Stroppa, allenatore Foggia Calcio: “Un secondo tempo che deve darci fiducia. Oggi non potevamo perdere”

Stroppa, allenatore Foggia Calcio: “Un secondo tempo che deve darci fiducia. Oggi non potevamo perdere”


Stroppa, allenatore Foggia Calcio: “Un secondo tempo che deve darci fiducia. Oggi non potevamo perdere”

Giovanni Stroppa, tecnico del Foggia Calcio, è intervenuto nel corso della trasmissione post partita di Sky per commentare la vittoria 3-1 sul Carpi, la prima stagionale e la prima dopo 7058 giorni dopo l’ultima del 24 maggio 1998 a Castel di Sangro (0-1). Questo uno stralcio delle sue dichiarazioni: “Sono contento anche di aver smentito quelli che dicevano che la condizione fisica non era ottimale. Aver fatto questo secondo tempo contro un Carpi così fisico e arroccato dietro spero che possa essere un punto di partenza e che ci possa dare fiducia. Rivincere in Serie B dopo tanti anni è bello”.

A decidere il match sono stati anche i cambi operati da Stroppa. Floriano è entrato nell’azione del pareggio ed ha servito l’assist per il vantaggio. Chiricò e Beretta, altri subentrati, hanno siglato una rete: “Abbiamo tanti calciatori bravi e se li metti dentro nel momento giusto possono fare la differenza. L’anno scorso la rosa ci ha fatto fare il salto di qualità e spero che questo accada anche quest’anno. La svolta? Ci siamo ritrovati. Nelle difficoltà abbiamo azzerato tutto. A Pescara ho visto una buona partita ed abbiamo preso uno schiaffo nel momento migliore, con l’Entella abbiamo giocato bene. Ad Avellino no. Ci siamo guardati in faccia e c’è stato un avvicinamento ulteriore della tifoseria con la squadra. La squadra ha risposto alla grande”.

Poi il tecnico si è spostato in sala conferenze del Cabassi: “Da subito ho pensato che la partita potesse andare bene. Si poteva uscire con un risultato diverso ma la squadra era attenta determianata e concentrata. Faceva quello che avevamo preparato. Forse le mancava lo spunto negli ultimi metri ma avevamo difronte una squadra che ha subito un solo gol. Sull’1-0 abbiamo avuto buon possesso e gioco. Il gol nel secondo tempo chi ha dato qualcosa in più nella convinzione di poterla portare a casa. Per la qualità della corsa ho visto un Foggia in palla e in gamba. Gli episodi? Non siamo stati fortunati in questo inizio di campionato. Nell’ora in cui siamo stati in partita a Pescara il portiere ha fatto cose incredibili. Abbiamo tirato 22 volte in porta senza portare a casa la vittoria. La partita in casa con l’Entella ci ha dato la consapevolezza di potercela giocare in questa categoria. La partita di Avellino, invece, avrebbe ammazzato chiunque. Tolto qualsiasi certezza. Quella di Palermo poi ci ha dato ulteriore consapevolezza di potercela fare. Oggi siamo entrati in campo al 100%. Non potevamo perdere. C’era determinazione, cattiveria e qualità nel palleggio. Ci eravamo ritrovati domenica scorsa e oggi abbiamo consolidato. Abbiamo dimostrato di poter essere protagonisti in questa categoria con tutta l’umiltà del caso. Non voglio passare per presuntuoso. Ma se mettiamo in campo queste caratteristiche possiamo mettere in difficoltà chiunque.



Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti