LE PAGELLE –  Gerbaudo e il suo sinistro fanno la differenza. Complimenti a Tortori. Esordio ok per Cipolletta

LE PAGELLE – Gerbaudo e il suo sinistro fanno la differenza. Complimenti a Tortori. Esordio ok per Cipolletta

LE PAGELLE – Gerbaudo e il suo sinistro fanno la differenza. Complimenti a Tortori. Esordio ok per Cipolletta

FUMAGALLI 6 – Incolpevole sul gol, non ha dovuto compiere troppi interventi e si è segnalato per una corsa da area ad area con la fascia di capitano per chiedere spiegazioni all’arbitro

CADILI 6 – Alcune cose le fa bene, altre meno. Sta studiando da difensore importante ma ha ancora qualche esame da dare… Ha comunque tirato fuori il carattere

GENTILE 6,5 – Si applica in un ruolo non suo, soffre un po’ nei primi venti minuti, ma la sua leadership, anche dalla panchina dopo la sostituzione, lo rende sempre indispensabile

DI JENNO 6 – Bucato, come i colleghi di banda, dalla folata di Di Paola in occasione del gol del Gladiator, si è poi assestato e si è distinto per qualche uscita di qualità palla al piede

SALINES 6 – Corda lo ha definitivamente battezzato come esterno (ruolo nel quale aveva prodotto le sue migliori performance), oggi lì ha strappato la sufficienza ma può fare molto di più

CAMPAGNA 6,5 – Il talento più limpido tra gli «Under». Lo si vede dal palleggio che sintetizza classe e “ousadia”, come dicono in Brasile, ovvero il coraggio di tentare la giocata

GERBAUDO 7,5 – Aveva iniziato balbettando senza interpretare i tempi di gioco, ma poi spostato come intermedio destro ha cambiato la partita con la sua balistica “illuminata”

CITTADINO 7 – Anche quando faticava, si vedeva che sapeva dare del «tu» al pallone. Ora, in cabina di regia è cresciuto esponenzialmente e dagli undici metri è “impeccabile”

KOURFALIDIS 6 – Meno produttivo del solito, si è limitato a svolgere il suo compito, peraltro in maniera coscienziosa e sempre tatticamente molto attenta

RUSSO 6,5 – Ha scambiato, fraseggiato e accelerato. Si è liberato del fantasma della “dismissione”, ora è uno su cui Corda può contare al 100%. Fosse a volte anche più lucido…

TORTORI 7 – Si becca un giallo per simulazione ma non ne risente, tiene palla come un attaccante centrale e velocizza l’azione con progressioni da esterno Complimenti a Loris

CIPOLLETTA 6,5 – Di lui il tecnico Corda aveva apprezzato lo spirito con cui si era calato nella realtà Foggia. E nel tempo in cui è stato impiegato questa mentalità positiva è venuta fuori

TEDESCO 6 – Ha provato a stappare lo champagne nel suo debutto allo Zaccheria. Si è dovuto accontentare di un “prosecchino”, ma la stoffa c’è e sarà molto utile alla causa

STAIANO 6 – Dopo una serie cospicua di presenze da titolare, è finito fisiologicamente in panchina ed ha dato il suo contributo in un finale tutto sommato senza scossoni

NDIAYE NG – Lo Zaccheria, che di giocatori talentuosi se ne intende, ha salutato con un boato la sua entrata e la sua prima accelerazione. L’impressione è che Mbaba ci farà divertire…

BUONO NG – Ha staccato un “cap” in una stagione per lui sinora anonima. Poche battute per assaggiare dopo “secoli” il campo di gioco e “annusare” il clima della partita

CARAFA 6,5 – Il look è rivedibile ma alla fine è stato un talismano, un po’ come accadde lo scorso anno a Gaetano Pavone. Le direttive sui cambi tattici, immaginiamo, saranno arrivate dall’”alto”

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".