IL BLOG DI COLLA: "Foggia Calcio, solito errorino ma ora c'è ottimismo, gli acquisti sono di valore" | Foggiasport24.com

IL BLOG DI COLLA: “Foggia Calcio, solito errorino ma ora c’è ottimismo, gli acquisti sono di valore”

IL BLOG DI COLLA: “Foggia Calcio, solito errorino ma ora c’è ottimismo, gli acquisti sono di valore”

IL BLOG DI COLLA: “Foggia Calcio, solito errorino ma ora c’è ottimismo, gli acquisti sono di valore”

Ciao amici tifosi del Foggia Calcio.
Come dico sempre è un piacere poter parlare con voi che siete stati per anni miei compagni di viaggio in rossonero. Che dirvi. Il Foggia non gioca male, anzi, gioca fin troppo bene, ma quando capitano le occasioni da gol bisogna capitalizzarle. Sfruttarle. Questo perché in Serie B il minimo errore ti costa caro e lo paghi duramente. Una regola che si è puntualmente verificata, purtroppo, contro il Pescara, una squadra che non mi è sembrata irresistibile, magari lontana dai canoni di Zeman e forse anche un po’ timorosa dietro, dove ha concesso tante palle gol.

E invece ha vinto 1-0, nonostante le cinque-sei occasioni che ci sono capitate, non sfruttate, e la solita amnesia difensiva. In occasione del gol Loiacono era davanti a Mancuso e doveva andare incontro al pallone senza farsi superare dall’avversario. Se sei davanti la palla la prendi tu. L’avversario non deve superarti in queste occasioni. Sono cose semplici per un difensore.

Vi confesso che fa tanta rabbia. Il Pescara ha vinto con un tiro in porta, mentre noi abbiamo giocato e tirato molte volte in porta, abbiamo preso due pali di cui uno addirittura incredibile. Il secondo, quello di Nicastro, è stato colto un un tiro ravvicinato, forse prima del dischetto del rigore. Erano otto metri e lì bisogna fare gol. Non è sfortuna quella. Se a questo aggiungi che Mazzeo, uno degli uomini più affidabili, non ha giocato bene…

In compenso sono arrivate tante note positive dai nuovi. Greco è un bravo calciatore, non butta mai via il pallone. E’ l’uomo ideale per il centrocampo. Tonucci esteticamente, concedetemelo, non mi fa impazzire. Sarò all’antica ma non amo capelli lungi e tatuaggi. Ma tecnicamente e tatticamente è molto utile e sembra già formare una buona coppia con Camporese. Se dal mercato arriva anche il terzo centrale a sinistra… Il tedesco Kragl è un combattente, non è male. Si propone molto più di Zambelli, apparso molto lontano dalla condizione standard ma anche in grado di far intravedere le qualità da calciatore. E’ un bell’acquisto. Non mi sento di giudicare Scaglia, un mancino che ha giocato poco e sulla corsia di destra. Nel complesso i nuovi sono bravi e mi sento più ottimista rispetto al recente passato.

Il nuovo direttore sportivo non è uno sprovveduto. E mi rincuora sapere che ha visto lacune che avevo visto anche io, riuscendole a colmare. Poi è chiaro, fare il “fenomeno” giudicando dall’esterno è facile. Esprimere giudizi netti non è mai bello e corretto. Adesso si va a Chiavari. E si va con una consapevolezza: siamo messi meglio rispetto a prima. Quindi Foggia, non mollare mai.

MAURO COLLA

Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti