10.9 C
Foggia
28 Ottobre 2021
Foggia Calcio

Il prossimo avversario. Notizie da Benevento…

Tra Benevento e Foggia sfide mai prive di emozioni

L’ultima vittoria dei giallorossi al Vigorito contro i satanelli risale al 2011 e riuscirono a ribaltare lo svantaggio da 1-3 a 4-3

Le sfide tra Benevento e Foggia sono ormai diventate un classico della Lega Pro. Tutto iniziò nel novembre del 1936, quando i rossoneri riuscirono a battere con il punteggio di 2-0 il Benevento. Da quell’incontro ce ne sono stati molti altri nel corso degli anni contraddistinti da secchi e rocamboleschi botta e risposta. Nell’immediato dopoguerra le due compagini si sono affrontate fino al 1953, prima che i rispettivi destini prendessero strade del tutto diverse fino alla stagione 1961/1962 quando ci fu un doppio successo del Foggia per 2-1. Il ritorno di questo sentito confronto è avvenuto dal 1983 al 1986 (prima della retrocessione in Interregionale degli stregoni) con un bilancio perfettamente in parità con due vittorie sannite, quattro pareggi e due successi pugliesi. Successivamente il Foggia conobbe la massima serie con la nascita di Zemanlandia e per ritrovarsi le tifoserie dovettero aspettare il 2003, quando allo Zaccheria ci fu un pirotecnico 3-3 (al ritorno pareggio a reti bianche). L’anno successivo i satanelli riuscirono a portare a casa i tre punti in seguito a un’incredibile rimonta, dopo che il Benevento di Benedetti passò in vantaggio di due reti a zero. Nella stagione 2008/2009 ci furono ben quattro pareggi, di cui gli ultimi due nei play off e che consentirono ai giallorossi di approdare nella finalissima contro il Crotone in virtù del miglior piazzamento in classifica. Nel 2011 altra gara memorabile al Ciro Vigorito con gli stregoni che ribaltarono il risultato da 1-3 a 4-3. Nel 2011/2012, infine, ci fu un netto botta e risposta con il successo dei sanniti allo Zaccheria alla prima di campionato e il trionfo del Foggia nel Sannio di misura con ben due uomini in meno.

fonte: beneventofree

L’attaccante Mazzeo in giallorosso

Siglato un contratto biennale. Ricevuto anche il visto di esecutività

Ricevuta ieri l’ autorizzazione del presidente federale Carlo Tavecchio che, in deroga alle disposizioni regolamentari vigenti, ha accolto l’istanza del calciatore Fabio Mazzeo , il Benevento Calcio comunica di aver proceduto al tesseramento dell’attaccante salernitano, il quale ha sottoscritto un contratto biennale che lo lega al club sannita fino al 30 Giugno 2016. Essendo pervenuto anche il visto di esecutività da parte dell’Ufficio Tesseramento della Lega Pro, il calciatore potrà essere regolarmente impiegato a partire dalla prossima gara di Campionato.

fonte: beneventocalciospa

Benevento – Foggia: elenco convocati

Al termine dell’allenamento odierno, il tecnico Fabio Brini ha diramato l’elenco dei 20 calciatori convocati per la gara Benevento-Foggia, in programma domani alle ore 16, presso lo stadio “Ciro Vigorito”.

Ecco l’ elenco:

PORTIERI: Piscitelli, Pane.

DIFENSORI: Bassini, Celjak, Frasciello, Lucioni, Padella, Pezzi, Scognamiglio;

CENTROCAMPISTI: Agyei, De Falco, Doninelli, Kanoute, Melara, Vitiello;

ATTACCANTI: Alfageme, Campagnacci, Eusepi, Marotta, Mazzeo.

fonte: beneventocalciospa

La prossima sarà una settimana da Champions

Tour de force per i giallorossi che giocheranno la bellezza di tre partite in sette giorni affrontando una vera e propria “sette giorni europea”

Tre partite in sette giorni sono un’anomalia per la Lega Pro ma anche l’ennesimo tentativo di migliorare lo spettacolo del torneo. Se il girone A e il girone B sono già andati incontro all’innovazione, la prossima settimana toccherà al raggruppamento meridionale fare i conti con il turno infrasettimanale. Il Benevento sarà di scena ad Aprilia mercoledì prossimo alle 16, in anticipo rispetto alle sfide delle altre squadre, ma tornerà in campo già sabato allo stesso orario contro il Martina. Ricapitolando, dunque, il calendario giallorosso prevede il 21 settembre il confronto con il Foggia al Vigorito, il 24 la trasferta di Aprilia e sabato 27 il match interno contro il Martina. Una gara ogni tre giorni, un buon banco di prova per testare la condizione fisica e mentale dell’organico a disposizione di Fabio Brini.
Tour de force – Per quattro squadre del girone C il tour de force sarà un tantino più intenso rispetto alle altre sedici. Oltre al Benevento, sarà così anche per Aversa Normanna, Ischia e Martina. Questi i club che scenderanno in campo una volta ogni tre giorni. Tutti gli altri godranno di almeno un giorno in più di riposo giocando il prossimo turno di sabato (o ancora meglio di venerdì come Lecce e Reggina) per poi tornare in campo il mercoledì e in alcuni frangenti addirittura domenica 28.
L’anomalia – Il caso della Reggina è addirittura emblematico. I calabresi hanno giocato il derby con il Messina venerdì scorso e hanno beneficiato di sette giorni di riposo prima di tornare in campo stasera. Gli amaranto avranno ben quattro giorni per preparare il turno infrasettimanale casalingo di mercoledì sera con il Barletta per poi tornare nuovamente in campo domenica 28 a Castellammare di Stabia. In totale sono tre gare in dieci giorni contro le tre in sette giorni di Benevento, Ischia, Aversa Normanna e Martina. Insomma, disagi causati dal calendario e anomalie dovute alla voglia di innovare. Il campionato spezzatino ci mette un attimo a trasformarsi da croce a delizia, ma è pur vero che certe piccole e involontarie disparità in futuro sarebbe meglio evitarle.

fonte: beneventofree

Oggi test amichevole. Si allena Mazzeo

Il Benevento, che ieri ha potuto anche contare su Fabio Mazzeo, non ancora tesserato, ma unitosi al gruppo di mister Brini, sarà impegnato nel pomeriggio in un test amichevole in trasferta contro la compagine dell’FC Foglianise. Appuntamento alle ore 16.

fonte: tuttolegapro

Doppi ex – Tanti calciatori hanno fatto la spola tra Benevento e Foggia

Tra di essi anche il compianto Carmelo Imbriani

E’ molto corposa la lista dei doppi ex di Benevento e Foggia. Nel corso degli anni queste due realtà si sono “scambiate” tantissimi calciatori e allenatori. Nell’attuale rosa rossonera è presente Cristian Agnelli, centrocampista che nella stagione 2007/2008 è stato protagonista della promozione in serie C1 del Benevento. Degli atleti un po’ più “datati” figurano l’eroe della finale play off vinta a Lecce nel 1999 Rosario Compagno, Crialesi, Liguori, Lunerti, Matrecano e Orati. Oltre che ai tecnici Rumignani, Landoni e Maiellaro, anche se quest’ultimo in giallorosso è stato calciatore. Anche per questa domenica sarà doppio ex Sossio Aruta. Il “re leone” ha vestito la maglia del Foggia nel 2000, prima di approdare al Benevento. Figura in questa speciale lista anche il compianto Carmelo Imbriani che ha calcato il manto erboso dello Zaccheria dal gennaio del 2004, dopo aver trascorso la prima parte del campionato nella Salernitana. Per il resto ci sono da segnalare l’attaccante De Paula, Candrina, Molino, Mounard, Pellicori, Sportillo, Tangorra e i tecnici Florimbi, Galderisi e Ugolotti. Anche l’attuale tecnico dei Giovanissimi Nazionali giallorossi, Giovanni Ignoffo, ha vestito la maglia del Foggia. Germinale e Pedrelli, infine, prima di passare in giallorosso segnarono entrambi nella semifinale di ritorno dei play off del 2009. Quelle reti permisero ai satanelli di agguantare il Benevento ma non di qualificarsi per via del miglior piazzamento nella classifica finale dei sanniti.

fonte: beneventofree

L’attaccante giallorosso lo scorso anno ha punito il Lecce sia all’andata che al ritorno e ha inflitto una doppietta al Barletta. Satanelli avvisati

Una tradizione da rinnovare per mettere il turbo alla strega. I numeri sono dalla parte di Eusepi che quando incrocia le squadre pugliesi vede rosso. Lo scorso anno non fallì l’appuntamento contro il Lecce e il Barletta. I salentini furono puniti sia all’andata che al ritorno dagli undici metri, al di là di due prestazioni incoraggianti che contribuirono alla causa del Grifo. Sei punti contro una delle favorite del campionato rappresentarono tantissimo per porre una seria ipoteca sulla promozione in serie B arrivata nel maggio successivo. Ma non è finita qui, perché una delle prestazioni più entusiasmanti della punta di Tivoli in maglia biancorossa si riferisce alla sfida interna contro il Barletta del 9 marzo scorso. Due gol, diverse occasioni fallite sotto porta e gran lavoro di sacrificio gli valsero un bel 7,5 in pagella e il titolo di migliore in campo. Non che il Barletta 2013/2014 fosse irresistibile, ma in un momento delicato della stagione Re Umberto rispose presente e incantò il Curi. Domenica al Vigorito è atteso il Foggia, altra squadra pugliese. I satanelli lo scorso anno non hanno incrociato la strada di Eusepi perché impegnati in Seconda Divisione, ma per certe cose non è mai troppo tardi…

fonte: beneventofree

Giallorossi, quando vincere un derby esterno era una chimera

La squadra di Brini ha fatto due su due con Ischia e Savoia raccogliendo più punti di quelli fatti nelle ultime due stagioni in trasferta con le campane

Non sarà una partenza sprint in piena regola ma il Benevento formato trasferta va più che bene. Sei su sei per Melara e compagni, due su due per quel che riguarda il bottino nei derby. Eppure fino a poco tempo fa una vittoria in trasferta contro una squadra della stessa regione rappresentava un vero tabù. Lo scorso anno gli stregoni riuscirono solo ad assaporare l’illusione del trionfo all’Arechi di Salerno prima della rimonta granata nei minuti finali. Ci andarono vicini anche a Pagani, ma il risultato di 1-1 suonò più come una sconfitta che come un pari prezioso. Gli azzurrostellati nel gennaio scorso occupavano l’ultima posizione in graduatoria ed erano ben lontani dall’essere competitivi, ma fermarono ugualmente la corsa di Carboni. Due anni fa lo squillo del Partenio (0-2 gol di Marotta e Marchi) risultò isolatissimo considerando che i restanti due derby esterni contro Sorrento e Nocerina finirono rispettivamente con un pareggio (1-1) e una sconfitta (3-2). In totale, dunque, nei cinque derby esterni che hanno preceduto la trasferta di Ischia i giallorossi avevano accumulato la miseria di cinque punti sui quindici a disposizione, dunque un punto in meno rispetto a quanto raccolto al Mazzella e al Giraud. Un dato importante, seppur meramente statistico, in attesa che si cominci a fare la voce grossa anche tra le mura amiche.

fonte: beneventofree

Dal Savoia al Foggia, amici che restano e amici che vanno

Fino a un decennio fa la tifoseria sannita era gemellata con quella rossonera, poi qualcosa si è rotto

Lo spettacolo visto al Giraud domenica scorsa è già entrato nella storia delle tifoserie di Benevento e Savoia, ma anche dell’intero movimento calcistico della Lega Pro. E’ insolito, al giorno d’oggi, che due realtà possano vantare di un legame così forte e indissolubile. Smaltite le emozioni vissute tre giorni fa a Torre Annunziata, l’ambiente giallorosso ora è pronto a tuffarsi in una nuova sfida. Al Vigorito, come uno scherzo del destino, si presenterà il Foggia. Come noto fino a quasi un decennio fa anche i rossoneri erano gemellati con la tifoseria sannita. Un legame che è anche durato per un bel po’ di anni e che si è rotto a causa di motivi di cui solo i diretti interessati ne sono al corrente e non ci permettiamo di azzardare delle ipotesi. Il rapporto tra foggiani e beneventani si è inasprito in maniera graduale dopo la fine del gemellaggio. Nel 2009, in occasione dei play off, volarono i primi sfottò, anche se sia all’andata che al ritorno ci fu un clima di grande cordialità all’esterno degli stadi. La serenità è durata fino al sette dicembre del 2011, quando un gruppo di tifosi sanniti presenti allo Zaccheria per una gara di Coppa Italia furono aggrediti. Siamo certi, comunque, che questo sia stato solo un episodio isolato dovuto alla “pazzia” di diversi individui che hanno ben poco a che fare con il calcio. Nella gara di domenica pomeriggio, ne siamo certi, a vincere sarà ancora lo sport e la civiltà di entrambe le tifoserie, anche se non “più amiche”.

fonte: beneventofree

Eusepi-Marotta, che sia solo l’inizio…

Gli attaccanti sono andati entrambi in gol al Giraud sbloccando lo score del reparto offensivo: un’ottima notizia, ma adesso vietato fermarsi

I colori del Giraud, lo spettacolo offerto dalle due tifoserie, il match frizzante prodotto dalle due squadre. Quella di domenica scorsa è una giornata che sarà ricordata a lungo da chi ama la strega per l’intensità, la passione e anche per il risultato finale che consente ai sanniti di restare in vetta alla graduatoria del girone C insieme ad altre tre squadre. Al Giraud è stato il turno anche per un’altra prima volta. Eusepi e Marotta hanno timbrato per la prima volta il cartellino in questo campionato e lo hanno fatto insieme, nello stesso giorno. Può essere un buon viatico per il futuro, un segnale positivo in vista non solo della sfida al Foggia ma di un calendario denso e insidioso. Finora i giallorossi hanno segnato cinque reti con quattro marcatori diversi, considerando l’autorete di Checcucci che ha condotto al momentaneo 2-2 la squadra di Brini al Giraud. In gol sono andati Alfageme con l’Ischia, Scognamiglio con il Catanzaro e i due attaccanti contro il Savoia. Quelli di Eusepi e Marotta sono quindi i primi gol in assoluto provenienti dal reparto offensivo che necessitava di sbloccarsi. Particolare la situazione di Eusepi, che lo scorso anno fallì un calcio di rigore contro la Nocerina alla prima giornata. Ma qualsiasi spauracchio è stato scacciato con freddezza a Torre Annunziata dopo soli sei minuti e tutto è andato per il verso giusto. Che sia solo l’inizio…

fonte: beneventofree

Benevento, unica seduta di lavoro

Domani amichevole a Foglianise. Ci saranno anche le telecamere di Ottochannel con uno speciale che andrà in onda alle 21 su 696

Unica sessione di lavoro per i giallorossi che questo pomeriggio potranno beneficiare di un po’ di risposo. Il gruppo è stato impegnato in consueti esercizi di attivazione muscolare poi in test atletici e trasformazioni sul campo. La seduta è proseguita con un lavoro collettivo di reparto, con particolare focus sulla fase di possesso palla e di transizione. La parte finale è stata caratterizzata da una partita a superficie ridotta. Domani, come da programma, gli Stregoni saranno impegnati in un test amichevole in trasferta contro la compagine del Foglianise alle ore 16. Per l’occasione ci saranno le telecamere di Ottochannel con uno speciale sul paese e sull’amichevole che vedrà tra i protagonisti proprio i giallorossi di Brini. Appuntamento alle 21 di domani sul nostro canale 696. – See more at: http://benevento.ottopagine.net/2014/09/17/benevento-unica-seduta-di-lavoro/#sthash.10g5hNsa.dpuf

fonte: beneventofree

Di Somma: “Per Mazzeo servirà pazienza. Vogliamo il primo successo al Vigorito”.

Il diesse giallorosso: “Con il Savoia non era semplice trovare la concentrazione in un clima così spettacolare. Adesso sotto con il Foggia”

Un occhio a Mazzeo e uno al campionato. Salvatore Di Somma ha lo sguardo vigile ed è consapevole che ogni singola mossa può risultare decisiva in un torneo lungo ed estenuante come quello di Lega Pro. La vittoria a Torre Annunziata contro il Savoia ha regalato dosi consistenti di autostima ma urgono miglioramenti: “Ci siamo trovati in vantaggio dopo pochi minuti e siamo caduti nel tranello di rilassarci. L’atmosfera di festa non era semplice da gestire e non escludo che i nostri calciatori ne abbiano risentito. Lo spettacolo sugli spalti è stato eccezionale, lo ricorderemo per lungo tempo”. La speranza è che i tempi siano decisamente più brevi per la risoluzione del caso Mazzeo. L’attaccante ha svolto il primo allenamento con gli stregoni questo pomeriggio ed è ansioso di avere lumi sul suo futuro: “Siamo molto ottimisti. Il calciatore ha ottenuto il nulla osta dal Perugia per aggregarsi a noi e l’ho visto molto sereno. Tengo a precisare una cosa però. Occorrerà tantissima pazienza, perché non sappiamo quando verrà resa nota la decisione dell’Ufficio Tesseramenti. Potrebbe essere domani così come tra venti giorni o un mese”. Domenica la sfida al Foggia, squadra da tenere sotto controllo: “Siamo felici di essere gli unici ad aver fatto due su due fuori casa, ma è anche vero che ci manca il successo al Vigorito. Con il Foggia non sarà semplice perché ci troveremo davanti ad una squadra piena di entusiasmo e fondata su una buona ossatura. Dovremo stare molto attenti e usare determinazione. Ci siamo già resi conto che i cali di tensione possono essere fatali”.

fonte: beneventofree

Primo allenamento ok per Mazzeo. Som di nuovo in gruppo

L’attaccante aveva annunciato la sua presenza all’allenamento odierno nel corso di Ottogol. Si è fermato Bassini per una colica inguinale

Primo allenamento della settimana ieri per il Benevento di Fabio Brini che ha accolto a braccia aperte Fabio Mazzeo. L’altra sera l’attaccante si era dato appuntamento per oggi con l’amico Eusepi. In attesa che la sua situazione si sblocchi ufficialmente sono buone le sensazioni provenienti dal campo. L’ormai ex attaccante perugino ha svolto l’intera seduta con il gruppo così come Som che si è riaggregato ai compagni dopo l’infortunio all’alluce. Si è fermato invece Gianmarco Bassini a causa di una colica inguinale, ma per lui non dovrebbero esserci problemi in vista del match domenica contro il Foggia. Capitan Melara e compagni hanno svolto una seduta atletica con lavoro sui mille metri e partita sette contro sette a tutto campo. Oggi il programma prevede una doppia seduta sul campo di Paduli ma Brini potrebbe optare per un’unica sessione di lavoro come già accaduto in passato.

fonte: beneventofree

Montini lascia ancora il Sannio

L’attaccante laziale è stato ceduto in prestito all’Arezzo.

Con una nota ufficiale apparsa sul proprio sito, il Benevento comunica di aver ceduto Mattia Montini in prestito all’Arezzo, compagine toscana che essendo stata da poco ripescata in Lega Pro ha ancora tempo per operare in sede di mercato. Per il classe ’92 scuola Roma è la quarta cessione dopo le avventure alla Feralpi Salò, Cittadella e Juve Stabia. Lascia dopo aver collezionato una presenza in campionato in quel di Ischia. Questa operazione in uscita potrebbe avvicinare Mazzeo al Benevento. Nelle prossime ore ne sapremo di più. Di seguito il comunicato ufficiale del club giallorosso

Il Benevento Calcio comunica di aver raggiunto l’accordo con l’Arezzo Calcio per il trasferimento a titolo temporaneo del calciatore Mattia Montini che indosserà la casacca del club toscano fino al 30 Giugno 2015.

fonte: LoStregone

Simonelli: “Il Benevento è destinato a crescere. Al Giraud punti pesanti”

Il “professore” era al Giraud per Savoia-Benevento: “In un clima così non era facile vincere”

E’ stato l’ultimo a vincere un campionato con il Benevento, trionfando in C2 nell’aprile 2008. Ora Gianni Simonelli è pronto a scommettere che la squadra attuale ha le carte in regola per regalare alla città un’altra soddisfazione. Domenica era al Giraud per assistere al derby della fratellanza, così come è stato ribattezzato dai tifosi di Benevento e Savoia: “E’ stato un grande spettacolo sugli spalti. In campo un po’ meno dal punto di vista del gioco. Al di là dei gol, le due squadre non si sono espresse al meglio ma è anche normale in questo periodo dell’anno e con questo caldo terrificante”. Il Benevento l’ha spuntata nella ripresa dopo una prima frazione in chiaroscuro. Vantaggio di Eusepi dopo pochi minuti, poi un po’ di sbandamento: “Difficile dire perchè i giallorossi non abbiano giocato bene nei primi quarantacinque minuti. Ho detto dell’aspetto climatico, ma è ovvio che ci si possa aspettare qualcosina in più dagli stregoni. Nella prima frazione la squadra mi è sembrata macchinosa, un tantino contratta. Nella ripresa però si è visto un piglio diverso, una differente voglia di vincere. E’ prevalsa la forza di un organico costruito per il vertice e in grado di mettere in apprensione qualsiasi difesa. Non che sia cambiato tantissimo il ritmo della partita, più che altro è cambiato il modo di affrontata. Parlo di atteggiamento”. Al di là della prestazione, resta il risultato: “Che è importantissimo. Vincere gare come questa conta tantissimo perché non è mai semplice. Innanzitutto perché siamo ad inizio campionato e poi perché il Giraud è un campo su cui in molti faticheranno. Si trattava pur sempre di un derby e l’atmosfera di festa respirata sugli spalti poteva essere anche un fattore di rilassamento”. Simonelli avvalora la tesi di Eusepi che nel post partita aveva parlato di rischio-relax: “Non c’è dubbio che nel vedere l’incontro tra le due tifoserie del prepartita si potesse perdere il contatto con la realtà. Sugli spalti si respirava clima di grande festa, ma in campo la partita va sempre giocata. Se non interpreti al meglio le situazioni rischi di lasciarci le penne, ma fortunatamente per il Benevento questo non è successo e la vittoria mi sembra comunque meritata per la gestione del risultato negli ultimi minuti. Il Savoia ha tentato il forcing ma i giallorossi si sono difesi molto bene senza rischiare alcunché”. Dalla difesa agli esterni offensivi. A detta di Simonelli sono diversi i punti di forza dei sanniti: “Ho visto una squadra fisicamente fortissima. Forse proprio per questo ancora appesantita, ma le qualità verranno fuori con il passare delle settimane. Gli esterni hanno prodotto accelerazioni letali, il centrocampo mi sembra ermetico e anche la difesa al di là delle indecisioni relative alla prima frazione, è formata da elementi di assoluto livello. Ho molta fiducia in Fabio Brini e sono sicuro che saprà come risolvere i problemi che si sono visti nel primo tempo. Se è una questione mentale lavorerà molto su questo aspetto e vedrete che la squadra crescerà”. Il campionato non ha ancora un padrone. Del resto, dopo tre giornate, sarebbe anche abbastanza strano: “E’ un torneo livellato con diverse squadre pronte a lottare per il primato. Tuttavia nelle prime tre gare nessuna ha dimostrato qualità eccellenti e in questo contesto il Benevento ha tutte le carte in regola per imporsi. I tre punti del Giraud sono oro colato, ora serve proseguire sulla strada della continuità”.

fonte: beneventofree

Euforia in casa Benevento. Di Somma: “Sono molto fiducioso”

Torna in campo ad allenarsi con l’euforia giusta e con la convinzione di essere sulla strada giusta il Benevento di Fabio Brini. Ripresa a Paduli, da verificare le condizioni di Eusepi uscito malconcio dal derby di Torre Annunziata e di Som. Per il resto morale alle stelle. da registrare intanto la partenza destinazione Arezzo dell’attaccante Mattia Montini. Il ds Salvatore Di Somma ha chiarito che “Il ragazzo avrebbe avuto poco spazio e abbiamo preferito darlo in prestito per farlo giocare e crescere. Siamo convinti che farà bene”.
E lo stesso DI Somma ad analizzare il buon momento degli stregoni: “la gara col Savoia lo scorso anno l’avremmo sicuramente persa. Questa squadra ha dimostrato di non abbattersi, di lottare sempre. E’ una squadra che ha carattere. E bisogna considerare che non siamo ancora la top. Certo bisogna eliminare gli errori e i cali di concentrazione che si sono avuti col Savoia. ma ripeto siamo ancora all’inizio. Quest’anno sono molto fiducioso”,
Infine capitolo Mazzeo: ci vorranno altre tre settimane per avere l’ok definitivo.

fonte: resport

Mazzeo: “Mi sento un giocatore del Benevento. E sulla Salernitana…”

Più chiaro di così non si può. Fabio Mazzeo è l’attaccante che, da Perugia, è riuscito a prolungare la fine del mercato. Grazie ad una normativa che consente un trasferimento in deroga per chi è fuori rosa. E le sue dichiarazioni sono inequivocabili: “Mi sento a tutti gli effetti un calciatore del Benevento. Ho consegnato la documentazione che spero sblocchi questa situazione. Se c’è la possibilità che rifiutino il trasferimento? Non è mai accaduto in passato e casi come il mio ce ne sono stati. Anche l’Aic mi ha rassicurato in tal senso e spero di arrivare a Benevento al più presto possibile. Conosco la piazza, voglio giocare in una squadra forte che punta a una promozione che, se conquistata, sarebbe una vera e propria impresa. I miei amici e compagni Eusepi e Scognamiglio si stanno trovando molto bene nel Sannio e questo è stato indubbiamente un motivo in più. E il pubblico giallorosso mi ha sempre attirato”.

Chiusura sulla Salernitana, che pareva anch’essa interessata a Mazzeo: “Sono di Salerno e conosco Fabiani: sono stato visto a cena con lui e subito si è pensato che ci fosse qualcosa sotto, ma non è così”.

fonte: tuttolegapro

Eusepi confessa: “Il gemellaggio sugli spalti ci stava distraendo…”

E’ arrivato il primo centro in campionato con la maglia giallorossa. Umberto Eusepi si è prima procurato il rigore che ha aperto ufficialmente le danze e poi lo ha trasformato con grande freddezza: “Poi abbiamo commesso l’errore di far uscire il Savoia”, ammette l’attaccante ex Perugia che si guarda bene dal prendersi gli elogi: “Quando loro hanno pareggiato abbiamo avuto un piccolo black out. Nello spogliatoio ci siamo guardati negli occhi e nonostante davanti avessimo un’ottima squadra abbiamo ribaltato il risultato”. L’atmosfera del gemellaggio rischiava di essere un’arma a doppio taglio: “Eravamo un po’ contratti. Sugli spalti c’era un grande clima e in circostanze come queste è facile farsi coinvolgere dimenticando che in campo ti attende una battaglia. Bisogna fare i complimenti al Savoia per la prestazione”. Buona l’intesa con Marotta: “Con lui mi trovo molto bene. Abbiamo avuto la sfortuna di giocare una sola gara ufficiale insieme ma l’intesa c’è e va affinata. E’ un ottimo compagno di reparto”

fonte: tuttolegapro

Brini: “Col Savoia vittoria di carattere”

Una vittoria nel derby ha sempre un sapore particolare, al di là del gemellaggio. Il Benevento ha messo in fila due trionfi in trasferta contro squadre della sua stessa regione. Nonostante ciò Fabio Brini ammette che c’è molto da migliorare nonostante i tre punti del Giraud: “Un po’ è senza dubbio colpa nostra, ma non sottovaluterei il fattore meteorologico. Siamo in un periodo dell’anno in cui non sarebbe normale giocare a ventotto gradi, ma l’estate si è protratta oltre e dobbiamo fare i conti con questa realtà”.

Tra la prima e la seconda frazione c’è stata una mini-svolta: “Negli spogliatoi ho detto ai ragazzi che le cose non stavano andando bene. L’impatto mentale è importante perchè gli altri non ci aspettano e non sempre partite come quella di oggi riesci a riacciuffarle. Siamo stati bravi a mostrare carattere e abbiamo avuto una gran voglia di ribaltare il risultato”.

E’ indubbio che qualche cosa sia andato storto dopo il gol del vantaggio: “Sull’uno a zero siamo stati presuntuosi nel pensare di poter gestire la partita. Nel calcio di oggi le certezze non ci sono. Qualsiasi squadra può metterti in difficoltà nel momento in cui molli un attimo”

La paura di perdere la partita o non vincerla non si è mai palesata: “Non ho mai avuto paura di non vincere o perdere la partita. La squadra però non deve giocare a sprazzi. Non è una mancanza di condizione fisica, è un fattore mentale. D’altro canto va sottolineato come al novantesimo i miei giocatori abbiano avuto grande energia e spirito. Questa è una squadra che deve essere valutata a gennaio per capire quale campionato è destinata a fare. Bisogna avere le potenzialità di confrontarsi con tutte le altre squadre, perchè ce ne sono molte che possono creare diversi problemi. Lo stiamo vedendo dai risultati che provengono dagli altri campi che non ti consentono di avere presunzione”

Positivo l’esordio di De Falco: “I ritmi sono diversi, deve lavorare come Pezzi che come lui fino a pochi giorni fa non era in condizione. In una settimana di lavoro il terzino è migliorato molto, ora tocca a lui percorrere la stessa strada”.

fonte: tuttolegapro

Vigorito: ‘Orgoglioso della squadra e dei tifosi’. Via Montini, si avvicina Mazzeo

“Un spot per il calcio. Lo spettacolo che hanno offerto le due tifoserie dovrebbe essere immortalato e fatto vedere a tutt’Italia e di ciò vado orgoglioso. Orgoglioso anche del secondo tempo dei ragazzi che sono stati bravi a reagire anche se commettendo qualche ingenuità. Siamo solo all’inizio, oggi abbiamo visto anche De Falco in campo e questo fa ben sperare. Dopo 7 anni per la prima volta siamo primi in classifica, speriamo che ciò sia di buon auspicio per riuscire a conquistare quel sogno chiamato serie B”. Così il presidente del Benevento, Oreste Vigorito, subito dopo la vittoria del suo Benevento al ‘Giraud’ di Torre Annunziata. Soddisfatto il patron giallorosso così come lo è mister Brini che risponde all’allenatore del Savoia, Bucaro, convinto che il Benevento ha fatto “tre gol in una occasione”. Caustica la replica dell’allenatore giallorosso: ” Gli allenatori possono dire quello che vogliono, poi bisogna analizzare la partita in tutte le sue fasi. Il Savoia ha fatto vedere buone cose sia a livello di caratteriale che di gioco. Sapevamo che sarebbe stata una partita ostica ma i problemi ce li siamo creati da soli, infatti i goal del Savoia sono arrivati su due nostre ingenuità”.

Intanto ci sono novità per quanto riguarda il calciomercato. Mattia Montini è stato ceduto in prestito all’Arezzo
La cessione di Montini in Toscana sembra aprire ulteriormente all’acquisto di Mazzeo fin da subito. Vedremo cosa succederà nelle prossime ore ma è evidente che l’attaccante ex Perugia è veramente ad un passo ad essere a disposizione di mister Brini già da subito, dopo aver presentato alla Figc la documentazione per il tesseramento in deroga.

fonte: ilquaderno

Potrebbero interessarti:

Ischia, Iodice: “La situazione del Barletta falsa il campionato”

La Redazione

Ds Foggia: “In arrivo due elementi. Vorremmo tenere Cavallaro”

La Redazione

Colpo Cosenza, preso un ex attaccante del Foggia Calcio

La Redazione