Foggia Calcio, 29 calciatori in un organico da sfoltire. Il punto sul mercato | Foggiasport24.com

Foggia Calcio, 29 calciatori in un organico da sfoltire. Il punto sul mercato

Foggia Calcio, 29 calciatori in un organico da sfoltire. Il punto sul mercato

Foggia Calcio, 29 calciatori in un organico da sfoltire. Il punto sul mercato

Ventinove elementi in organico, molti dei quali al rientro dai prestiti o virtualmente fuori dal prossimo progetto tecnico. Da questo dato, inevitabilmente, è partito il lavoro del direttore sportivo Luca Nember. Il primo movimento ufficiale dopo il 1 luglio (quindi escluso il riscatto di Kragl avvenuto a giugno) è stata la cessione dell’attaccante Matteo Di Piazza al Cosenza. Un’operazione che ha alleggerito il bilancio di un importante ingaggio (aveva ancora un anno di contratto) ed ha liberato un posto tra gli “over” in organico. Un’operazione necessaria anche in attesa della decisione del Tribunale Federale Nazionale sul ricorso per l’esclusione dalla mutualità (a inizio prossima settimana il dispositivo?), decisa dall’Assemblea di Lega all’inizio di giugno e per la quale il Foggia Calcio era riuscito ad ottenere la sospensiva. Un’operazione da circa due milioni di euro che, come si po’ facilmente intuire, avrà un importante ripercussione sul budget da investire nella prossima stagione, tanto in positivo quanto in negativo.

RICHIESTE – La cessione di Di Piazza non dovrebbe essere l’unico addio. Il d.s. Nember sta parlando con il Catanzaro per il trasferimento dell’esterno offensivo Elio Calderini, l’anno scorso divisosi tra Foggia e Viterbo. Il calciatore ha ancora un anno di contratto e può beneficiare dell’ampio mercato che ha in Serie C. Tra i pezzi pregiati del mercato rossonero ci sono anche l’esterno sinistro Oliver Kragl e la mezzala Francesco Deli. Entrambi, però, si muoveranno da Foggia solo in caso di offerte pari al loro valore. Questo è il quadro dei primi giorni di mercato Foggiasport24.com prova a fare il punto della situazione reparto per reparto.

PORTIERI CHE VANNO – Al momento il Foggia conta 4 portieri: Noppert, Guarna, Tarolli e Narciso. Di questi solo il primo, che ha sottoscritto un contratto triennale, sembra essere sicuro di far parte dell’organico della prossima stagione. Per gli altri si proverà a trovare una sistemazione adeguata. Narciso, che ha ancora un anno di contratto, potrebbe optare per il ritorno alla Sicula Leonzio (dove ha giocato l’anno scorso), allenata dall’ex rossonero e foggiano doc Paolo Bianco. Per il giovane Tarolli (ha ancora un biennale) si è fatta avanti la Virtus Francavilla che gli garantirebbe un ruolo da titolare e la possibilità di proseguire il percorso di crescita culminato nell’esordio in Serie B nell’infuocato derby di Bari.

PORTIERE CHE VIENE – A fronte delle tre probabili cessioni, il Foggia Calcio lavora all’ingaggio di un numero uno di esperienza da affiancare al giovane Noppert. Il nome che rimbalza in queste ore è quello di Albano Benjamin Bizzarri, argentino di 40 anni, l’anno scorso portiere dell’Udinese in Serie A, al momento svincolato. Il Foggia deve battere la concorrenza del Cosenza ma a metà della prossima settimana potrebbe affondare il colpo. In alternativa si è parlato anche di Rafael Cabral Barbosa, brasiliano di 28 anni, anche lui svincolatosi dopo l’esperienza al Napoli.

DIFESA – Il reparto probabilmente più coperto sembra essere la difesa, soprattutto nel caso in cui il nuovo tecnico Gianluca Grassadonia decidesse di partire con il 3-5-2. In organico figurano i centrali Camporese, Tonucci, Loiacono, Figliomeni, Martinelli e Empereur (questi ultimi zavorrati rispettivamente da tre mesi e da 5 giornate di squalifica). La sensazione, però, è che qualcosa possa cambiare. Se il Foggia sembra al momento resistere alla corte del Crotone di Stroppa per Tonucci, potrebbe accettare quella del Bari per Empereur. Il calciatore brasiliano, già in prestito ai galletti nell’ultima stagione, avrebbe estimatori al San Nicola. Da valutare la situazione di Figliomeni, poco utilizzato nelle ultime due stagioni e di Martinelli. In caso si dovessero concretizzare delle cessioni, il Foggia potrebbe pensare ad innesti per il reparto arretrato. Servirebbe un centrale di piede mancino, al momento assente in organico. Non è mancino ma piace ugualmente il profilo di Raffaele Alcibiade (28 anni), già allievo di Grassadonia a Pagani e nell’ultima stagione a Vercelli.

CENTROCAMPO – La linea dei cinque è quella che potrebbe vivere “potenzialmente” i maggiori stravolgimenti. L’organico rossonero al momento è privo di un play titolare (c’è solo il giovane Ramé) dopo il passaggio di Greco alla Cremonese (era rientrato al Bari dal prestito) e dopo il mancato riscatto di Agazzi (andato al Livorno dopo il ritorno all’Atalanta, proprietaria del cartellino). Nel ruolo di mezzali figurano Agnelli, Gerbo, Deli, Sicurella, Sainz-Maza e Fedele ma, a parte Agnelli, il mercato potrebbe riservare sorprese per gli altri cinque. La Virtus Francavilla vorrebbe nuovamente Sicurella dopo la scorsa positiva stagione in prestito in maglia biancoceleste. Sainz – Maza ha mercato in Serie C, Gerbo in B (c’è il Crotone) e Deli addirittura in Serie A (Bologna e Spal interessate). Potrebbe essere necessario almeno un innesto di valore in regia e eventuali sostituti di spessore in caso di cessioni. Sulle corsie esterne è atteso a giorni il rinnovo annuale per il laterale Zambelli, premiato dopo la buona seconda parte di stagione nell’ultimo anno. Ma servirà anche un sostituto in grado di garantire il ricambio nell’arco della stagione. Abbondanza a sinistra con Kragl, Rubin, Celli e Dinielli nel ruolo di esterno mancino. Molto dipenderà dall’evolversi del mercato, soprattutto in uscita, con il tedesco appetito da club di A.

ATTACCO – Le prime punte in organico sono due: Mazzeo e Beretta. Sul primo c’è l’interesse della Salernitana, ma il Foggia non vorrebbe privarsene. Nutrita la pattuglia delle seconde punte: Floriano, Nicastro, Fedato,  Calderini e il baby Cavallini. Anche in questo caso andrà valutata l’evoluzione del mercato. Ma la domanda è: è esclusa la possibilità di vedere un tridente d’attacco? Grassadonia ha parlato di una squadra che deve saper essere camaleontica. In quest’ottica s’inserisce da Salerno la voce che vorrebbe il Foggia sul laterale offensivo Emanuele Cicerelli (foggiano, 23 anni), lo scorso anno in prestito al Pordenone. Cicerelli è stato allievo di Grassadonia alla Paganese. Una volta sfoltito l’organico si potrà pensare anche a un innesto di valore per il reparto d’attacco.

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti