Header ad
160×600 empty

Amedeo Grieco: “Palermo, attento al Foggia Calcio”

Amedeo Grieco: “Palermo, attento al Foggia Calcio”


Amedeo Grieco: “Palermo, attento al Foggia Calcio”

Sabato allo Zaccheria il Foggia Calcio affronterà il Palermo, una partita che farà rivivere l’atmosfera della Serie A. I tifosi rossoneri sono carichi…

Intervistato da Mediagol.it, il super tifoso del Foggia Calcio Amedeo Grieco, protagonista insieme a Pio D’Antini della trasmissione “Emigratis”, ha parlato della prossima sfida casalinga con il Palermo: “Ci aspettavamo di meglio dall’inizio di campionato del Foggia, ho assistito a tutte e tre le partite della squadra andando sia a Pescara che ad Avellino. Se a Pescara si poteva perdonare ad Avellino invece è stata una debacle totale. Siamo fiduciosi, è nella nostra indole esserlo e non possiamo essere di certo così scarsi dopo due mesi. Problema? Secondo me si tratta dell’approccio alla categoria, fino a qualche mese fa giocavamo sul velluto in Lega Pro perché eravamo nettamente più forti dal punto di vista tecnico rispetto le altre. In Serie B ci vuole qualcosa in più e spero i ragazzi l’abbiano capito dopo la batosta di Avellino. Voglio pensare che siamo competitivi, non ho visto abisso con Pescara ed Entella, in casa con i liguri abbiamo stradominato e hanno pareggiato su rigore. Sono fiducioso per l’aspetto tecnico, per quello mentale spero che i ragazzi capiscano la categoria.

Il binomio Zamparini-De Zerbi non è andato per niente bene (ride, ndr). Roberto è particolarissimo e penso sia uno dei tecnici più forti e preparati che esistano. Deve limare alcuni aspetti caratteriali ma è giovanissimo e capirà con queste lezioni, diventerà un grande. Forse il problema è stato il doppio salto dalla Lega Pro alla Serie A, ma anche l’approccio mentale allo staff e chi lavora con lui. E’ un complesso di cose, lui è particolare e capirà. Differenze con Stroppa? Il gioco di De Zerbi è molto più orizzontale, con Stroppa invece si va in verticale per cercare l’appoggio dell’attaccante. Con Roberto il gioco si fonda sull’estenuante possesso palla che a volte paga e altre no soprattutto in fase difensiva sulle distrazioni di giocatori che tecnicamente non sono da A. Non buttare mai palla non paga sempre, a Foggia l’abbiamo visto.

De Zerbi voleva portare a Palermo Vacca, Gerbo e Iemmello, conosco tutti e tre e sono tre bravi ragazzi. Dal punto di vista professionale sono tre esempi e tecnicamente valgono più di quanto ottenuto fin qui nella loro carriera. Iemmello si sta prendendo il posto che merita in A con la maglia del Benevento e spero accada presto con quella del Foggia per Gerbo e Vacca, questo però è un sogno.

Chi toglierei al Palermo? Ne avete tanti, se fossi in voi non sarei deluso dalla discesa in B ma quasi certo del ritorno in A. Il Palermo ha uno squadrone incredibile, vi invidio e temo tutti. Nestorovski, Chochev e Aleesami ma anche Coronado, sono tanti e faccio scegliere a voi chi togliere. Fosse possibile al Fantacalcio punterei assolutamente su Nestorovski,  è l’Higuain della Serie B e quest’anno farà un sacco di gol. Al Fantacalcio si vince facendo gol, quindi prenderei lui su tutti. Prossimamente saremo a Palermo con la nostra tournée e magari uniremo l’utile al dilettevole pensando a qualche esultanza particolare per Nestorovski e Coronado.

Promozione? Vedo strafavorite due squadre, ovvero Palermo e Frosinone, subito dopo Carpi, Perugia ed anche il Parma. Dietro Palermo e Frosinone c’è un bel gap, fossi in voi sarei fiducioso. Ma i campionati si vincono giocando a pallone, chi arriva dalla C o dalla A ha lo stesso problema di adattamento alla categoria.

Zamparini? Posso capire i tifosi, sono esigenti soprattutto in una grande piazza come Palermo. Non conosco Zamparini, ma il curriculum parla per lui e deve essere molto complicato avercene a che fare. La vicenda con Baccaglini è stata molto simpatica e mi ha divertito (ride, ndr). Nel prossimo “Emigratis” cercheremo di intercettarlo in Brasile e parleremo anche di Palermo. I tifosi hanno le loro ragioni per non essere sereni.

Come si affronta il Palermo? Sicuramente non devo dirlo io che sono un semplice spettatore, chi più degli addetti ai lavori stessi può sapere come fare. Oltre ogni modulo penso conterà l’approccio mentale, in settimana si è sentito molto il dispiacere dei giocatori ed il Palermo troverà una squadra agguerrita. Spero da tifoso riusciremo a cavarcela, è tra le partite più difficili della stagione. Confido in un pronto riscatto, ma firmerei anche per un pari”.

Visita: Foggiasport24.com
CLICCA QUI
per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook
CLICCA QUI per scaricare gratis la nostra app Android



Biografia Autore

Potrebbero interessarti