Header ad
160×600 empty

Coppa Italia: Vicenza e Sampdoria sulla strada del Foggia Calcio, vittime delle rovesciate di Bozzi: «questione d’istinto. E i rossoneri…»



Coppa Italia: Vicenza e Sampdoria sulla strada del Foggia Calcio, vittime delle rovesciate di Bozzi: «questione d’istinto. E i rossoneri…»

Si riparte. Il Foggia si prepara a scendere in campo a Vicenza per il Secondo Turno di Coppa Italia. Si doveva giocare allo Zaccheria, ma i lavori di adeguamento dello stadio hanno imposto alla società l’inversione di campo. Sarà gara ad eliminazione diretta. Chi vince si prende la Sampdoria al terzo turno. Ecco che allora spunta un filo rosso che segretamente collega il Foggia Calcio al Vicenza e alla Sampdoria. Ha il nome di un grande del passato: Stanislao Bozzi. Eroe della promozione in Serie B del 1980 e socio della premiata ditta “Bozzi e Tivelli”, quella de “i gol più belli”. Il suo soprannome allo Zaccheria era “Farfallino”, per la leggerezza stilisticamente simile alla farfalla, con la quale si librava in volo per colpire la palla in rovesciata. Un po’ bomber un po’ acrobata, Bozzi ha avuto nel gesto caro ai campioni il suo marchio di fabbrica.

ROVESCIATA – La rovesciata nel diluvio di Marassi che valse la vittoria sulla Sampdoria è diventato un pezzo di storia del calcio nostrano. Il 9 novembre 1980 il volo di Marassi, l’11 gennaio 1981 quello dello Zaccheria. Vittima il Vicenza (nel video). Ecco il fato. Vicenza e Sampdoria unite al Foggia Calcio sull’asse della Coppa Italia, unite (e punite) dal bomber Stanislao “Enzo” Bozzi. «Due gol bellissimi, da incorniciare tra i ricordi più preziosi», dice il bomber. «Quello contro la Sampdoria l’ho visto più volte su Youtube, quello contro il Vicenza l’ho riscoperto solo un anno fa, grazie all’amico e tifoso Francesco Doria che lo ha scovato negli archivi delle tv nazionali. Quando l’ho rivisto confesso di essere rimasto a bocca aperta. Non lo ricordavo così bello. Quello di Genova è stato il coronamento di un’azione molto spettacolare, tutta di prima, ed è stato importantissimo per il nostro campionato, ma quello allo Zaccheria contro il Vicenza è il mio preferito. Il gesto tecnico è meraviglioso, la rovesciata altissima».

ACROBATA – Due gol degli undici totali realizzati in quel campionato cadetto. Uno più bello dell’altro. «Eh già. Ricordate quello contro il Palermo? Peccato non ci siano le immagini. Così come quello realizzato sempre contro il Vicenza nella gara di ritorno. Ma in quei momenti, a parte le celebrazioni dei tifosi, non ti rendi conto di quanto hai fatto. Mi sembrava tutto normale. Oggi, invece, con la maturità, riesco a guardare tutto con occhi diversi. E noto particolari che prima non coglievo. E l’affetto dei tifosi su Facebook è tangibile, palpabile. Bellissimo». Ma qual è il segreto per realizzare rovesciate così belle e perfette? L’esperto risponde: «Il segreto è non pensarci. La rovesciata è un gesto istintivo. Se ci pensi hai già perso l’attimo. Di una rovesciata ti accorgi solo dopo che l’hai fatta. Vedi la palla alta e cogli l’attimo, consapevole di un gesto tecnico che hai nelle corde. E in partita provi a materializzare quello che provi in allenamento. Caravella in ogni seduta mi serviva palloni al bacio per la rovesciata e, guarda caso, proprio lui mi ha scodellato l’assist contro il Vicenza. Anche se poi, in partita, ti assumi anche il rischio di finire col sedere per terra senza colpire la palla. Ma come non pensi alla rovesciata, così non pensi ai rischi. Lo fai e basta…».

SERIE B – A una manciata di giorni dall’inizio del campionato Bozzi commenta anche le chance del Foggia Calcio in una categoria ritrovata dopo 19 anni di assenza: «Sono ottimista.  I rossoneri hanno il dovere di crederci. Avete visto chi è salito negli ultimi anni? Crotone, Spal, Benevento…  Sembra che basti crederci per riuscire a fare grandi grandi risultati. Poi i calciatori devono considerare solo per un attimo che maglia indossano e in quale piazza stanno giocando e le motivazioni verranno fuori da sole».

Bozzi Rovesciate Foggia Calcio
A sx la rovesciata allo Zaccheria contro il Vicenza, a dx la rovesciata a Marassi contro la Sampdoria


Biografia Autore

Domenico Carella

Direttore di Foggiasport24.com - Giornalista del Corriere del Mezzogiorno (dorso del Corriere della Sera) e conduttore della trasmissione social "4 Amici al bar", in onda tutti i lunedì su youtube e i maggiori social network. Autore dei libri "Diavolo di un satanello", "E il diavolo ci mise la coda", "GI4NNI PIR4ZZINI, una vita da capitano" e "Foggia - Inter 3-2, 31 gennaio 1965, l'impresa degli eroi di Pugliese".

Potrebbero interessarti