Parma, mister D'Aversa: "Con il Foggia Calcio voglio vedere undici avvelenati" | Foggiasport24.com
Header ad

Parma, mister D’Aversa: “Con il Foggia Calcio voglio vedere undici avvelenati”

Parma, mister D’Aversa: “Con il Foggia Calcio voglio vedere undici avvelenati”

Parma, mister D’Aversa: “Con il Foggia Calcio voglio vedere undici avvelenati”

Alla vigilia del match interno con il Foggia, mister D’Aversa parla della partita al “Tardini. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni riportate da ParmaLive: “L’ora legale? Potrà essere un problema per noi come per loro. Di sicuro giocheremo in un orario insolito ma ci siamo preparati in settimana per questo.

Domani voglio vedere undici avvelenati in campo per cercare di portare a casa il risultato. Dovremo essere bravi a trascinare il pubblico, il Tardini potrà diventare un fortino se i tifosi vedranno la squadra impegnarsi al massimo e fare di tutto per vincere perché così ci ritroveremmo dentro i playoff.

I tanti tifosi foggiani credo saranno più uno stimolo. Loro stanno dimostrando compattezza in un momento societario delicato. Ma noi non siamo affatto inferiori, visti gli ottimi numeri sugli spalti e l’attaccamento della nostra gente alla maglia crociata. Il nostro obiettivo deve prevalere sul loro, all’andata in Puglia giocammo una delle migliori partite della stagione.

Foggia, Avellino e Palermo, un trittico di partite importanti per riscattare la sconfitta di Chiavari. In Liguria nella prima frazione non avevamo giocato male, nella ripresa c’è stata troppa confusione. Abbiamo perso contro una squadra inferiore a noi, domani mi aspetto una prova d’orgoglio contro una squadra che, considerando solo il girone di ritorno, sarebbe terza in classifica. C’è volontà di riscattarsi contro una delle squadre col miglior possesso palla, dovremo essere bravi a limitarli concedendogli il meno possibile e sfruttando le ripartenze, imponendo anche il nostro gioco.

Non saranno della partita Munari, Insigne, Ciciretti, Iacoponi e Da Cruz in nazionale oltre a Scozzarella fermo per un problema più serio. C’è dispiacere per queste assenze ma in campo andranno altri giocatori che avranno la possibilità di mostrare il loro valore: sono abbastanza tranquillo. Le assenze non devono essere un alibi, domani probabilmente ci saranno grandi motivazioni da parte di chi ha giocato meno e vorrà dimostrare all’allenatore di aver sbagliato le proprie scelte. Purtroppo io ne posso scegliere solo undici, meriterebbero tutti di giocare”.

Biografia Autore

Potrebbero interessarti