Foggia Calcio, Deli si carica: “In me c’è tanta voglia di dimostrare che posso fare questa categoria”

Foggia Calcio, Deli si carica: “In me c’è tanta voglia di dimostrare che posso fare questa categoria”


Francesco Deli è intervenuto oggi in sala stampa rispondendo alle domande dei cronisti. Si parte dal match con il Novara: “C’è grande rammarico, l’abbiamo rivista e abbiamo giocato una grande partita. Li abbiamo messi sotto per l’intera durata del confronto. Comunque devo dire che stiamo bene, andiamo via via migliorando e arriva un messaggio di positività”.

Per “Ciccio” come per la squadra è ancora in corso la fase di conoscenza della categoria: “In questo senso ci sta il paragone tra me e la squadra; ci stiamo ambientando in una categoria diversa dopo aver stravinto il campionato scorso. Un problema è proprio questo: l’ambientamento alla serie B. C’è più fisicità, ci sono meno spazi e ogni volta che prendo palla so che devo essere decisivo, devo avere la cattiveria giusta. Perché in «B» non ti lasciano molte possibilità. Devo restare sempre concentrato”.

La sua prestazione personale con il Novara non è piaciuta soprattutto dopo il 2-1 quando c’erano le condizione tattiche affinché le sue caratteristiche offensive si esaltassero: “È stata una partita un po’ particolare”, ha sostenuto il fantasista di Stroppa, “sono entrato a fine primo tempo. Potevo fare meglio, ho fatto poco e di questo sono dispiaciuto. Non è una questione di condizione, mi sento bene, mi sto trovando bene e sono convinto che nelle prossime partite mi farò trovare pronto”.

Il ragazzo di Lunghezza, zona est di Roma, ha proseguito: “In me c’è tanta voglia di dimostrare che questa categoria la posso fare e che sono al passo degli altri. Ho quindi ancora più voglia di dimostrare agli altri che ci sono. Non ho avuto sinora il rendimento della passata stagione ma sono categorie diverse. Cerco di fare sempre meglio e voglio tornare ai livelli dell’anno scorso. Mi sto allenando alla grande”.

I rapporti con i compagni? “Mi trovo bene con tutti, è arrivato Celli che è romano come me, abitiamo anche vicini, ma i nuovi si sono inseriti in maniera perfetta. Come è successo a me quando sono arrivato a gennaio, all’epoca mi sono trovato subito bene. Il nostro è un gruppo da «tutti insieme», tutti hanno un unico obiettivo”.

Sul bilancio di queste prime sette partite del Foggia, Deli ha affermato: “Senz’altro il bicchiere e mezzo pieno. Abbiamo imposto il nostro gioco con tutti a parte le parentesi di Pescara e Avellino. Del resto in campionato non ho visto «fenomeni», siamo sulla strada giusta e continuando così fare bene. Stiamo lavorando per migliorare: la fase difensiva parte dagli attaccanti, dobbiamo stare stretti e concentrati e limare i piccoli errori commessi. Il Foggia ha raccolto poco meno di ciò che abbiamo meritato: possiamo fare bene e possiamo fare molti punti in più”.

A centrocampo c’è molta concorrenza: “Siamo tanti in quel settore, il mister sceglie chi far giocare. Io devo migliorare in fase difensiva, che so essere una mia carenza, e sto lavorando sotto questo aspetto”. Una battuta finale sul campionato e sull’Empoli: “Il campionato è bellissimo e competitivo, ma noi ce la possiamo giocare con tutti. L’Empoli è un’ottima squadra: davanti sono forti, quindi dobbiamo essere concentrati al massimo, colpirli nei loro punti deboli. Dobbiamo andare a imporre il nostro gioco, cercare di fare il massimo e portare via il risultato”.



Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti