Il Foggia calcio agguanta un incredibile pareggio contro il Venezia in pieno recupero | Foggiasport24.com

Il Foggia calcio agguanta un incredibile pareggio contro il Venezia in pieno recupero

Il Foggia calcio agguanta un incredibile pareggio contro il Venezia in pieno recupero

Dopo un finale incredibile, il Foggia ottiene un insperato 2-2 contro il Venezia che aveva dominato per ottantacinque minuti. Decisiva la zampata in pieno recupero di Deli (entrato al posto di Vacca) dopo la doppietta di Zigoni all’inizio dei due tempi e la rete di Beretta all’88’.

PRIMO TEMPO – Stroppa conferma per dieci undicesimi la formazione di La Spezia con il solo Chiricò che sostituisce Floriano. Recuperati Deli e Figliomeni che però vanno in panchina. Mantenuto il modulo del Picco, il 3-5-2, speculare rispetto a quello del Venezia di Inzaghi (a cui la Curva Sud dedica uno striscione di ringraziamento ricordando il gesto compiuto dall’ex bomber del Milan nei confronti di un giovane tifoso di Foggia) che ritrova il playmaker Bentivoglio. Assenti i centrali Domizzi (squalificato) e Modolo (infortunato). Nemmeno il tempo di scaldarsi e il Venezia passa al 5’: uno due Falzerano-Bentivoglio con la mezzala destra che fa un assist al bacio per Zigoni a cui non resta che spingere la palla in rete di testa. Il primo squillo dei satanelli arriva al 12’ con un debole sinistro di Agazzi dai venti metri. Al 18’ lagunari vicinissimi al raddoppio con Falzerano, ancora lui, che viene lanciato a tu per tu con Tarolli ma sbaglia di un soffio la conclusione. Al 27’ corner pericoloso dei rossoneri con una mezza rovesciata di Coletti che Beretta quasi devia in gol. Al 33’ altra azione insidiosa del Venezia con Pinato che non sfrutta un assist di Zigoni mandando alto un destro che doveva solo essere calibrato. Sempre arancioneroverdi sugli scudi con un angolo spizzato da Pinato che crea scompiglio davanti a Tarolli. Poi tocca a Chiricò scaldare i guantoni di Audero con un sinistro che il baby portiere del Venezia manda in angolo. Nel minuto di recupero (prolungato per un infortunio subito da Martinelli) punizione di Coletti dai venticinque metri che si stampa sulla barriera. Si va al riposo con il Venezia meritatamente in vantaggio.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con Floriano al posto di Celli. Si torna al 4-3-3 con Loiacono laterale sinistro. Al 49’ subito pericoloso Marsura che colpisce l’esterno della rete dopo una progressione sulla sinistra. Ancora Venezia al 50’ con una girata di Zigoni che Tarolli blocca a terra. Un minuto dopo ci prova Pinato: il suo sinistro lambisce il montante della porta rossonera. Al 54’ giunge “inevitabile” il raddoppio del Venezia con Zigoni che in scivolata trafigge Tarolli con un destro a giro. Al 62’ contropiede veneto con Marsura che finalizza debolmente uno scambio tra Falzerano e Zigoni. Al 65’ terzo e ultimo cambio rossonero con il rientrante Deli per Vacca. Al 69’ si rivede il Foggia con il destro di Floriano che Audero ferma in due tempi. Il copione della partita diventa scontato: Foggia in avanti (senza troppe idee) e il Venezia che si difende con relativa tranquillità. All’83’ però Venezia a un passo dal 3-0 ancora con Zigoni la cui girata viene intuita e bloccata da Tarolli. Clamorosa occasione per il Venezia all’86’ con Falzerano che a porta vuota colpisce il palo non finalizzando un assist al bacio di Moreo. All’88’ c’è la reazione del Foggia con la rete di Beretta su azione d’angolo. Gol che riapre la partita mentre sugli spalti si acuisce paradossalmente la contestazione. Nei cinque minuti di recupero succede di tutto: il Foggia sfiora il pari con Floriano su iniziativa di Deli; lo stesso Floriano ci riprova con un destro da fuori. Il minuto conclusivo regala ai rossoneri l’incredibile pareggio con Deli che scatena anche un parapiglia nella tribuna centrale. I rossoneri evitano così la quarta sconfitta di fila e conquistano un punto quasi “miracoloso”.

FOGGIA CALCIO – VENEZIA 2-2
MARCATORI – 5′ Zigoni (V), 54’ Zigoni (V), 88’ Beretta (F), 94’ Deli (F)

FOGGIA (3-5-2) – Tarolli; Gerbo, Camporese (35’ Loiacono), Coletti, Martinelli, Celli (46’ Floriano); Agnelli, Agazzi, Vacca (65’ Deli); Beretta, Chiricò. A disp.: Sarri, Sanchez, Lodesani, Figliomeni, Fedato, Rubin, Calderini, Ramé, Fedele. All. Giovanni Stroppa
VENEZIA (3-5-2) – Audero; Andelkovic, Bruscagin, Cernuto; Zampano, Falzerano (87’ Soligo), Bentivoglio, Pinato (77’ Suciu), Del Grosso; Zigoni, Marsura (66’ Moreo). A disp.: Vicario, Gori, Stulac, Fabiano, Geijo, Mlakar, Fabris, Garofalo, Signori. All. Filippo Inzaghi
ARBITRO – Livio Marinelli della Sezione di Tivoli (Roma)
ASSISTENTI – Valerio Vecchi di Lamezia Terme (Catanzaro) e Pasquale Cangiano di Napoli
QUARTO UOMO – Daniele Viotti di Tivoli (Roma)
AMMONITI – 53′ Coletti (F), 65’ Zigoni (V), 91’ Agnelli (F), 95′ Deli (F)
ESPULSI –
ANGOLI – 10 – 3
RECUPERO – 1 / 5
NOTE –

Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti