LE PAGELLE – Tortori, un gol che vale oro. Viscomi ancora insuperabile, bravi Di Masi e Cannas

LE PAGELLE – Tortori, un gol che vale oro. Viscomi ancora insuperabile, bravi Di Masi e Cannas

LE PAGELLE – Tortori, un gol che vale oro. Viscomi ancora insuperabile, bravi Di Masi e Cannas

FUMAGALLI 6,5 – Non ha fatto nulla di straordinario. Ma proprio per questo è un gran portiere, perché la sua sicurezza obbliga gli avversari a azzardare tiri non ordinari

ANELLI 6,5 – Ramazza il pallone con cui non ha certo un feeling spiccato, ma comanda la brigata in assenza di Gentile ed è sempre concentrato nei break degli ospiti

VISCOMI 7 – Ancora il migliore della difesa. Di nuovo un recupero, stavolta nel finale su Croce, da sottolineare e applaudire. Semplicemente non sbaglia nulla

CADILI 6 – Pronti via, e si becca un giallo evitabile che poteva condizionarne la partita. E invece, anche complice un Taranto timido in avvio e in 10 nella ripresa, non soffre tanto

KOURFALIDIS 6 – I miglioramenti ci sono, qualche spunto ha denotato maggiore coraggio nella giocata, ma l’efficacia da «7» è ancora lontana

CITTADINO 5,5 – I piedi non difettano, i piazzati sono buoni soprattutto dall’esterno ma da lui si pretende l’invenzione che ancora oggi stiamo aspettando. Esce a fine 1° tempo

SALVI 6 – Sembrava in ballottaggio con Gerbaudo, ma la sua costanza negli allenamenti gli è valsa una maglia da titolare. Si fa vedere dai compagni ma non costruisce molto

GIBILTERRA 5,5 – Era all’esordio e forse pretendere di più sarebbe stato troppo. Gioca 45’ impalpabili ed è per questo da rivedere

DI MASI 6,5 – Dopo una prima frazione su standard modesti, cresce esponenzialmente nella ripresa quando si conquista diverse punizioni sull’out di sinistra

IADARESTA 5,5 – Pochi palloni, anzi forse nessuno di livello, da battere verso rete; in alcune circostanze – però – è approssimativo e in “litigio” con la sfera

TORTORI 7,5 – Per 94’ minuti si arrabatta in tentativi velleitari, ingaggia un duello con l’arbitro che lo ammonisce pure. Poi la magia del 95’ e un gol che lo lancia nell’olimpo

CAMPAGNA 5,5 – Dopo la prova scintillante di Cerignola finisce in panchina al termine di una settimana difficoltosa. Quando entra prova a fare il trottolino ma incide poco

GENTILE 6 – Non era in condizione e lo si è visto. Però la sua leadeship in campo è importante e la sua voglia di vincere è sempre trascinante

DI JENNO 6 – Schierato nel finale come terzo di difesa con licenza di appoggiare Campagna, ha dimostrato intelligenza e una buona capacità di palleggio

GERBAUDO 6 – Pochi minuti ma ancora la dimostrazione che quando sarà in condizione potrà essere una pedina essenziale per Corda

CANNAS 6,5 – Premiamo il “ragazzino” per lo spirito con cui si è buttato in campo e per il lancio per Tortori in occasione del gol

CORDA 6 – Fedele alla sua filosofia del “chi è in condizione gioca”, ha mandato in panchina Gentile e Campagna. La squadra lotta per 95’, però sul piano del gioco c’è molto da lavorare

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".