CDM – Il Foggia batte il Perugia e continua a sperare nella salvezza

CDM – Il Foggia batte il Perugia e continua a sperare nella salvezza

CDM – Il Foggia batte il Perugia e continua a sperare nella salvezza

I rossoneri hanno sofferto ma hanno portato a casa il risultato. Il gol di Greco al 75’ su rigore. Nel finale sfiorato il raddoppio con un pallonetto di Galano

Il Foggia continua a sperare nella salvezza. Il rigore segnato da Greco al 75’ permette al Foggia di scavalcare il Venezia e di posizionarsi momentaneamente in zona playout, a un solo punto da Livorno e Salernitana (38 punti). A una giornata dal termine del campionato (si chiude sabato 11 maggio a Verona) c’è ancora la possibilità di acciuffare la salvezza diretta. Contro il Perugia il Foggia vince 1-0 al termine di una partita combattuta. Apre le danze il Foggia con Gerbo che al 10’ scodella sul secondo palo un cross morbido per Iemmello, che non arriva alla deviazione. Carraro (ex della gara) risponde con un tiro dalla distanza deviato in angolo. Al 21’ il Foggia ha due buone occasioni. Prima Iemmello incrocia il sinistro dal limite, ma la palla esce a lato, poi (un minuto più tardi) Busellato prova il tiro dal limite: il portiere respinge. Il Perugia però è pericoloso e al 27’ viene annullato un gol a Vido, che deposita di piatto in rete una conclusione debole di Rosi, ma in posizione di fuorigioco. Trema lo Zaccheria al 36’, quando su una ripartenza Verre prova a piazzare la sfera ma colpisce la base del palo. Nei minuti finali Iemmello manda alto sulla traversa, poi nel recupero Busellato mette al centro un radente arretrato per l’accorrente Deli ma il portiere respinge.

La ripresa

Dopo l’intervallo lo spartito del match non cambia. Al 48’ Sadiq conclude alto (da posizione defilata) un contropiede. Al 55’ un errore di Kouan serve Busellato solo al limite dell’area, ma il centrocampista perde l’attimo, si lascia recuperare dai difensori e l’azione sfuma. Al 64’ El Yamiq mura in angolo un’incursione di Iemmello. Sulla battuta del corner Gerbo arriva al tiro ma la palla esce di poco a lato. Grassadonia inserisce Galano, un attaccante, in luogo di Deli, un centrocampista, passando dal 3-5-2 al 4-3-3. Dopo un destro dal limite di Vido che sfila a lato, al 75’ il Foggia segna con un rigore di Greco, fischiato per un fallo di Sgarbi (subentrato all’infortunato El Yamiq) su Mazzeo. Dal dischetto il play segna nonostante Gabriel sfiori con la punta delle dita. Il Foggia arretra, soffre e prima della fine manca l’occasione del raddoppio con il subentrato Galano (pallonetto alto). Al fischio finale esplode lo Zaccheria, che spera ancora.

Fonte: Domenico Carella – Il Corriere del Mezzogiorno

Visita: Foggiasport24.com
CLICCA QUI
per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook
CLICCA QUI per scaricare gratis la nostra app Android

Biografia Autore