9.9 C
Foggia
3 Dicembre 2021
Foggia Calcio

Corsa a 3 per la B, il Foggia prepara due colpi di mercato

[clear-line]

Freddi e Iemmello, siamo alla stretta finale. Oggi, infatti, è il giorno del dentro o fuori nella trattativa per l’acquisizione dei due calciatori a lungo seguiti dallo staff tecnico rossonero.

FREDDI – Il primo, ventisettenne difensore centrale svincolato dal Brescia, ha a lungo atteso (invano) possibili abboccamenti con club di serie cadetta. Romano di nascita, Freddi è cresciuto calcisticamente nel Tor di Quinto, per poi passare al settore giovanile dei giallorossi. Nel 2007 l’esordio in B con la maglia del Grosseto che vestirà per ben cinque stagioni, per un totale di 96 presenze (più 2 nei play off per la serie A e 4 in coppa Italia) e 8 gol. Chiusa malamente l’esperienza in Maremma (fuori rosa) viene acquistato dalla Reggina dove giocherà per due stagioni totalizzando 32 presenze e 2 gol. Infine il passaggio al Brescia (16 presenze e 0 gol). La sua caratteristica è il fisico possente e lo stacco di testa, nonché la sua duttilità che gli permette di svolgere anche il ruolo di terzino destro non fluidificante. Nella sua carriera figura anche un campionato vinto con la Primavera della Roma (2004-2005) e tutta la trafila delle nazionali dall’ under 16 all’under 20

IEMMELLO – Il secondo, ventiduenne punta centrale, nativo di Catanzaro, ha svolto tutta la trafila nel settore giovanile della Fiorentina (per un totale di 27 presenze e 21 gol). Il club viola lo gira in prestito alla Pro Vercelli in lega pro, con la cui maglia ottiene subito la promozione in serie b al termine di un avvincente rincorsa play off. Trentatrè presenze (spareggi compresi) per un totale di 2369′ giocati e 9 gol realizzati. Uno score tutt’altro che insignificante per un ragazzo di 19 anni. Nella stagione successiva in b mette a segno 5 gol in 29 presenze (30 se si considera anche la coppa Italia), per poi retrocedere in lega pro. Lo Spezia ne acquisisce la proprietà e lo gira in prestito al Novara per una parentesi poco fortunata della sua carriera. In quattro presenze e un solo gol è racchiuso il suo tabellino in serie b con la maglia degli azzurri. Da qui il ritorno in lega pro a Vercelli dove torna ad essere titolare (14 presenze e 1 gol, play off compresi).

MOSAICO – Per i due oggi dovrebbe arrivare l’attesa fumata bianca, per la gioia di Brescia e De Zerbi che andranno a tamponare le emergenze in difesa e in attacco, dove mancano calciatori con quelle caratteristiche (considerate anche le assenze forzate di Gigliotti e Leonetti, rispettivamente per problemi con il transfert e un infortunio). Tutto in tempo utile per l’amichevole di presentazione in programma domenica 24 agosto allo Zaccheria contro il Teramo. La società ha previsto il pagamento del tagliando, curve a 5 euro. Intanto si allontana da Foggia il forte attaccante scuola Lazio Tommaso Ceccarelli. Lotito lo girerà in prestito alla sua Salernitana.

RIPESCAGGIO – Intanto ieri la società rossonera ha annunciato di voler concorrere al ripescaggio in serie b, proponendo apposita domanda. Per ottenere il placet bisognerà superare l’agguerrita concorrenza delle rivali: Pisa, Juve Stabia e Vicenza su tutte, in un calcolo di punteggi derivanti dal posizionamenti in classifica nell’ultima stagione (50%), dal blasone sportivo della città, non del club, (25%) e per la media spettatori dal 2008 al 2013 (un conteggio che conterebbe anche l’anno di Zeman in cui lo Zaccheria mantenne una media di 5.000 paganti. I problemi, però, potrebbero derivare dalla norma in materia di ripescaggi emanata lo scorso 17 maggio dalla Federazione (denominata 171/A). Nel dispositivo si legge testualmente:

Per il ripescaggio al Campionato di Serie B 2014/2015 si formerà una griglia composta dalle
società retrocesse dal Campionato di Serie B al Campionato di Lega Pro – Divisione Unica al
termine della stagione agonistica (2013/2014) e dalle società, che partecipando al Campionato
di Prima Divisione (2013/2014) hanno conservato il diritto di partecipazione al Campionato di
Lega Pro – Divisione Unica al termine della stagione agonistica (2013/2014).

BLASONE – Se la linea dovesse essere questa Foggia e Matera sarebbero tagliate automaticamente fuori. Qualora, invece, non fossero assegnati punti per l’ultimo posizionamento in classifica e si terrebbe conto solo degli altri due criteri, tutto ritornerebbe clamorosamente in gioco. Senza Novara, Reggina e Lecce (out perché penalizzate nel 2o13), in pole c’è il Vicenz con 30 presenze in serie a e 32 in serie b, oltre alla vittoria di una coppa Italia. Il Pisa segue con 7 in a e 31 in b. La Salernitana ha solo 2 stagioni in serie a e 24 in b. La Juve Stabia 0 in serie a e 2 in serie b ma è favorita dal piazzamento in serie b della passata stagione. Come tutti sanno i rossoneri, invece, sono fermi a quota 11 partecipazioni in serie a e 23 in serie b.

Potrebbero interessarti:

Catania, per l’attacco si guarda in casa del Foggia Calcio

La Redazione

Foggia Calcio, Martinelli: “Continuiamo a lavorare così”

La Redazione

Cosenza, ancora assenze in allenamento in vista del Foggia

La Redazione