10.5 C
Foggia
27 Novembre 2021
Foggia Calcio

Foggia Calcio, si salvano Fumagalli e Viscomi. A destra quanto spazio

NOME VOTO GIUDIZIO
Fumagalli 6 Nel primo tempo due interventi risolutivi. Poi nella ripresa anche lui è costretto a cadere, prima sul gol annullato poi su quello del vantaggio
Loschiavo 5 La corsia di destra è un’autostrada per il Fasano. Si affonda come una lama nel burro. Dal fondo piovono cross per gli attaccanti che mandano in crisi la difesa
Gemmi 5,5 Dovrebbe mettere qualità nel centrocampo del Foggia ma lo scarso filtro non gli permette di incidere e naufraga con i suoi compagni
Gentile 5 L’argine del centrocampo non regge. In fase offensiva non arrivano azioni pericolose. Lui è tra i cinque che non brillano
Iadaresta 5 Pochi palloni da giocare in mezzo a due centrali avversari. Dura la vita di Iadaresta, soprattutto senza una spalla in avanti
Russo 5 Buon passo ma poche volte diretto verso la porta del Fasano fino a regredire progressivamente
Salvi 5,5 E’ un centrale di centrocampo ma gioca prima al centro della difesa e poi sulla destra nello stesso terzetto. Meglio al centro, ma la difesa balla
Campagna 5 Non incide ne in fase offensiva ne in fase di copertura
Salines 5,5 Nel primo tempo ci mette il fisico, poi nella seconda parte della ripresa anche lui va in difficoltà
Di Jenno 5,5 Buoni spunti non concretizzati nel primo tempo
Cadili 5 Bene i primi minuti poi il reparto cala le prestazioni
Maccarrone 5,5 Subentra a metà ripresa, mette il fisico ma ormai il Fasano va sui binari e il gol arriva per corsie centrali
Cittadino 5,5 Entra ad inizio dei secondi quarantacinque minuti, prova a dare una regia alla squadra ma con qualche imprecisione
Viscomi 6 Subentra ed è subito una sicurezza. Fisico contro fisico con Diaz. Lo argina, ma grandina da sinistra
Kadi s.v.
Cannas 5 Poco incisivo

Potrebbero interessarti:

Le notizie APP-rendile da noi! Il Foggia Calcio sempre con te

Domenico Carella

PEDULLA’ – Di Carmine incedibile, no al Foggia Calcio

La Redazione

Verile: “Trattative sospese senza spiegazione. Chiudere tutto entro il 2 aprile”

Domenico Carella