Foggia Calcio, ultime ore di mercato, ma l’impresa è stata fatta sugli esuberi

Foggia Calcio, ultime ore di mercato, ma l’impresa è stata fatta sugli esuberi

Foggia Calcio, ultime ore di mercato, ma l’impresa è stata fatta sugli esuberi

Una squadra nella squadra. Tredici calciatori in esubero e non convocati per il ritiro. Altri da piazzare per le normali evoluzioni del mercato, una squadra con una buona intelaiatura ma da rinforzare. Quando è iniziato il mercato estivo il d.s. Luca Nember si è trovato davanti a un compito difficilissimo. Far quadrare il bilancio economico e sportivo, abbassare i costi di gestione alti per via dei tanti calciatori sotto contratto e provare a rinforzare la squadra da consegnare al tecnico Grassadonia.

Il tutto sotto la lente di ingrandimento del Commissario (il cui operato si chiuderà il 19 settembre) e con la spada di Damocle della mutualità: i 2,2 milioni di euro ci sono o non ci sono? Alla fine ne è stata sottratta solo una parte. In attesa di scoprire se quest’ultimo compito verrà portato a termine nelle ultime ore di mercato (domani alle 20 la chiusura), si può dire che il direttore sportivo del Foggia Calcio ha quasi portato a termine le missioni più difficili.

La lista degli esuberi era lunghissima: Guarna, Tarolli, Narciso, Figliomeni, Empereur, Celli, Dinielli, Sainz-Maza, Fedele, Beretta, Fedato, Calderini e Letizia. Una seconda squadra sul bilancio del Foggia. Di questi, nove sono stati ceduti e il decimo (Empereur) è in procinto di passare al Verona dell’ex mentore Grosso. Resterebbero da piazzare solo Celli, Sainz-Maza e Fedato, ma ci sono ancora scampoli di mercato per tentare l’impresa.

Questa probabilmente è stata la parte più difficile del lavoro di Nember. Un lavoro senza il quale difficilmente si poteva creare spazio per altri acquisti per giuste logiche di bilancio. Un bilancio che in qualche maniera è stato preservato prediligendo i prestiti con obbligo o possibilità di riscatto nella prossima stagione.

Così il Foggia si appresta a vivere con ottimismo le ultime ore di questo mercato. Poche le caselle da riempire. Boldor (’95, under) potrebbe essere la pedina di scambio per la cessione di Empereur al Verona. Il brasiliano andrebbe in Veneto con la formula della cessione a titolo definitivo, mentre il rumeno arriverebbe allo Zaccheria in prestito con riscatto. A centrocampo serve sempre un centrocampista centrale e un jolly offensivo.

Quest’ultimo dovrebbe essere Lucas Chiaretti (’87), fantasista brasiliano del Cittadella in grado di giocare in più ruoli, dall’esterno offensivo a quello di trequartista, fino a quello di mezzala ma con compiti offensivi. Oggi è attesa la sua firma. In attacco i giochi sembrano fatti. Ma non del tutto. In caso di cessione di uno tra Floriano (ci sarebbe il Catanzaro) e Nicastro si aprirebbe la possibilità di inserire un altro “over”.

Ieri Nember ha sondato e poi ricevuto il no di Siligardi del Parma. Il sogno, e non bisogna neanche sottolinearlo, è Cristian Galano, sempre dei parmigiani. Il calciatore è nato a Foggia ma non ha mai vestito la maglia rossonera. Nelle ultime ore di mercato si sarebbero create le condizioni per un trasferimento con il Parma intenzionato a cederlo in prestito in B e il Foggia a lottare con lo Spezia per ottenere il sì del calciatore. Manca poco alla chiusura delle trattative. Se sono rose…

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".