13.9 C
Foggia
17 Ottobre 2021
Serie B

Martina, Carretta: “Non dobbiamo mollare, possiamo salvarci”

Il Martina non è riuscito a prendere punti allo stadio Pinto di Caserta, ma ha fatto tremare gli avversari favoriti. Mirko Carretta, l’esterno ventiquattrenne dei martinesi, ha messo in crisi l’esterno destro di turno e ha servito al centro il pallone che è valso l’uno a zero solo momentaneo di Magrassi. Carretta spiega ai microfoni di TuttoLegaPro.com quale sia stato il problema del riuscire a mantenere il risultato di vantaggio.

“Nel secondo tempo ci siamo abbassati un po’ troppo, ecco perché abbiamo incassato questi gol: era giusto che i nostri avversari attaccassero, perché si trovavano in svantaggio, per questo abbiamo subìto. Però recriminiamo perché sull’uno a zero per noi c’è stato un fallo di mano evidentissimo nella loro area di rigore, e se l’arbitro l’avesse ravvisato probabilmente sarebbe stata un’altra partita dopo”.

È stato suo il cross che ha determinato il gol di Magrassi.

“Ho ripetutamente cercato di scartare gli avversari e dopo la seconda sterzata ho dovuto crossare nel mezzo, fortunatamente la palla è rimasta in area avversaria e Magrassi l’ha messa dentro”.

Eppure il risultato è stato sfavorevole a voi. Cosa bisognerà fare?

“Non si deve mollare. Siamo ancora a poche giornate dalla fine del girone d’andata e poi c’è tutto il girone di ritorno da giocare. Non dobbiamo arrenderci perché tutto è ancora possibile, io mi sono salvato all’ultima giornata con l’Andria all’ultimo momento”.

Si parla di un possibile cambio di maglia per gennaio. Quanto c’è di vero?

“Non so: è chiaro che fa piacere se c’è l’interessamento di altri club per gennaio, ma io ho un contratto fino a fine stagione, e fino a quel momento cercherò di dare il massimo per il Martina. Se però in gennaio la società ritenesse di dover fare un passo così, lo faremmo insieme”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Vigor Lamezia, rinnovo per un difensore

La Redazione

Messina, rescissione per un difensore

La Redazione

Catania, è addio con un difensore

La Redazione