13.9 C
Foggia
18 Ottobre 2021
Foggia Calcio

Di Bari: «Il Barletta gioca un buon calcio, il derby sarà una festa»

E’ un Foggia quarto in classifica e con ambizioni di grandeur quello che sabato il Barletta si troverà di fronte al “Pino Zaccheria” in un derby attesissimo da entrambe le piazze. Otto vittorie, altrettanti pareggi e una sola sconfitta (solo il Benevento ha lo stesso dato nel girone C) sono il bottino sin qui raccolto dai rossoneri: «Sarà un derby tranquillo sugli spalti-ha assicurato ieri ai microfoni di Amica 9 Tv il ds del Foggia, Giuseppe Di Bari-E’ tutto sotto controllo: è ovvio che se all’ultimo momento ci sono comunicazioni questo non possiamo saperlo, ma si giocherà tranquillamente con tutte e due le tifoserie».

Foggia che ora è vicino alle big del torneo: «E’ ovvio che inizialmente l’obiettivo era quello di un campionato tranquillo-ha spiegato Di Bari- quando ti rendi conto che ci sono dei presupposti positivi, è normale che l’appetito vien mangiando. Sappiamo che la piazza di Foggia è molto calda e molto vicina a noi. Proviamo a fare il massimo domenica per domenica». A gennaio sarà calciomercato: «Qualche giocatore che sta trovando poco spazio lo manderemo a giocare, mentre in entrata bisogna stare molto attenti. Ogni intervento dovrà essere mirato: stiamo valutando qualcosa ma ad oggi pensiamo di mutare poco gli equilibri

Squadre allestite in estate con obiettivi simili, Barletta e Foggia, con Di Bari che diffida dell’avversario: «Il Barletta l’ho visto giocare svariate volte: gioca un buon calcio e ha un allenatore competente come Sesia. Sono contento che anche nei momenti negativi gli sia stata data fiducia, e ciò che sta ottenendo oggi è frutto anche di questo atteggiamento positivo da parte della società e del lavoro dell’allenatore».

Fonte: www.barlettaviva.it

Potrebbero interessarti:

Social network, ecco le società di Lega Pro più seguite ed il Foggia Calcio…

La Redazione

Salernitana-Foggia Calcio: i convocati di mister Gregucci

La Redazione

Gattuso: “Ci aspetta una battaglia da elmetto. E invidio De Zerbi…”

Domenico Carella