Padova, Bisoli: “Abbiamo pagato delle ingenuità”; Mazzocco: “Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo” | Foggiasport24.com

Padova, Bisoli: “Abbiamo pagato delle ingenuità”; Mazzocco: “Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo”

Padova, Bisoli: “Abbiamo pagato delle ingenuità”; Mazzocco: “Nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo”
Nel post partita ecco le considerazioni del tecnico del Padova Bisoli e dell’esterno veneto Mazzocco, autore del gol del provvisorio vantaggio biancoscudato.

Bisoli: “Quando hai tre occasioni per raddoppiare devi segnare. In serie B non puoi permetterti di non farlo altrimenti poi ci sono giocatori che ti puniscono. Paghiamo delle ingenuità, nel 2° tempo ci siamo difesi anche bene però abbiamo preso gol da trenta metri. Dobbiamo crescere, leccarci le ferite, anche se il campionato è lungo e noi con 5 punti siamo in linea con i programmi perché lottiamo per la salvezza. Del resto abbiamo perso con due squadre (Salernitana e Foggia nda) che non c’entrano nulla con la zona retrocessione.

Oggi avevamo sette Under in campo, se però non si capisce che si deve giocare palla a terra è chiaro che la palla ti torna sempre indietro. Il problema vero è che chi entra dalla panchina non ci dà quello che ci danno quelli che escono dal campo. Dovrò essere più bravo in questo. Siamo una neopromossa che vuole fare più punti possibili per salvarsi e far crescere i giovani che ti danno molto ma devono essere più continui. Sapevamo però che i giovani sono così, fanno esperienza sulle spalle del presidente, dell’allenatore e dei tifosi.

Sarno ha fatto la mezzala in fase di non possesso, è stato condizionato da chi agiva dalla sua parte ma ha dato il suo apporto, era la prima da titolare, in uno stadio che lo aveva amato, mi sembrava giusto renderlo anche partecipe. Lui ha fatto la sua parte sino a che è stato in campo, ero convinto che chi entrava, due mezzali che avevano fatto bene domenica (con la Cremonese nda), potevano fare bene ma non è stato così. Forse allora è meglio non cambiare…”

Mazzocco: “C’è rabbia perché volevamo vincere. Personalmente venivo da un periodo difficile per cui dovevo farmi trovare pronto. Nel primo tempo potevamo fare più gol, nel secondo tempo è venuto a mancare il possesso palla, dovevamo gestire meglio il gioco, ci siamo abbassati troppo. Poi è arrivata anche un po’ di stanchezza e loro hanno fatto gol. Il primo tempo è stato molto buono, nella ripresa è invece venuto a mancare il nostro gioco, il Foggia si è impossessato della partita e ha avuto più occasioni di noi”.

Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti