Foggia calcio, parola a Fedato: “Ci aspetto una settimana con tre partite. Poi potremo capire qualcosa di più”

Foggia calcio, parola a Fedato: “Ci aspetto una settimana con tre partite. Poi potremo capire qualcosa di più”


Francesco Fedato è intervenuto oggi in conferenza stampa, parlando del suo e del momento Foggia dopo il successo sul Perugia. “Siamo tutti tranquilli”, ha esordito, “la strada è quella giusta. Ci stiamo impegnando, i risultati ci daranno ragione. Quella con il Perugia è stata una vittoria meritata, ma c’eravamo andati vicini anche con Novara, Palermo ed Entella. Con più attenzione potevamo avere più punti. Io credo di essere entrato bene in partita, era una fase difficile del match, certo gestendo meglio qualche ripartenza potevo anche trovare il gol ma quello che conta è aver vinto”.

Un confronto in cui il Foggia ha “rimediato” ben cinque cartellini gialli, segno di una sana aggressività altre volte mancata: “Non credo sia un caso, abbiamo cercato di più la vittoria, sapevamo che il Perugia oltre che una squadra che gioca era anche fisico e i cartellini sono una conseguenza di questo. Venerdì abbiamo avuto un ottimo atteggiamento: se continueremo così faremo più risultati positivi che negativi”. Dal Foggia a Fedato, ecco il pensiero dell’ex Bari: “Mi trovo molto bene, piano piano con il lavoro stiamo capendo i movimenti, mi sto integrando bene sia nel gruppo sia nella città. Mi sto trovando davvero bene.

Siamo un bel gruppo, per noi nuovi all’inizio non è stato facile per il tipo di gioco dell’allenatore, ma di partita in partita stiamo andando meglio. Mi reputo un giocatore di gamba, per cui più gioco e più entro in condizione. A livello di gol ne ho fatto uno solo, in ogni partita potevo fare di più ma ho comunque fatto cose buone. Il nostro peraltro è un gioco di squadra, spero di continuare così facendo qualche gol in più. Sono sulla strada giusta per arrivare al miglior Fedato, sono contento di aver fatto bene nella maggior parte della gare che ho disputato”.

Concorrenza in avanti? “Dal primo all’ultimo siamo importanti”, ha sottolineato l’«8» rossonero, “davanti ci sono molte rotazioni, sono ruoli dispendiosi. L’unica via per migliorare è il lavoro e l’allenamento seguendo le indicazioni del mister. Lui ha tanti bravi giocatori, tutti vorrebbero essere titolari, ma nel nostro ruolo è importante anche entrare bene in partita”.

Fedato ha poi espresso rammarico per il gol fallito a Empoli (“Se segnavo potevamo raccogliere qualcosa in più”) e si è soffermato sulla classifica e la categoria: “La classifica dice che nel torneo di B le partite si vincono e si perdono per episodi, ma non sono io a dover dire come è la categoria, basta guardare la graduatoria. In ogni gara bisogna dare il massimo, ci aspetta ora una settimana con tre partite e potremo capire qualche cosa in più. Bisogna proseguire con determinazione. Noi proviamo a vincere ogni partita, non andiamo a giocare da nessuna parte per il punticino ma sempre cercando la vittoria”.

Prossimo avversario il Cesena del suo ex tecnico (al Carpi) Castori: “Ci aspetteranno per ripartire, saranno feroci, aggressivi come sono le formazioni di Castori. Si difenderanno in otto per poi ripartire. Ma se andiamo lì per fare la partita non ci saranno problemi. Comunque giocheremo per vincere”. Chiosa finale sui tifosi, attesi in massa anche a Cesena: “Siamo contenti dei nostri tifosi, speriamo di trovare una continuità di risultati anche in trasferta, soprattutto per loro”.



Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti