Header ad
160×600 empty

Stroppa: “La Cremonese? C’è la determinazione giusta per fare risultato. Mazzeo è il centravanti perfetto”

Stroppa: “La Cremonese? C’è la determinazione giusta per fare risultato. Mazzeo è il centravanti perfetto”


Penultimo impegno stagionale per il Foggia che domani sera allo Zaccheria riceverà la Cremonese per la 2ª giornata della Supercoppa. In sala stampa è intervenuto il tecnico rossonero Stroppa che così ha presentato il prossimo avversario dei satanelli: “La Cremonese è una squadra di assoluto livello che ha vinto meritatamente un girone che a un certo punto sembrava deciso in favore dell’Alessandria. È una formazione da temere indipendentemente da chi giocherà, è esperta con giocatori che hanno fatto la «B», con un allenatore che ha vinto campionati e che stimo tantissimo.

Certo Cremonese-Venezia è da valutare solo in piccola parte perché la Cremonese aveva dato tanto e non aveva la cattiveria delle prestazioni precedenti, come del resto anche il Venezia. In più faceva caldo e Tesser ha cambiato alcuni giocatori e quindi non ho visto la squadra che mia aveva impressionato in altre occasioni.”

“Sarà comunque un match che affronteremo come gli altri”, ha aggiunto il tecnico lodigiano, “non credo avremo la cattiveria del campionato, ma ciò non significa assolutamente – e su questo voglio essere chiaro – che non avremo la determinazione giusta per fare risultato, è solo un fatto fisiologico per il momento in cui arriva questa partita. Noi abbiamo comunque voglia di giocare, di tornare in campo, abbiamo perso un po’ di ritmo ma lo abbiamo ritrovato in settimana. La squadra mi sorprende ogni giorno di più perché continua a lavorare con intensità e concentrazione. Ha una mentalità vera, professionale e questo non è scontato. Ho letto interviste dei miei giocatori che vogliono vincere.

La squadra si sta allenando bene, non c’è la stessa tensione del campionato però c’è la volontà di fare la partita con la determinazione giusta per fare risultato. L’importanza della Supercoppa sta nel blasone di potersi confrontare con squadre importanti come Venezia e Cremonese. C’è voglia di vedere anche com’erano gli altri gironi. L’ideale sarebbe vincere con uno scarto tale da poter anche pareggiare a Venezia.

È un peccato che si annuncino meno presenze del solito sugli spalti. Un pubblico superiore avrebbe potuto dare più importanza alla partita. Ma vanno comunque benissimo i tifosi che ci saranno. Giocherà la formazione titolare (non disponibili solo Empereur, Faber e Martino ndr), perché il turn over, rigiocando il sabato successivo, non avrebbe nemmeno senso.”

Esaurito il capitolo Supercoppa, veniamo al futuro: “Con la società non ci sono problemi, è tutto a posto, c’è solo da firmare ma non c’è una data definita.” Sul mercato Stroppa ha dichiarato: “Non ho ancora dato nessun nome alla società, quindi i giocatori devono essere tranquilli. Ho già detto che non entro in competenze altrui, ho dato dei nomi a gennaio e lo farò anche a fine campionato per poter allestire la squadra del prossimo anno, tenendo conto però di tanti aspetti. Farò presenti le mie indicazioni ma non entro in altri ambiti. È un lavoro di equipe con Di Bari, Colucci e la proprietà. Cercheremo di fare le scelte giuste.”

A proposito di mercato, però, un’indicazione chiara arriva dal mister e riguarda il miglior elemento rossonero in stagione, Fabio Mazzeo: “È per me il centravanti perfetto e sarà il centravanti titolare anche in serie B. È straordinario sotto tutti gli aspetti, per me è imprescindibile, non posso privarmi di lui nemmeno se facessimo la serie A. E non solo per i gol, ha una capacità di muoversi che non ha nessuno. Lavora, corre, fatica, fa sacrifici, non molla mai.”

Una battuta l’allenatore lombardo la dedica anche ad Agnelli (“Di lui abbiamo già parlato tantissimo, non solo come calciatore. È un valore aggiunto per lo spogliatoio”) e Vacca (“Vacca è un giocatore straordinario, che non ha la stessa stima di sé stesso di quanta ne hanno gli altri di lui. Non dico che deve essere presuntuoso, solamente deve avere più autostima per migliorarsi e diventare ancora più bravo. È uno che potrebbe giocare in tutte le categorie”).

Infine Stroppa riserva qualche parola anche al torneo di B, che ieri ha chiuso la sua stagione regolare: “Mi aspettavo che il Frosinone salisse direttamente in «A», il Perugia ha giocato bene. Ma in generale è un campionato difficilissimo, che riserva sempre grandi sorprese. Bisogna avere equilibrio e mentalità, perseverare e non mollare mai.”



Biografia Autore

Gianpaolo Limardi

Giornalista romano "trapiantato" a Foggia. Ha seguito la Lazio come inviato, radiocronista e commentatore per Radio Flash Roma. Da anni si occupa di serie B e Lega Pro; ha maturato una conoscenza specifica del calcio sudamericano, in particolare di quello brasiliano di cui è grande estimatore, oltre che appassionato. E del quale sente una costante "Saudade".

Potrebbero interessarti