13.9 C
Foggia
16 Ottobre 2021
Serie B

Salernitana, Menichini: “Dedichiamo la vittoria ad Armandino. Mi piace l’entusiasmo di questa squadra”

Al termine del match tra Salernitana e Catanzaro vinto dalla formazione granata grazie a due prodezze firmate Calil, Leonardo Menichini è intervenuto in sala stampa per commentare la prestazione dei suoi contro l’undici calabrese. Il tecnico in primis ha chiarito che la difficoltà nel segnare non era dovuta a motivi di carattere motivazionale.

Come mai non riuscivate a sbloccare il risultato?

“Non è mancata la voglia di far gol, il portiere ha fatto tante parate, magari siamo stati imprecisi. Potevamo fare cinque gol nel primo tempo e cinque nel secondo, il gol è fondamentale ma io valuto la costruzione delle azioni. Abbiamo giocato una grande partita, purtroppo abbiamo avuto una indecisione nel secondo tempo e poteva succedere quanto successo con il Lecce. Mancando dei giocatori che potevano cambiare la partita era difficile incidere, invece oggi con l’ingresso di due giocatori freschi ci hanno dato qualcosa in più in un momento di difficoltà per il Catanzaro”.

C’è stata una grande reazione dopo il gol del Catanzaro…

“Eravamo dispiaciuti perché avevamo creato tanto, sapevamo di giocare bene e non riuscire a sbloccare la partita ci creava un po’ di nervosismo. Non ci siamo abbassati per nostra volontà ma anche per merito degli avversari, che fanno parte di quelle squadre che puntano a vincere e quindi dopo 40’ hanno avuto qualche situazione per segnare, poi il loro gol ci ha messo in difficoltà ma siamo stati bravi a recuperare ed a vincere la partita che dedichiamo ad Armandino, al quale auguriamo che possa risolvere al meglio i problemi che ha. Abbiamo dato una bella prestazione alla Curva che non manca mai di sostenerci, siamo contenti di questo. Abbiamo fatto 25 punti, stiamo facendo un grande campionato nonostante tanti problemi, tanti infortuni, ma questa squadra è tosta”.

Come spiega il gol subito?

“Gli avversari studiano le nostre difficoltà, c’è bravura da parte loro, ma anche quando facciamo gol noi c’è qualche errore degli avversari. Noi dobbiamo guardare in casa nostra andando avanti con entusiasmo, migliorare in qualche circostanza ma ripeto, non era una partita facile, dopo una settimana difficile, loro hanno dato il massimo ed essere riusciti a vincere è merito dei miei ragazzi”.

Avete avuto difficoltà con il manto erboso?

“Erba molto alta, ora parleremo con chi di dovere, questa erba alta rallentava un po’ la circolazione della palla, così come accaduto con il Lecce”.

Con quale modulo può fare meglio questa squadra?

“Dico che l’allenatore deve essere come un cuoco, lo diceva sempre Mazzone, un bravo cuoco sa cucinare tutto. Dobbiamo valutare l’avversario, devo valutare quello che mi fanno vedere i calciatori in settimana, cerco di percepire il loro stato di forma e in base a quello che propone l’avversario di mettere in campo la formazione ideale”.

Vincere in rimonta è diventata una abitudine…

“Mi piace questo entusiasmo, la squadra voleva vincere e sono contento che l’ha ottenuta, la squadra sta crescendo atleticamente e ho sempre detto di avere un po’ di pazienza perché alcuni ragazzi sono arrivati in corsa, stiamo cercando di migliorare e mi fa ben sperare il fatto che i ragazzi mi seguano con attenzione”.

Quali sono le condizioni di Nalini e Gabionetta? E quest’ultimo dove può fare meglio?

“Gabionetta davanti ha giocato in tutti i ruoli, può creare problemi agli avversari, ma sia lui che Nalini sono rientrati giovedì lavorando senza grandi carichi, bisogna fargli ritrovare una buona condizione. Sono recuperati, sta a me decidere quando metterli dentro e scegliere il modulo migliore da utilizzare”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Italia Under 18 Lega Pro: tris in Kenya

La Redazione

Catania, nominato il nuovo Consiglio d’Amministrazione

La Redazione

Recuperi Lega Pro: le decisioni del Giudice Sportivo

La Redazione