Foggia Calcio, prosciolto l'ex. Amministratore Delegato Dellisanti | Foggiasport24.com

Foggia Calcio, prosciolto l’ex. Amministratore Delegato Dellisanti

Foggia Calcio, prosciolto l’ex. Amministratore Delegato Dellisanti

Foggia Calcio, prosciolto l’ex. Amministratore Delegato Dellisanti

TRIBUNALE FEDERALE NAZIONALE – SEZIONE DISCIPLINARE
COMUNICATO UFFICIALE N. 3/TFN – Sezione Disciplinare
(2018/2019)
Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare, costituito dal Dott. Cesare Mastrocola
Presidente; dall’Avv. Gaia Golia, dal Dott. Pierpaolo Grasso, dall’Avv. Valentina Ramella, dall’Avv.
Sergio Quirino Valente Componenti; con l’assistenza del Dott. Paolo Fabricatore
Rappresentante AIA; e del Signor Claudio Cresta Segretario; con la collaborazione dei Signori
Salvatore Floriddia, Paola Anzellotti, Antonella Sansoni e Nicola Terra, si è riunito il giorno
28.6.2018 e ha assunto le seguenti decisioni:
“”
(220) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: DELLISANTI ROBERTO
PIERRE JEAN (Amministratore delegato della Foggia Calcio Srl dal 27.6.2015, senza poteri di
rappresentanza della Società) – (nota n. 11778/409 pf 17-18 GP/GC/blp del 15.5.2018).
Il deferimento
Con provvedimento del 15 maggio 2018, nell’ambito del più ampio procedimento di cui alla
nota n. 11778/409 pf 17-18 GP/GC/blp, il Procuratore Federale e il Procuratore Federale
Aggiunto hanno deferito a questo Tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare, il Sig.
Dellisanti Roberto Pierre Jean, Amministratore delegato della Foggia Calcio Srl dal 27.6.2015,
senza poteri di rappresentanza della Società, per rispondere della violazione dell’art. 1 bis,
comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva sia in via autonoma che in relazione ai principi di
corretta gestione delle Società affiliate alla F.I.G.C. sanciti dall’art. 19, comma 1, dello Statuto
della F.I.G.C. e dall’art. 84, comma 1, delle NOIF, nonché della violazione dell’art. 8, comma 2
CGS, per avere consentito l’impiego nell’attività gestionale e sportiva della Foggia Calcio Srl,
nel corso delle stagioni sportive 2015/2016 e 2016/2017 quantomeno – allo stato degli atti –
dell’importo complessivo di € 1.964.750,00 (unmilioneduecentotrentacinque/00) corrisposto
dal Sig. Curci Ruggiero Massimo, di cui € 1.408.000,00 (unmilionequattrocentoottomila/00) a
mezzo di bonifici ed € 556.750,00 (cinquecentocinquanteseimila-settecentocinquanta/00)
in contanti, frutto di compenso derivante dalla commissione di attività illecite di evasione e/o
elusione fiscale, alcune delle quali integranti anche reato.

La memoria difensiva
Nei termini di rito, il difensore del deferito ha fatto pervenire memoria difensiva.
La difesa evidenzia come il Dott. Dellisanti, commercialista e revisore contabile, abbia assunto
la carica di amministratore delegato del Foggia Calcio in conseguenza dei pregressi rapporti
professionali esistenti con Fedele Sannella (prestati in particolare per la Satel Srl).
Federazione Italiana Giuoco Calcio – Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare SS 2017/2018
Come precisato nello stesso atto di deferimento, la carica conferita al Dott. Dellisanti non
venne mai corredata da alcuna delega di potere. In particolare, il Dott. Dellisanti si occupava di
predisporre la documentazione inerente il budget, il bilancio di esercizio ed i prospetti degli
indici e di trasmetterli al Dott. Michele Marangelli (incaricato dalla Società per la contabilità, il
bilancio, gli adempimenti fiscali, i rapporti con la Co.Vi.Soc. e la Lega Calcio). Tutti i bilanci di
esercizio inerenti il periodo nel quale il Dott. Dellisanti ha rivestito il ruolo di amministratore
delegato sono stati certificati dalla RIA Grant Thorton Spa la quale non ha mai espresso
riserve o richiami di informativa.
Le ispezioni effettuate dalla Co.Vi.Soc. hanno sempre avuto esito positivo e lo stesso
Commissario Giudiziale, Dott. Giannetti, nominato il 19 marzo 2018 dal Tribunale di Milano in
sostituzione del CDA, ha dovuto constatare come la Società sia stata amministrata in maniera
corretta, con pagamenti in regola di stipendi, imposte e contributi.
Il Dott. Dellisanti, pertanto, come risulta dagli atti del procedimento, non avendo mai
partecipato all’attività gestionale della Società (che faceva capo esclusivamente ai fratelli
Curci e Sannella) non ha svolto alcun ruolo nelle condotte di reimpiego di denaro provento di
attività illecite addebitate al Curci.
In merito, infine, al flusso di messaggi Whatsapp inviati da Ruggiero Massimo Curci, al
Dellisanti il giorno prima della stipula dell’atto notarile del 04.05.2017 con il quale la Curci
Holding Srls. cedeva le proprie quote della controllante il Foggia Calcio Srl alla Sannella
Holding 2 Srl, messaggi ove il primo rendicontava le somme complessivamente trasferite alla
Società attraverso bonifici bancari e contante nella stagione calcistica in corso 2016/2017 ed
in quella precedente 2015/2016, si precisa come le dazioni avvenute a mezzo bonifico siano
legittimamente apparse regolari all’amministratore delegato, provenendo dal c/c del socio e
portando una causale di riferimento, quanto agli importi versati in contanti, il Dellisanti ne
sarebbe venuto a conoscenza solo allorquando il Curci, apprestandosi ad uscire dalla Società,
ne ha rivendicato la restituzione da parte dei fratelli Sannella (ossia al momento della
cessione del 4 maggio 2017).
In tal senso vanno anche le stesse dichiarazioni rese dal Fedele Sannella in sede di
interrogatorio di garanzia innanzi al P.M. Dott. Paolo Storari in data 26.01.2018 allorquando,
senza esitazioni, afferma: “il dottor Dellisanti non sapeva di queste somme che io ricevevo da
Curci” … “quando ha scritto il Curci, il dottor Dellisanti mi ha chiamato e mi ha detto: ‘Guarda
che Curci dice che… che ci sono, no, che ci sono questi soldi’, che lui non sapeva nemmeno
che cosa fossero”.
Oltre al dato oggettivo, l’impianto accusatorio manca completamente di fornire la prova
dell’elemento psicologico, ossia la consapevolezza da parte del Dott. Dellisanti dell’origine
illecita delle somme confluite nella Società ed utilizzate per i pagamenti di calciatori e staff
tecnico.
Il dibattimento
All’udienza del 22 giugno 2018, il TFN – Sezione Disciplinare preliminarmente stralciava la
posizione del Sig. Dellisanti in accoglimento dell’istanza di rinvio per legittimo impedimento
del difensore e rinviava al 28.06.2018.
Federazione Italiana Giuoco Calcio – Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare SS 2017/2018
All’udienza del 28 giugno 2018, la Procura Federale, chiede l’integrale accoglimento del
deferimento, formulando per il Sig. Dellisanti Roberto Pierre Jean la seguente richiesta
sanzionatoria: 3 (tre) anni di inibizione.
Il difensore, si riporta alla memoria depositata in atti e, nel ribadire la totale estraneità del Sig.
Dellisanti nel compimento di qualsivoglia atto gestorio della Società nonché in relazione alle
condotte di autoriciclaggio ascritte al Dott. Massimo Ruggiero Curci, insiste nell’accoglimento
delle conclusioni ivi rassegnate.
Il Dott. Dellisanti rilascia dichiarazioni spontanee e sottolinea come la carica rivestita di
Amministratore Delegato non venne mai corredata da alcuna delega di potere; essendosi
occupato, con il professionista incaricato dalla Società, di curare la contabilità, il bilancio, gli
adempimenti fiscali affinché potessero essere approvati dal Consiglio di Amministrazione,
dall’Assemblea dei soci e depositati presso gli organismi competenti; mai ha avuto
conoscenza o è stato coinvolto da parte dei fratelli Curci e Sannella nella gestione parallela
ed occulta delle finanze aziendali.
I motivi della decisione
Il deferimento nei confronti del Dott. Dellisanti Roberto Pierre Jean ad avviso di questo
Collegio non merita accoglimento.
In effetti, l’ampia documentazione in atti proveniente dal procedimento penale come integrata
dalle indagini svolte dalla Procura Federale, non contiene elementi sufficienti a confermare la
partecipazione del Dott. Dellisanti alle dinamiche di gestione aziendale ed il suo
coinvolgimento in ruoli apicali con funzioni decisionali e di comando, detenute esclusivamente
dai fratelli Curci e Sannella.
Alla luce di tali considerazioni e delle dichiarazioni rese al Pubblico Ministero da Fedele
Sannella, si deve valutare la unidirezionalità dei messaggi whatsapp inviati dal Curci a
Dellisanti il giorno prima della cessione delle quote alla Sannella Holding 2 Srl, messaggi ove
rendicontava le somme complessivamente trasferite alla Società attraverso bonifici bancari e
contante nella stagione calcistica in corso 2016/2017 ed in quella precedente 2015/2016.
Infatti, la circostanza che vede il Dellisanti non interloquire in alcun modo con il Curci e
limitarsi a ricevere il rendiconto in vista della quantificazione delle quote, unitamente alla
dichiarazione del Sannella il quale riferisce al P.M. di essere stato contattato dal Dellisanti
proprio per ricevere chiarimenti circa quegli importi a lui sconosciuti, escludono possa
ritenersi raggiunto un sufficiente grado di certezza circa la partecipazione del Dellisanti alle
condotte ascritte.
Il Collegio, pertanto, in difetto di ulteriori e diversi elementi di prova a sostegno di un
coinvolgimento diretto del Dott. Dellisanti nell’impiego di importi di provenienza illecita
nell’attività gestionale e sportiva della Società, non può che proscioglierlo dagli addebiti
contestati.
Il dispositivo
Il Tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare proscioglie il Dott. Dellisanti Roberto
Pierre Jean, in quanto non risulta raggiunta la piena prova sulla riconducibilità allo stesso dei
fatti oggetto di contestazione.

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti