Header ad

Foggia calcio, Stroppa: “Tre punti che sono un bel mattone per il raggiungimento del nostro obiettivo”

Foggia calcio, Stroppa: “Tre punti che sono un bel mattone per il raggiungimento del nostro obiettivo”
“Tre punti che sono una «mattonata»”. Con questa frase contundente, Giovanni Stroppa ha esordito nel suo intervento durante il post partita di Foggia-Pro Vercelli con i tre punti che potrebbero risultare determinanti nella corsa alla salvezza. “Un bel mattone per il raggiungimento del nostro obiettivo”, ha ribadito il mister che sentiva la partita come “(…) fosse una partita di Champions, mai sentita come stasera”.

“Ricordo che venivamo da una partita come quella di Parma giocata per più di un’ora in dieci”, ha proseguito, “una partita in cui abbiamo speso molto, giocata alla grande con personalità ma nella quale non abbiamo raccolto nulla. È stato un primo tempo grandissimo, c’è stata una grande reazione al gol subito. Il gol di Deli è stato un eurogol, non solo per la qualità balistica sua ma anche per come siamo arrivati al tiro. Sul 2-1 poi abbiamo tirato un po’ il freno a mano e siamo anche stati fortunati in un paio di occasioni. Oggi, lo ribadisco: abbiamo messo un bel mattone. Stasera potevamo arrivare scarichi o in difficoltà a livello psico-fisico. Ciò che un po’ mi dispiace – se vogliamo cercare qualcosa di meno positivo – è che dopo aver avuto una reazione straordinaria ad una partenza in salita nel secondo tempo sul 2-1 siamo stati poco brillanti e lucidi di testa.

La nostra prerogativa è quella di difendere in avanti non facendo giocare gli altri e poi di giocare noi. Ma qualcuno non voleva rischiare ed è venuto meno quella che è la nostra caratteristica principale. Ci potevamo divertire sul 2-1 a giocare a calcio. Sapevo che non era facile, averla vinta ci deve dare forza per il futuro che in questo mese sino al primo maggio ci vedrà in campo otto volte. Diventa dura: aver vinto oggi ci deve dare più autostima e consapevolezza”. Riscatto dopo Parma? “È stato il riscatto di tutti. Martinelli si fa sempre trovare pronto. Mi spiace per il gol preso, forse siamo stati blandi in marcatura. Guarna ha qualità assoluta”.

Adesso l’Empoli: “Giochiamo ora con l’Empoli che è eccezionale sotto tutti i punti di vista. Ha il miglior organico espresso dal campionato”. Tornando sulla gara, un pensiero sul calo del secondo tempo: “Non ci siamo rilassati, ci è mancata la lucidità di andare a difendere avanti. Ci è mancata la lucidità nella comunicazione di trovare il pressing giusto. Sembravamo spenti e abbiamo concesso due palloni che erano sanguinosi”. Finale su Tonucci (“Sta bene”) e Duhamel: “Deve continuare ad allenarsi. Stasera si è dato da fare, ha pressato tutti, mi è piaciuto”.

Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti