Final Eight Primavera: il pensiero di Colucci e Di Bari

Final Eight Primavera: il pensiero di Colucci e Di Bari


Inter Campione d’Italia, Fiorentina sconfitta in finale. Questo il verdetto delle Final-Eight Primavera disputate in Emilia dal 4 all’11 giugno. Sul manto erboso del Mapei Stadium di Reggio Emilia e su quello del Tardini di Parma è passato il meglio del calcio giovanile italiano. Sugli spalti, spettatori interessati, c’erano dirigenti, allenatori, osservatori provenienti da tutta Italia. Il Foggia Calcio era presente con una ‘task-force composta dal Direttore Generale Giuseppe Colucci, dal Direttore Sportivo, Giuseppe Di Bari, dal Mister Giovanni Stroppa e dal Responsabile del settore giovanile Elio Di Toro che per tutto il periodo del torneo ha assistito con grande interesse alla manifestazione: “Stiamo mettendo in atto una ristrutturazione del settore giovanile – sono le parole del DG rossonero Giuseppe Colucci – ovvio che dovessimo essere presenti a Reggio Emilia e Parma dove c’era il meglio dei settori giovanili italiani”. Tanti talenti, ma, per Colucci, anche tanta esterofilia: “E’ stata una delle cose che mi ha colpito negativamente, nei nostri settori giovanili ci sono troppi giocatori stranieri, un aspetto che non condivido”. Il Foggia il suo allenatore, Giovanni Stroppa, lo ha già per la prossime due stagioni (con opzione anche per la terza) ma questo non impedisce a Colucci di fare i complimenti al tecnico Viola Federico Guidi: “La sua Fiorentina – confida Colucci – mi è piaciuta molto. Un insieme di talenti molto ben organizzati, che gli ha permesso di eliminare con merito Atalanta e Juventus prima di capitolare in finale contro l’Inter. Credo che Guidi con il suo secondo Riela siano pronti per il salto con una squadra professionistica”. Capitolo giocatori: “Beh, ce ne sono tanti qui in queste finali, ma non voglio invadere il campo di Di Bari, giudicare e scegliere giocatori è un compito che spetta al nostro Direttore Sportivo Giuseppe Di Bari, un compito che fino ad oggi ha assolto con grande competenza”. E allora sentiamo Di Bari concentrando i giudizi sulle 4 semifinaliste, Juventus, Inter, Roma e Fiorentina, e cercando di capire quali sono i migliori giovani in circolazione: “Premesso che molti di loro hanno già fatto l’esordio in Serie A e che potrebbero anche ben figurare già da adesso nella massima Serie, ritengo che per quasi tutti sarebbe opportuno andare a giocare con maggiore continuità. E’ il caso dello juventino Moise Kean (doppia nazionalità, Costa D’avorio e Italia, attaccante, del 28 Febbraio 2000). Aldilà dell’errore su rigore in semifinale (cucchiaio tentato e non riuscito ai danni del portiere della Fiorentina Cerofolini che ha fatto perdere l’accesso alla finale ai bianconeri), Kean è un elemento di sicuro avvenire. Sempre nella Juve mi piacciono Franck Kanoutè  – centrocampista senegalese nato il 13 Dicembre 1998 –  anche se nelle finali non stava bene, Rogeiro – terzino sinistro brasiliano nato il 13 Gennaio del 1998 – e Luca Clemenza, trequartista e capitano della Primavera bianconera, nato il 9 Luglio ’97”. Proseguiamo con i talenti nerazzurri dell’Inter: “Qui non scopro nulla se parlo di Pinamonti (16 Maggio ’99), 16 gol nella Regular Season del torneo Primavera, 1 gol nella fase finale, esordio in Europa League a Dicembre contro lo Sparta Praga prima ancora di esordire in Serie A: un predestinato. E poi altri con sicuro avvenire sono l’esterno d’attacco Axel Mohamed Bakayoko, francese (06 Gennaio ’98) e il centrocampista belga Xian Emmers (20/07/99)”. Fiorentina: “Nella ‘viola’ mi piacciono il centrocampista senegalese Abdou Diakhate (31/12/98), il centrocampista Mattia Trovato (27 Gennaio ’98) e l’attaccante esterno Riccardo Sottil (03/06/’99)”. Si chiude con la Roma partendo da un calciatore già citato recentemente dal DS rossonero: “Si è vero – ammette Di Bari – si tratta di Riccardo Marchizza (26 Marzo ’98) difensore centrale (ma con il vizio del gol, 5 nel Campionato Primavera e 3 in Coppa), del terzino sinistro croato Silvio Anocic (10/09/97), del trequartista Mirko Antonucci (11/3/99) , e degli attaccanti Edoardo Soleri (19/10/97) e Marco Tumminello (06/11/98)”. Insomma di talenti in giro ce ne sono molti vedremo chi tra questi riuscirà a coronare il sogno di diventare un calciatore di successo.

Area della Comunicazione

Visita: Foggiasport24.com
CLICCA QUI
per mettere MI PIACE alla nostra pagina Facebook
CLICCA QUI per scaricare gratis la nostra app Android



Biografia Autore

Potrebbero interessarti