19.4 C
Foggia
28 Ottobre 2021
Serie B

Lega Pro…tagonisti: tornare ad innamorarsi del calcio – seconda parte

“…la va a tocar para Diego, ahí la tiene Maradona, lo marcan dos, pisa la pelota Maradona, arranca por la derecha el genio del fútbol mundial, y deja el tendal y va a tocar para Burruchaga… ¡Siempre Maradona! ¡Genio! ¡Genio! ¡Genio! ta-ta-ta-ta-ta-ta… Goooooool… Gooooool… ¡Quiero llorar! ¡Dios Santo, viva el fútbol! ¡Golaaaaaaazooooooo! ¡Diegooooooool! ¡Maradona! Es para llorar, perdónenme … Maradona, en una corrida memorable, en la jugada de todos los tiempos… barrilete cósmico… ¿de qué planeta viniste? ¡Para dejar en el camino a tanto inglés! ¡Para que el país sea un puño apretado, gritando por Argentina!… Argentina 2 – Inglaterra 0… Diegol, Diegol, Diego Armando Maradona… Gracias Dios, por el fútbol, por Maradona, por estas lágrimas, por este Argentina 2 – Inglaterra 0”.

Victor Hugo Morales, telecronista argentino nel commentare il gol del 2-0 di Diego Armando Maradona sull’Inghilterra al Mondiale del Messico 1986.

Ci scuserete se questa settimana abbiamo utilizzato una citazione straniera senza la traduzione. Il bello di quelle parole e la poesia in esse nascosta, si sarebbe persa. Non crediamo che sia così difficile comprendere cosa volesse dire Victor Hugo Morales, nel dubbio vi invitiamo a guardare tutto il video e la cronaca per apprezzarne maggiormente il valore (clicca qui).

La testa e le gambe sono pronte per tornare a correre sui campi, ma TuttoLegaPro.com prima che i novanta minuti prendano il sopravvento sull’emozioni dell’ultimo turno di campionato, vuole con lo spazio de i “Lega Pro…tagonisti”, attendere ancora un attimo: gustarsi ciò che di bello la Lega Pro può regalarci ogni settimana.

> Lecce:

Utilizzando per un attimo il titolo di questa settimana, per tornare ad innamorarsi del calcio c’è bisogno che qualcuno lo sappia giocare: domenica scorsa il Lecce al “Ciro Vigorito-Santa Colomba” di Benevento ha realmente giocato un bel calcio. Senza voler scomodare paragoni importanti, però chi ha visto i pugliesi annientare – mai verbo fu più azzeccato – il Benevento sul proprio terreno di gioco, deve aver sentito nuovamente dentro di sé quella insana passione che solo un pallone che rotola su un manto erboso può provocare. Lecce bello, frizzante, deciso, per niente rinunciatario, sempre pronto a controbattere agli attacchi – per lo più confusi – dei sanniti. Così bello da non sembrare vero, ma terribilmente concreto. Un Lecce che con questo modo di proporsi può iniziare a pensare al ritorno nei cadetti. Categoria che con la squadra che hanno, attualmente potrebbero giocare ad occhi chiusi, ma le sciagure del passato obbligano i salentini a cimentarsi in una categoria che speriamo abbandonino presto, con il cartello: “A non più riverderci”.

fonte: tuttolegapro

Potrebbero interessarti:

Melfi, i giocatori a lezione di storia: tour della cittá

La Redazione

Under 20 Lega Pro: domani l’amichevole a Coverciano con la Primavera dell’Empoli

La Redazione

Juve Stabia, Pancaro: “Sono soddisfatto, noi pensiamo al campo. L’organico va sicuramente migliorato”

La Redazione