Macalli sulla Nazionale: “Ecco i miei colpevoli. Io il successore di Abete? Macché, sono da rottamare…”

Macalli sulla Nazionale: “Ecco i miei colpevoli. Io il successore di Abete? Macché, sono da rottamare…”

Mario Macalli, presidente della Lega Pro, ha affrontato da diverse sfaccettature l’eliminazione dell’Italia ai Mondiali brasiliani e il momento del calcio italiano: “Non c’era il clima adatto per fare delle buone cose. I responsabili? Non credo che i vertici abbiano particolari colpe, la responsabilità è sempre di chi va in campo”.

Macalli si esprime anche sull’argomento del momento, cioé Balotelli: “Va troppo sui giornali e troppo poco in campo. Ti vai a giocare un campionato del mondo e si dà spazio a nani, baby-sitter, badanti. Questo è il motivo per cui noi siamo venuti a casa”, afferma con un’amara ironia. “Non mi aspettavo le dimissioni di Abete”, continua. “Era il momento meno adatto per prendere una decisione del genere perché ci sono importanti questioni da trattare, come le squadre da ammettere ai campionati. Inoltre io l’ho sempre sostenuto, mi è dispiaciuto. Io suo successore? Non ho quest’obiettivo, e con l’aria che tira nell’Italia di oggi io sono da rottamare. Voterò chi mi darà più garanzie. Io credo che l’età abbia un peso importante, conosco gente brilllantissima a ottant’anni e ventenni a cui non affiderei un euro perchè sono dei deficienti totali. Il nuovo Ct? Serve un grande motivatore”, conclude Macalli, “una via di mezzo tra Trapattoni e Lippi”.

fonte: tuttolegapro

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".