Foggia Calcio, Chiaretti pronto più che mai a raggiungere la serie A | Foggiasport24.com

Foggia Calcio, Chiaretti pronto più che mai a raggiungere la serie A

Foggia Calcio, Chiaretti pronto più che mai a raggiungere la serie A

Dal Giappone al Foggia rossonero

REDAZIONALE – A Foggia, l’attaccante trentenne brasiliano ha trovato finalmente l’ambiente giusto che stava cercando da tempo, grazie soprattutto all’affetto dei tifosi che gli capita di incontrare spesso per le strade della città o in qualche bar alla pausa caffè. Arrivato in Italia, più precisamente ad Andria, oggi sogna la serie A, che per ora vede ancora l’imprendibile Juventus quotata a 1,33 il 14 settembre, inseguita dal temibile Napoli a 6,50, per una stagione calcistica 2018-19 tutta da seguire. Il brasiliano si ispira molto come gioco ad Alex che ricopre lo stesso ruolo anche se Messi per il giocatore resta il campione per eccellenza, il più grande di tutti. I compagni del club rossonero lo anno accolto calorosamente, alcuni in passato sono stati anche suoi avversari. C’è anche Busellato, con il quale ha giocato insieme e naturalmente il mister, che secondo Chiaretti è un punto di riferimento prezioso per la squadra, un tecnico molto preparato con idee innovative sul calcio. Tutta la squadra è stata chiamata a lavorare tanto per cercare di applicare appieno i suoi concetti e raggiungere in breve tempo la perfezione. Ogni partita deve essere preparata lavorando bene e cercando di dare il massimo per portare a casa sempre punti preziosi contro qualsiasi squadra, anche se Chiaretti ha avuto poche occasioni per giocare perché un infortunio gli ha impedito di esprimersi al meglio. In ogni caso, il suo obiettivo oggi è dunque di risalire in serie A e con il Foggia ci sono buone possibilità di avverare questo sogno, grazie al gruppo compatto rossonero che ha intenzione di dare il massimo per raggiungere questa meta finale che non è solo personale ma comune a tutta la squadra e società. Grassadonia cerca quindi continuità offensiva e propone un calcio propositivo, cercando di trovare gli equilibri giusti tra i vari componenti come Gori e Mazzeo, quest’ultimo pieno di qualità. Ci vuole tempo per realizzare ciò che vuole il mister e quella sconfitta di Crotone è servita tanto sia per comprendere gli errori che per ripartire con idee positive, per vincere. Secondo l’attaccante bisogna cercare di essere umili, lavorando a testa bassa, con la consapevolezza di essere al 60-70% della forma, perché carente di quella continuità tanto cercata da Grassadonia, ma a livello fisico sta bene ed è pronto per le prossime sfide.

Torna in campo anche Ciccio Deli

Dopo un lungo mese il Foggia può finalmente riabbracciare il centrocampista romano Ciccio Deli, che ha disputato un’amichevole l’8 settembre in casa contro la Paganese, tra l’altro vinta 1-0 con goal di Mazzeo. L’infortunio è ormai un ricordo lontano come la fase di riabilitazione e il recupero. A inizio agosto c’è stato lo stop forzato, in occasione della gara interna di Coppa Italia contro il Catania in cui il giocatore è stato messo KO da un trauma distorsivo di primo grado al ginocchio destro, con interessamento del legamento collaterale mediale. Ora il numero 10 è di nuovo pronto per supportare la sua squadra e il tecnico Grassadonia. Certo deve ritrovare la piena forma ma il ginocchio sta bene ed il centrocampista offensivo del Foggia si è dovuto allenare tanto da solo senza giocare, però se si ha la testa giusta e si rimane concentrati sulla palla e gli obiettivi da raggiungere, questi momenti bui possono passare più velocemente di quanto uno non si aspetti. Deli, che è ormai alla terza stagione consecutiva in rossonero, è fra i calciatori più preziosi del Foggia: può giocare sia da interno di centrocampo che a qualche metro più avanti e da trequartista; ha dribbling e tecnica da vendere, è agile nel saltare l’uomo e creare, con slalom e progressioni, quella superiorità numerica molto utile in partita, tanto che potrebbe trovarsi in ballottaggio per una maglia da titolare nelle prossime sfide. Intanto, Grassadonia potrà sfruttarlo sia da mezz’ala sinistra nel centrocampo a cinque che da mezza punta in caso di modulo 3-4-2-1. Un calciatore che si avvicina molto a Deli per alcuni aspetti è Cicerelli, tra l’altro suo grande amico fuori dal campo e suo compagno di squadra anche nella Paganese. Oltre a Deli, il centrocampo del Foggia può fare un sospiro di sollievo grazie al recupero, sulla fascia destra, di Zambelli.

Una volta che la rosa rossonera sarà completamente a disposizione del mister per tutto il campionato, salvo altre complicazioni fisiche, la squadra potrà contare su 11 centrocampisti per costituire la linea mediana con i laterali Zambelli, Kragl e Rubin; Gerbo in posizione da esterno e da mezz’ala; gli interni Agnelli, Arena, Busellato, Deli e Rizzo; e i due registi Ramé e Carraro. In caso di bisogno, Cicerelli potrà essere schierato in mezzo, anche se nasce laterale d’attacco, ma riesce ad agire ugualmente da mezz’ala o da esterno di centrocampo. Dopo la presentazione della squadra 2018-2019 il 23 settembre allo stadio Zaccheria, dove staff tecnico, calciatori e dirigenza, hanno potuto incontrare il grande popolo rossonero e presentare il nuovo Foggia Calcio, ora è tempo di rimboccarsi le maniche e di ottenere risultati importanti. Questa ripartenza rossonera vuole regalare tante belle soddisfazioni ai propri tifosi sia in casa che in trasferta, con l’augurio che durante questa nuova stagione i calciatori siano d’esempio per tutti i loro avversari, distinguendosi per professionalità e volontà d’acciaio, con un pensiero rivolto alla serie A.

Biografia Autore

Potrebbero interessarti