per Rizzo, quinto per Camilleri, terzo per Insigne, secondo per Armellino e Viola.

RIGORI CONTRO – In casa del Savoia, concesso il primo rigore contro la Reggina.

PRESENZE IN LEGA PRO – Camilleri a quota 73 presenze in terza serie, Kovacsik a quota 54, Armellino a quota 84, Masini a quota 222.

PRESENZE IN AMARANTO:

KOVACSIK – 28 presenze; AQUINO 4 presenza – 0 reti; CAMILLERI 12 presenze – 0 reti; CRESCENZI 12 presenze – 0 reti; DI LORENZO 36 presenze – 0 reti; ARMELLINO 53 presenze – 3 reti; RIZZO 101 presenze – 3 reti; DALL’OGLIO 51 presenze – 2 reti; SALANDRIA 7 presenze – 0 reti; CONDEMI 4 presenze – 0 reti; PERRONE 3 presenze – 0 reti; INSIGNE 16 presenze – 6 reti; MASINI 13 presenze – 0 reti; VIOLA 61 presenze – 10 reti; LOUZADA 26 presenze – 2 reti; MAITA 9 presenze – 0 reti; KARAGOUNIS 11 presenze – 0 reti; MAIMONE 5 presenze – 0 reti; UNGARO 11 presenze – 0 reti; AMMIRATI 4 presenze – 0 reti; BRAMUCCI 1 presenza – 0 reti; GJUCI 4 presenze – 0 reti

fonte: tuttoreggina

Under 16 Lega Pro, Lorefice tra i convocati

Due-giorni di lavoro attendono l’Under 16 di Lega Pro che, domani 10 dicembre e giovedì 11 dicembre, sarà al Centro Tecnico di Coverciano per uno stage di allenamento.

Gli azzurrini, agli ordini del CT Bertotto, disputeranno una partita a ranghi contrapposti, giovedì 11 dicembre alle ore 15.

Questi i convocati:

> Portieri: Cannella Alfredo (Teramo), Gavellotti Alessio (Carrarese), Guadagnin Ilario ( Bassano V.), Varesio Alberto (Alessandria).

> Difensori: Bacchin Simone (FeralpiSalò), Boccafoglia Giacomo (Spal 2013), Conti Massimo (Gubbio), Di Massa Francesco (Ischia I.), Fiumara Amilcare (Messina) Gambardella Giulio (Mantova), Larese Filon Riccardo ( Forlì), Montanaro Pierluigi (Lucchese).

> Centrocampisti: Collodel Riccardo (Novara), Gabrielli Matteo (Ascoli P.), Lorefice Oscar Eugenio (Reggina), Migliorelli Lorenzo ( FeralpiSalò), Peri Filippo (Cremonese), Zaccaria Antonio (Reggiana).

> Attaccanti: Bollini Frigerio Alessandro (Monza B.), Capristo Andrea (Lecce), Ciappi Ludovico (Pontedera), Ibe Chinaecherem (Cremonese), Laringe Fabio (Ischia I.), Todisco Patrick (Monza B.)

fonte: tuttolegapro

La domenica degli amaranto in giro per l’Italia. Licastro interrompe la propria imbattibilità

Ecco le prestazioni dell’ultimo weekend dei calciatori della Reggina in prestito in altri club.

AKUKU (Potenza) – Non rientra nei diciotto scelti dal tecnico lucano.

CARUSO (Andria) – Non rientra nei diciotto convocati.

CORDOVA (Maceratese) – Discreta prova sull’out destro della retroguardia maceratese, brava a strappare un punto e proseguire il suo sogno promozione.

LICASTRO (Bisceglie) – Si ferma a 420′ l’imbattibilità del portiere calabrese con il suo Bisceglie. Nel successo dei nerazzurri (3-1 al Monopoli) Licastro subisce il gol dell’iniziale vantaggio pugliese.

PORCINO (Taranto) – Buona prova nel successo maturato per 3-1 al cospetto del Grottaglie.

RUSSO (Taranto) – Entra e sforna l’assist per il terzo gol della tripletta messa a segno da Genchi.

fonte: tuttoreggina

Torna a parlare Cozza:”Convinto della mia scelta. Mancavano gli uomini carismatici”

L’ex allenatore della Reggina, Francesco Cozza, è intervenuto alla trasmissione Fuorigioco, in onda ogni lunedì su Rtv. L’ex capitano amaranto ha parlato della sua esperienza in panchina

“Posso solo dire che sono andato via perchè non c’era la possibilità di fare gioco come volevo io. Si tratta di una scelta di cui sono sempre più convinto. Non c’erano più le condizioni per poter lavorare come auspicavo, mancavano gli uomini carismatici.Ricordiamo che la Reggina è una squadra difficile, so che pochi allenatori hanno completato la stagione, nelle prime sette partite giocavamo bene e creavamo molte situazioni; tutto è crollato con il rigore sbagliato contro la Lupa Roma”.

Mancanza di leader: “Quando in un gruppo non ci sono i tre elementi che tirano gli altri non può funzionare. Quello che ho notato è mancato è stata la voglia di vincere, la cattiveria agonistica. Si giocava solo per fare la partita. La squadra mi ha sempre seguito, ma purtroppo come ho detto prima e lo ribadisco il calcio lo vedo diversamente, a me i bambini viziati non piacciono”.

Cozza parla di alcuni retroscena sui casi spinosi della squadra: “Per quanto riguarda Di Michele, l’occasione nella quale non è stato convocato non è stata per scelta mia, è stata fatta passare come scelta tecnica ma non è cosi. Purtroppo il calcio è questo. E’ successo qualcosa di simile anche con Viola”.

Cozza difende i “suoi” uomini: “Masini l’ho richiesto soprattutto perchè avevo Bombagi che sulla destra sfornava cross. Poi Bombagi è andato via e in un 4-3-3 serve poco. Per quanto riguarda Crescenzi mi aspettavo di più ma è sempre nell’occhio del ciclone, se sbaglia lui va bene, ma anche se sbaglia qualcun’altro la colpa va sempre a lui”.

fonte: tuttoreggina

Alberti si presenta: “Io credo in questa Reggina”

ALBERTI:

“Sono orgoglioso di ritornare qui. Ho avuto esperienze indimenticabili qui, anche in momenti difficili della storia del club. Sono qui in un momento particolare di questi ultimi anni, anche perchè il calcio e la società sono cambiate. Torno qui con gra entusiasmo, non ho paura e credo molto in quest gruppo, però è chiaro che abbiamo problemi. Dobbiamo trovarli e lavorare per avere soluzioni. Mai pensato, da fuori, che la Reggina potesse cadere in quest situazione. Ringrazio i miei predecessori.

Voglio un aiuto a chi ama queta società e questa squadra. Io non mi to indietro lo stesso in ogni caso e noi ne verremo fuori, ci vorrà del tempo, ma possiamo farcela. Il gruppo della Reggina ha dei valori tecnici e anche umani, ma va apito il motivo di queto ultimo posto. Indossa questa maglia ha qualcosa di particolare, voglio passione da parte dei calciatori e avere una reazione: non dobbiamo mai mollare.

Mercato? Oggi il mio pensiero è rivolto alle ultime due gare. Sabato arriva una delle squadre più in forma del torneo, poi c’è il derby. Poi ci siederemo con il presidente e ne parleremo. Ma credo che questo organco è sottovalutato, voglio conoscerlo meglio.

Ci sono problematiche di svariata natura, non solo tattica. Dobbiamo avere un atteggiamento propositivo. Voglio una squadra spigliata, che possa divertirsi e dare tutto. E questo l’ho detto ai ragazzi. Che la squadra abbia dei valori è innegabile, ragazzi all’altezza di questo campionato. Ma per tirare fuorii valori c’è bisogno di tempo, lavoro e competenza. Nella prima parte di questo campionato, ho visto una situazione tecnio-tattica molto buona

Saffioti si occuperà della parte fisica atletica, con il quale ho lavorato nella Primavera. Ho grande piacere lavorare con lui. Stefano Leoni si occuperà dei portieri. Per ora siamo questi tre, vedremo se occorrerà qualche altro, ma è importante la qualità del lavoro. La defezione di Di Michele potrebbe comportare l’esigenza di un intervento sul mercato.

Non avevo bisogno di mettermi in gioco. La Reggina mi ha chiamato e io ho accettato perchè mi piacciono le sfide. Conosco i rischi che può comportare questa esperienza. Voglio sempre mettemi in discussione e la chiamata del presidente è stata per me una grande attestazione di stima. Io ho colto un segnale: la città di Reggio riparte, insieme alla sua squadra. Seguendo la Reggina da lontano e a tutti ha trasmesso grande simpatia: c’è un certi segnale di rinascita.

Non è stato difficile accettare l’incarico a Bari e tra mlle difficoltà, abbiamo fatto un grandissimo lavoro. Sono gratificato dal fatto di aver legato il mio nome a quella realtà. E la realtà della Reggina è quella della Lega Pro, l’ultimo posto della Lega Pro, lasciamo perdere gli anni belli. La zona salvezza è lontana, ma ci credo, credo molto alle nostre possibilità, a quelle mie e del mio staff.

La passione fa la diffeenza, sopratutto la passione di trasmettere i concetti. Dobbiamo fare risultato contro il Foggia, dare entusiasmo ai ragazzi. Una squadra giovane come la nostra deve mettere in campo la freschezza, pur pagando qualche cosa in esperienza. Voglio rimettere in campo una squadra e abbia coraggio: voglio una squadra che mostri alla gente che l’atteggiamento è cambiato.

Foti:

” Situazione società? Farmo un conferenza stampa allargata con il sindaco Falcomatà, sulle problematiche che attanagliano la Reggina, perchè la Reggina è un patrimonio della società. Alla luce delke cose che adremo a dire e a fare spero possa dare lustro all città di Reggio. Vogliamo portare soluzioni per rilanciare il connubio Reggio-Reggina”.

“Alberti ha contribuito alla nostra storia. Mi ricordo di lui in una gara contro la Lodigiani a Roma e nel 1991 c’era lui nei miei primi mesi in cui gestivo da solo la Reggina, in momenti ancor più difficili di ora. Allora gli stiendi si prendevano ogni sei-sette mesi e lui mi disse:”Presidente, tenga in piedi la Reggina, allo spogliatoio ci penso io”. Ho sempre avuto grande stima di lui, si dai tempi della Primavera. Lui mi ha dato tutta la sua disponibilità e ha voluto parlare con me della situazione della Reggina. Ha firmato un contratto sino a giugno e da oggi siamo printi a ripartire, con la collaborazione della squadra.

ore 17.21 – Ecco Alberti con il presidente Foti

ore 17.12 – Sala stampa piena di giornalisti, si attende l’arrivo di Alberti.

Buon pomeriggio agli amici di TuttoReggina.com. Tra poco LIVE la conferenza stampa di presentazione del neo tecnico della Reggina Roberto Alberti Mazzaferro, trentatreesimo allenatore del club dello Stretto dal 1986.

Inizio conferenza stampa previsto per le ore 17.

fonte: tuttoreggina

Panchina senza padrone, quattordici cambi di panchina in sette anni

Continua il conto di cambi di panchina in casa Reggina, oramai senza pace

Dopo l’era di Mazzarri, sono ben quattordici i cambi di panchina nella squadra dello Stretto, in poco più di sette anni.

Gli unici a terminare almeno una stagione intera nella gestione Foti, al di là di Colomba e Mazzarri, sono stati Enzo Ferrari nel 1993-1994, Giuliano Zoratti nella stagione del ritorno in B, 1994-1995, Gianluca Atzori nella stagione 2010-2011 e c’è da aggiungere la stagione 1997-1998, guidata da Colomba per intero.

Sono tre i tecnici che hanno terminato per intero una stagione, prima del 1991. Si tratta di Bigon, il primissimo tecnico della neonata società, che mantenne il posto per l’intera stagione 1986-1987, Nevio Scala, che rimase intoccabile per due stagioni di fila, e Bruno Bolchi, saldo al suo posto per tutta la durata della stagione 1989-1990.

Il tandel Tortelli-Padovano è il 32esimo allenatore della storia della Reggina Calcio, mentre dal 1991 ad oggi i cambi di panchina sono stati 24.

Roberto Alberti tecnico numero 33 dal 1986

Ecco tutti gli allenatori della Reggina Calcio:

1986-1987: Bigon

1987-1989: Scala

1989-1990: Bolchi

1990-1991: Cerantola—-Graziani—Cerantola

1991-1992: Cerantola—Ansaloni—Geretto (inizia l’era Foti come presidente)

1992-1993: Geretto—Ferrari

1993-1994: Ferrari

1994-1995: Zoratti

1995-1996: Zoratti—Gagliardi

1996-1997: Buffoni—Guerini

1997-1998: Colomba

1998-1999: Gustinetti—Bolchi

1999-2002: Colomba

2002-2003: Mutti—-De Canio

2003-2004: Colomba—Camolese

2004-2007: Mazzarri

2007-2008: Ficcadenti—-Ulivieri—Orlandi

2008-2009: Orlandi—-Pillon—-Orlandi

2009-2010: Novellino—Iaconi—Breda

2010-2011: Atzori

2011-2012: Breda—-Gregucci—Breda

2012-2013: Dionigi — Pillon

2013-2014: Atzori —–Castori ——Atzori—–Zanin/Gagliardi

2014-2015: Cozza —— Tortelli/Padovano —–Alberti

fonte: tuttoreggina

Foti: “Parleremo col sindaco perchè questo club è un patrimonio della città”

“Parleremo col sindaco e faremo una conferenza allargata con il primo cittadino sulle problematiche della Reggina; perchè questo club rappresenta un patrimonio della città. Siamo al lavoro per trovare soluzioni che possano rilanciare il connubio Reggio Calabria-Reggina”. Così il patron Lillo Foti in conferenza stampa.

fonte: tuttolegapro

La partita dei tecnici – Ugolotti contro lo staff tecnico amaranto

UGOLOTTI:

Mette il 4-4-2 contro la Reggina, poi ci pensano tutti i limiti degli ospiti a dare al Savoia la prima vittoria casalinga della stagione e al tecnico la prima gioia da allenatore della squadra oplontina.

La sua squadra è modesta, ma comunque dimostra di voler lottare su ogni pallone, a differenza degli avversari odierni. La sua difesa tiene bene, eccetto quando la Reggina decide quelle pochissime volte di alzare il ritmo.

Nella ripresa, cambi che non cambiano la situazione. VOTO – 6

STAFF TECNICO AMARANTO:

Ciò che colpisce di più è l’assoluto silenzio della panchina. L’unica mossa è stata quella di inserire Masini per Camilleri. In pratica, non è cambiato nulla dalle ultime prove della gestione Cozza.

Lo staff manda in campo il 4-3-3 di cozziana memoria, con Viola al centro del’attacco e Camilleri in difesa. Si giochicchia, nulla di più. Il palo nega la gioia di un gol che è un lontano ricordo.

Nella ripresa, nulla di nuovo o positivo da segnalare.

Non c’è stata la svolta con il cambio di panchina e difficilmente ci sarà, con il massimo rispetto dell’attuale staff tecnico. VOTO – 4,5

fonte: tuttoreggina

Reggina in silenzio stampa

L’ennesima sconfitta stagionale (la quinta consecutiva, senza alcuna rete segnata) in quel di Savoia, ha portato la Reggina a dichiarare il silenzio stampa. In attesa del cambio di proprietà, le bocche a Reggio rimarranno cucite.

fonte: tuttolegapro

Top & Flop di Savoia-Reggina

Il Savoia batte una Reggina davvero troppo rinunciataria, conquistando tre punti fondamentali per la corsa salvezza. Decidono una rete di Checcucci nel primo tempo, e un calcio rigore trasformato da Scarpa nella ripresa a pochi minuti dal fischio finale. Prova d’orgoglio per gli oplontini che seppur con qualche difficoltà riescono a vincere una partita tutto cuore. Ma andiamo a vedere insieme i “Top & Flop” di questo match:

TOP

Scarpa (Savoia): Il capitano prende per mano i suoi, non solo per il rigore trasformato. Dai suoi piedi partono le occasioni più pericolose dei bianchi di Torre Annunziata. Dotato di un piede sopraffino l’ex centrocampista di Salernitana e Paganese detta i tempi ai suoi. CUOR DI CAPITANO

Viola (Reggina): A volte forse troppo irruento, ma è quello che serve a questa Reggina: cuore e grinta. L’attaccante ex Frosinone nel primo tempo è quello che si fa vedere maggiormente dalle parti di Santurro, colpendo anche un palo dopo appena undici minuti di gioco. Nella ripresa cala vistosamente, era alla sua prima partita da titolare, ma nonostante ciò lotta su tutti i palloni. VOLENTEROSO

FLOP

Del Sorbo (Savoia): Dovrebbe essere il faro della manovra dei bianchi, ma non si fa mai vedere. Partita davvero opaca per l’attaccante ex Cavese che non riesce mai a prevalere tra le maglie amaranto. Nella ripresa viene giustamente sostituito da mister Ugolotti, che gli preferisce Giacomo Cipriani. IMPALPABILE

Insigne (Reggina): Non è il solito Roberto Insigne ammirato nella prima parte di stagione. L’attaccante partenopeo dialoga poco e male con i compagni. Nella ripresa ha l’occasione di piazzare il pareggio, ma dopo una bella combinazione con Rizzo entra in area e tira così debolmente a tu per tu con Santurro che il suo tiro sembra quasi un passaggio. POCO PRECISO

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Foggia – Cosenza, info biglietti

La Redazione

Gioia Foggia Calcio, ecco i messaggi dei VIP. E c’è anche Ramazzotti…

Domenico Carella

Foggia – Teramo 1-0, Narciso para, Leonetti segna

Domenico Carella