22 C
Foggia
19 Settembre 2020
Foggia Calcio

TUTTOC – L’ex ds del Foggia Calcio Galigani: “Un segnale, in ogni caso, andava dato”

TUTTOC – L’ex ds del Foggia Calcio Galigani: “Un segnale, in ogni caso, andava dato”

Anche il calcio si ferma a causa dell’emergenza da Coronavirus. Intervistato ai microfoni di TuttoC.com, l’ex direttore sportivo del Foggia Vittorio Galigani ha commentato le ultime misure adottate dal Governo: “La tutela della salute di tutti i cittadini è senza dubbio il fattore predominante. Le porte chiuse, in considerazione dei tanti impegni dei club, anche internazionali, come quelli della nazionale azzurra, hanno imposto delle scelte non tutte condivisibili. Un segnale, in ogni caso, andava dato.

Una prevenzione certa sarebbe quella di sottoporre a tampone, preventivamente, tutti gli attori dell’evento agonistico. Calciatori, dirigenti, arbitri ed addetti all’organizzazione dell’evento stesso in generale.

Ha un senso giocare a porte chiuse per quanto ho detto sopra. Il rispetto del calendario agonistico nazionale ed internazionale. Campionato, Coppe ed Europei. Per quanto concerne la Lega Pro, considerando la disputa di playoff e playout e la necessità di chiudere entro una certa data la stagione bisogna accettarla. Sarebbe stato ancor più negativo si fosse stati costretti a giocare ogni tre giorni per recuperare.   

Sottoporre a tampone tutti i tesserati e tutti gli addetti. Mi sembra un obbligo inderogabile.

Ghirelli ha un obbligo nei confronti dei presidenti. Vendere fatti non parole. Per prima cosa spostare i termini stabiliti dai regolamenti. E’ nella facoltà. Niente incassi? Si possono posticipare alcuni obblighi finanziari previsti dalle norme del calcio.  I club sono società di capitali. Aziende nel senso più ampio della parola. Si faccia parte diligente con il Ministro dello sport per ottenere una proroga nel pagamento di contributi, Iva, Inail ed ogni altro onore. Anticipi lui un contributo a tutte le società, con i fondi della Lega Pro, per far fronte alle retribuzioni dei mesi di gennaio e febbraio 2020.

E’ un fatto oggettivo che tutta l’economia del Paese sta soffrendo, pertanto anche gli sponsor, in carenza di visibilità, potrebbero protestare i contratti”.

Pensare che il Governo giri denaro al calcio è pura utopia, in considerazione del periodo di crisi finanziaria che sta attraversando il Paese. Come ho sopra accennato nulla però vieta che si possano adottare provvedimenti che concedano, nei pagamenti, rientri ad ampio respiro economico a tutti i club della terza serie”.

Visita: Foggiasport24.com
CLICCA QUI
per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook
CLICCA QUI per scaricare gratis la nostra app Android

Related posts

Cavallaro e Iemmello nella classifica marcatori

La Redazione

COPPA ITALIA. Foggia – Acireale sarà il prossimo avversario

Domenico Carella

Foggia Calcio-Palermo: le indicazioni della Questura

La Redazione