SETTORE GIOVANILE. Foggia Calcio, Primavera 2: la capolista ferma i rossoneri

SETTORE GIOVANILE. Foggia Calcio, Primavera 2: la capolista ferma i rossoneri

SETTORE GIOVANILE. Foggia Calcio, Primavera 2: la capolista ferma i rossoneri

Il Foggia Primavera cade al cospetto della capolista. Al Centro Sportivo di Formello (RM), i rossoneri, al rientro dalla sosta natalizia, cedono per 5-0 alla Lazio, prima della classe del girone B, in un match difficile fin dal principio.

È il 4-3-3 lo schieramento scelto da mister Pavone: tra i pali Davide Di Stasio, con il pacchetto arretrato composto da Catapano, Sergio Di Stasio, Devitis e Cucci; in mediana Arena, De Luca e Muscatiello giocano alle spalle del tridente, composto da Cavallini, Antonelli e Marini. Partono forte i padroni di casa, che all’8’ trovano immediatamente il vantaggio, con Nimmermeer che, servito in area, calcia a rete e supera Di Stasio, portando avanti i suoi. Ancora un brivido per i rossoneri all’11’, con Falbo che coglie la traversa. Il Foggia soffre, ma va vicino al pari alla mezz’ora, quando Arena prova la conclusione senza inquadrare lo specchio della porta. Qualche istante più tardi, Capanni si inserisce su un assist di Falbo e brucia la retroguardia ospite, firmando il raddoppio. I ragazzi di mister Pavone provano a rispondere con Antonelli, che calcia alto da buona posizione, ma vengono ancora puniti, stavolta da Zitelli che, servito da Capanni, si trova tutto solo e può fare 3-0. I laziali vanno vicini al poker, che però non arriva, e si va a riposo con tre gol a dividere le contendenti.

In avvio di ripresa, primo cambio per il Foggia, con Urbanzki che rileva Devitis. Al 53’ penalty per la Lazio: Nimmermeer termina a terra in area ospite, per l’arbitro c’è il rigore; dal dischetto va Silva, che viene ipnotizzato da Di Stasio, il quale respinge la conclusione. Subito dopo, ancora un miracolo dell’estremo difensore rossonero, che toglie dallo specchio un colpo di testa pericoloso di Baxevanos. Al 61’ doppio cambio tra le fila foggiane: Carella e Palumbo sostituiscono Muscatiello e Marini. Una decina di minuti più tardi, ancora Davide Di Stasio protagonista, con un bell’intervento su conclusione di Czyz. All’80’ il numero 1 dei rossoneri non può nulla sul tiro ravvicinato di Zilli, servito da Czyz, che porta il risultato sul 4-0. C’è tempo anche per il quinto gol biancoceleste, con Cerbara che, in mischia, si ritrova il pallone sui piedi e sigla il definitivo 5-0. Non accade altro: al triplice fischio il Foggia è costretto a cedere il passo alla capolista, rimediando il nono stop stagionale, con la classifica del girone B che vede i rossoneri fermi a 6 punti.

LAZIO (3-5-2): Alia; Kalaj, Silva, Baxevanos; Zitelli (dall’81’ Cerbara), Czyz (dall’81’ Shoti), Bianchi, Abukar (dal 46’ Francucci), Falbo (dal 64’ Kaziewicz); Nimmermeer (dal 72’ Zilli), Capanni. A disp.: Marocco, Furlanetto, De Angelis, Bertini, Cesaroni, Scaffidi, Russo. All.: Bonacina.

FOGGIA (4-3-3): D.Di Stasio; Catapano (dal 76’ Fiore), S.Di Stasio, Devitis (dal 46’ Urbanzki), Cucci; De Luca, Arena, Muscatiello (dal 61’ Carella); Cavallini, Antonelli, Marini (dal 61’ Palumbo). A disp.: Pitarresi, Lioce, Lisi, Rizdal. All.: Pavone.

Arbitro: sig. Daniele Rutella di Enna.

Assistenti: Michele Somma e Francesco D’Apice di Castellammare di Stabia.

MARCATORI: 8’ Nimmermeer (L), 29’ Capanni (L), 37’ Zitelli (L), 80’ Zilli (L), 88’ Cerbara (L).

RECUPERI: 1’ p.t.; 0’ s.t..

Area Comunicazione Foggia Calcio

Biografia Autore